Connect with us

Musica

Still G e l’hip hop delle origini: “Oggi il trap non dice nulla”

Pubblicato

-

Abbiamo incontrato Mauro Storelli in arte Still G: milanese classe ’81, attivo sulla scena Rap-Hip Hop dal 2009.

Molto conosciuto nell’underground del rap italiano ed internazionale ecco che in occasione dell’uscita del suo ultimo album “Portrait of an italian G funkster” prodotto dalla casa discografica GenialSong-music promotion for Artist, anticipato dal singolo Collision Course presente stabilmente nella top 20 dei cosiddetti artisti “indipendenti” quelli senza una major discografica alle spalle.

Il suo obiettivo? Quello di riportare in vita le vere sonorità Hip Hop dei primi anni 90, accompagnate dal giusto soul, dal giusto funk e da una vera musica suonata e cantata che riesce ancora a trasmettere emozioni.

Pubblicità
Pubblicità

Ciao Still, cosa vorresti dire alle nuove generazioni con il tuo ultimo album ?

Voglio dire ma soprattutto trasmettere alle nuove generazioni quello che ho provato a 15 anni quando mi esprimevo con il rap e l’Hip hop. La musica serve per uscire da situazioni spiacevoli, di disagio.

Oggi sembra che i giovani abbiano smesso di lottare invece devono continuare a lottare e non arrendersi, con il mio album invito loro ad esprimersi così come sono e fregarsene di quello che dicono gli altri che non la pensano come loro.

Oggi sembrano mutati sia il Rap che l’Hip Hop, tutto sembra sia diventato commerciale. Credi che dovrebbero tornare alle origini?

Si credo che dovrebbero tornare alle origini, oggi vedo che i problemi sono cambiati. La scena underground è molto forte e ascoltando quella musica mi fa tornare indietro quando rap e Hip Hop erano musica di strada. Oggi si ascolta il Trap ed i trapper non dicono nulla di serio mentre il rap una volta invitava la gente a ribellarsi.

Quanto è difficile oggi affacciarsi sulla scena Rap?

Molti pensano di diventare delle star grazie a Youtube e social network. Oggi si sono persi i contenuti, s’inventano storie, i trapper vogliono sembrare dei malandrini, non raccontano ciò che sono o quello che vivono. Si è persa la cultura Rap e Hip Hop, per capirla bisogna correre come i graffitari all’epoca, serve coraggio e non arrendersi.

Oggi è difficile ma non impossibile.

Musica

“Concerto delle Dolomiti – Capitanata” sabato 16 novembre alla Casa della Cultura

Pubblicato

-

Suoni, vibrazioni e immagini: tutto questo e molto di più è il concerto dal vivo con musiche a 432 Hz “Concerto delle Dolomiti – Capitanata“.

L’evento, presentato da Iolanda Guido von Guggenberg, è previsto per sabato 16 novembre alle 20.30 presso la Casa della Cultura – Waltherhaus di via Sciliar 1, a Bolzano.

Le musiche di Capitanata saranno come dolci melodie che unite alle colorate e luminose immagini e ai suoni accordati a 432 Hz, ci faranno toccare le più alte vette del nostro essere speciale sino ad arrivare all’apice della nostra vera energia.

Pubblicità
Pubblicità

Per vivere vere emozioni, dove la pace e la tranquillità saranno le regine in quest’oasi straordinaria delle Dolomiti, dichiarate dall’Unesco Patrimonio dell’umanità“.

Chi è Rino Capitanata

Musicoterapeuta e produttore, da anni, approfondisce la musica come veicolo per la guarigione producendo cd e tenendo seminari con illustri personaggi del mondo della spiritualità.

Ha curato la sonorizzazione del Messner Mountain Museum dell’alpinista esploratore Reinhold Messner a Bolzano.

Ha composto musica per: Brian Weiss, John Gray, Master Choa Kok Sui, Louise Hay, Deepak Chopra, Dr. Wayne W. Dyer, Esther e Jerry Hicks,Vianna Stibal, Roy Martina, Sandra Ann Taylor, Lama Gorkha, Manuela Pompas e con Giorgio Cerquetti e tanti altri ancora.

Il Potere Curativo della Musica Intervista a Rino Capitanata dal TG2 A TUTTO IL BELLO CHE C’E (Margherita Detomas, giornalista presso Rai di Bolzano) https://www.youtube.com/watch?v=EBiB9vrDb1k

Continua a leggere

Musica

Da domani è tempo di Alpen Classica Saxfest, a Bressanone fino al 17 novembre

Pubblicato

-

L’Associazione Cross Border, nata in Val di Sole nel 2016 con lo scopo di promuovere la musica Classica all’interno del contesto Euroregionale, torna a proporre il fortunato format del Saxfest, festival musicale interamente dedicato al saxofono organizzato in collaborazione con l’insegnante del Landeskonservatorium di Innsbruck Michael Krenn.

Dopo la fortunata edizione del Saxfest 2018, e dopo aver archiviato con successo la quarta edizione dell’Alpen Classica Festival andata in scena lo scorso luglio sempre a Bressanone, nell’autunno 2019 l’associazione trentina ritorna in Valle Isarco per quattro giorni di masterclass, concerti ed esposizione di materiali interamente dedicati al saxofono.

Dal 14 al 17 novembre la Valle Isarco ospiterà musicisti di livello internazionale, provenienti da Australia, Giappone, Austria, Cile, Spagna, Polonia e Italia, che trasmetteranno tutto il loro sapere ai ben 31 allievi internazionali iscritti a questa edizione.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre alle masterclass, che si svolgeranno presso il Seminario Maggiore di Bressanone, ogni sera gli alunni saranno impegnati con i loro docenti in concerti ospitati in location davvero affascinanti.

Si partirà giovedì 14 novembre alle ore 21 con “CONTEMPORARY STARS – Saxophone Solo contemporary works”, esibizione ospitata presso il seminario maggiore.

Venerdì 15, sempre ad ore 21, ci si sposta a Chiusa presso la sala da concerto della scuola musicale per “RANDOM CLASSICS – Saxofono e pianoforte”.

Sabato, in serata, il forte di Fortezza ospiterà l’esibizione dei Barionda con “ACROSS THE BARITONE SAX”. Domenica si chiude infine con un concerto maratona con allievi, docenti e l’Alpen Classica Symphony Orchestra (orchestra Euthaleia in residence) nella chiesa del Seminario Maggiore di Bressanone con “ORCHESTRAL EMOTIONS”. Inizio alle ore 16:00.

E’ per noi un piacere , dopo le due edizioni di Alpen Classica Festival, poter tornare a Bressanone per la terza edizione di Alpen classica Saxfest – spiega il direttore artistico Massimiliano Girardi, noto musicista trentino -. Il nostro format che unisce concerti a masterclass è ormai collaudato ed apprezzato, tanto che gli allievi sono in continuo aumento. Invitiamo tutti gli appassionati di musica classica a partecipare ai nostri concerti, che, grazie all’aiuto dei nostri sostenitori e partner, saranno ad ingresso gratuito”.

Locandina saxfest

Continua a leggere

Musica

Concerto jazz al Forte di Fortezza il 16 novembre con il quintetto Barionda

Pubblicato

-

Nell’ambito di Saxfest, festival internazionale con masterclass per sassofono in corso a Bressanone, sabato 16 novembre, alle ore 21, la polveriera del Forte di Fortezza ospiterà un concerto jazz del quintetto Barionda.

L’originale formazione, nella quale i sassofoni baritoni di Helga Plankensteiner, Giorgio Beberi, Florian Bramböck e Massimiliano Milesi si uniscono alla batteria di Mauro Beggio, proporrà il programma dal titolo Across the baritone sax, ovvero uno scorcio del grande repertorio jazz dove il sax baritono ha avuto un ruolo importante.

Si alterneranno dunque composizioni di Duke Ellington, di Charles Mingus e altri brani che hanno visto protagonisti grandi solisti dello strumento, come Gerry Mulligan e Pepper Adams.

Pubblicità
Pubblicità

L’ingresso è libero.

Per info: Massimiliano Girardi, tel. +43/699/17381994 o Lorenzo Largaiolli 339/1974332, info@alpenclassicafestival.com

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza