Connect with us

Musica

E’ online il videoclip “Dal Paese reale”, il nuovo singolo di Vincenzo Incenzo

Pubblicato

-

Dopo il successo del brano apripista “Je Suis” è online dall’11 gennaio “Dal Paese reale” il nuovo singolo di Vincenzo Incenzo.

Un brano tratto dall’album “Credo” uscito lo scorso mese di ottobre, il primo della carriera del grande autore e cantautore italiano che ha scritto, tra gli altri, per Renato Zero, Venditti, Zarrillo, Dalla e Vanoni.

Un ottimo lavoro che ha messo d’accordo pubblico e critica che oggi esce con un video-denuncia sui migranti.

C’è una misteriosa entità, di cui tutti si riempiono la bocca – spiega Incenzo – ; è il Paese reale. Un versante ormai parallelo e onirico, che più viene nominato e più si allontana. La propaganda ha schiacciato definitivamente la realtà. Èlite e gente comune vivono in universi ormai distanti, non si incontreranno più.

Dall’alto, con un martellamento mediatico ossessivo, ci hanno detto quali sono le nostre priorità e quali i nostri nemici. Ma dentro di noi qualcosa non quadra. Il cuore e la testa ancora hanno ancora memoria, desideri, passioni. Provare a dire la verità, almeno a se stessi, è l’unica rivoluzione ancora possibile“.

Una canzone anomala, che demolendo il linguaggio mediatico corrente, denuncia lo stato confusionale in cui versa l’Italia in queste ore, dai migranti in mare alla crescita della violenza politica, dalle lobby economiche al vuoto culturale, dalla disoccupazione alla guerriglia urbana.

Il brano si tinge di codici musicali progressive, con un intervento straordinario alla tromba di Fabrizio Bosso, e con una sorprendente tessitura di cori curata da Renato Zero, produttore dell’album.

Un video visionario, romantico e politico, in cui un cantante pazzo, simbolo della minoranza, cerca di articolare il suo dissenso affiancato da una band di pappagalli, metafora dei replicanti che il Sistema diffonde.

La sua anima inquieta si ribella, esce dal corpo. Grida. Un sicario ingaggiato dal Sistema deve sistemare la faccenda.

Introducendosi furtivo nel teatro dove la band sta suonando, presenta la sua arma di distruzione: non una pistola o un fucile ma uno smartphone, il vero elettroshock del nostro tempo.

L’irresistibile tentazione di un selfie scatena un finale sorprendente e inaspettato.

Pubblicità
Pubblicità

Musica

Avril Lavigne dopo la malattia parla del nuovo album: “Avevo accettato la morte”

Pubblicato

-

Dopo un’attesa di ben 3 anni torna sulle scene discografiche la cantautrice canadese Avril Lavigne con il nuovo album Head Above Water.

L’assenza della cantautrice era dovuta alla malattia di Lyme, o borrelliosi, patologia che viene trasmessa dalle zecche e che si presenta inizialmente con un piccolo eritema passando poi a spossatezza, febbre e dolori articolari per arrivare infine, se non curata in tempo, ad artrite cronica o raramente a perdita di memoria e instabilità comportamentale.

L’artista, durante una recente intervista ha così dichiarato: “Avevo accettato la morte e potevo sentire il mio corpo che si spegneva“.

Il ritorno sulle scene avviene lo scorso 19 settembre proprio con Head Above Water, il singolo da cui prende nome l’intero album; la canzone racconta la convalescenza di Avril che ha dichiarato in una lettera ai fan di sentirsi come se venisse spinta sott’acqua e dovesse combattere per tenere la testa fuori dall’acqua per respirare.

Per informare e dare supporto alle persone sulla malattia di Lyme è stata fondata la The Avril Lavigne Foundation. 

Le altre tracce dell’album portano avanti il femminismo e il senso di indipendenza che è tipico del suo stile. In particolare Dumb Blonde, terzo singolo estratto dall’album, prodotto in collaborazione con la rapper statunitense Nicki Minaj, brano molto più ritmato rispetto agli altri che invita a non cedere agli stereotipi e a mostrare coraggio e carattere contro misoginia e oppressione.

Un album di ritorno potente e molto intimo tra i più attesi del 2019 secondo il sito di Billboard e che sicuramente non deluderà i fan che lo hanno aspettato così a lungo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Musica

Livia Bertagnolli è la nuova direttrice della Scuola di musica Vivaldi

Pubblicato

-

Livia Bertagnolli è la nuova direttrice della Scuola di musica Vivaldi.

Diplomata in pianoforte, musica corale e composizione, insegna all’istituto dal 1995, dove è stata anche vicedirettrice.

In seguito al pensionamento di Elettra Vassallo a dicembre Bertagnolli ha vinto il concorso per la direzione, e il 28 gennaio ha firmato definitivamente il contratto.

Dopo molti anni di attività come insegnante ho pensato a lungo se candidarmi per ricoprire un ruolo amministrativo, ma ora sono felice della scelta che ho fatto perché questa scuola rappresenta un unicum a livello nazionale e credo che abbia un’importante funzione anche dal punto di vista sociale“, sottolinea la nuova direttrice.

Dotata di un organico di 75,5 posti (corrispondenti ad 85 persone), la scuola Vivaldi forma oltre 3.000 allievi nei corsi di strumento e canto. Nell’anno scolastico in corso, inoltre, attraverso i progetti avviati nelle quarte e quinte elementari raggiunge altri 3.600 bambini.

All’interno della scuola sono attive 16 formazioni, fra orchestre, cori e gruppi. Fra le proprie priorità Livia Bertagnolli indica prima di tutto “l’aumento dei docenti in pianta organica, visto che il carico di lavoro è cresciuto molto, ed è anche fondamentale introdurre nuove energie“.

Secondo la nuova direttrice le “forze fresche” sarebbero molto importanti per potenziare l’offerta e il radicamento della scuola nelle sedi periferiche.

Come obiettivo strategico, infine, “è importante incrementare le sinergie tra la nostra scuola, il Conservatorio, l’Università e le scuole musicali in lingua tedesca“.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Musica

Scuole musicali, più contratti a tempo indeterminato per gli insegnanti

Pubblicato

-

Con l’obiettivo di aumentare il numero di contratti a tempo indeterminato nelle scuole musicali della provincia, la Giunta, su proposta del presidente ed assessore al personale Arno Kompatscher, ha modificato i criteri di accesso per il personale docente.

Il nostro obiettivo è quello di aumentare il numero di insegnanti assunti con contratto a tempo indeterminato nelle scuole musicali“, afferma il presidente.

La delibera approvata il 29 gennaio prevede che siano ritenuti validi titoli d’accesso alle graduatorie per le scuole di musica della Provincia le abilitazioni all’insegnamento conseguite in uno Stato membro dell’Unione europea o in uno Stato equiparato che non necessitano di misure compensative ai sensi della direttiva europea sul riconoscimento delle qualifiche professionale.

Le domande per l’inserimento nelle graduatorie vanno fatte presentate entro il 28 febbraio.

Per ulteriori informazioni (in lingua tedesca) è possibile consultare il portale web della Provincia dedicato al personale nella sezione incarichi e concorsi del personale insegnante delle scuole di musica.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Archivi

Categorie

di tendenza