Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Dillo a Noi

Svp e il terzo incomodo che non ti aspetti: è scontro con la Lega e il Principato trema

Pubblicato

-

Foto Corrado Poletti
Condividi questo articolo




Pubblicità

Il terzo incomodo che non ti aspetti: erano anni che la Sudtiroler Volkspartei vendeva al miglior offerente i suoi voti in Parlamento con l’unico scopo di poter gestire la propria autonomia, anche oltre il consentito.

La prassi? Si sceglieva il partner di Giunta vicino al Governo nazionale e voilà, “le jeaux son faites… rien ne va plus”, i giochi erano fatti.

Nulla più impediva al partito di maggioranza sudtirolese di mettere in atto i propri disegni economico-politici nel proprio piccolo e dorato Principato.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ora però che succede?

La prassi è stata seguita, l’intoccabile asse politico-istituzionale italo-sudtirolese gode pur sempre anche del beneplacito e della simpatia della più alta carica dello Stato, quel presidente Mattarella che è venuto in pompa magna a festeggiare non di meno il compleanno della società privata che detiene il monopolio assoluto dell’informazione in Alto Adige.

Benché fermi cattolici tradizionalisti, hanno persino fatto un patto di maggioranza con i sovranisti del: “PRIMA GLI ITALIANI”, con quei populisti dell’AUSLANDER RAUS?”. Probabile indigesto boccone da far digerire al proprio elettorato, ma tant’è.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Con un colpo di ramazza, via sotto il tappeto i proclami tanto scomodi alla chiesa e a tutto il mondo cattolico sudtirolese e si fa il patto di Governo con la Lega.

Ma qualcosa non va. Cominciano ad essere continuamente “punzecchiati” da Roma su argomenti per i quali, forse erroneamente, presumevano godere di autonomia assoluta ed incondizionata: la Sanità.

A Roma qualcuno si è accorto che in Alto Adige le cose non funzionano così come si vuol far credere o vedere all’esterno. Si cominciano ad esplorare l’organizzazione e le sue diverse strutture organizzative pubbliche.

Si scoprono i primi segnali di anomalia: pratiche oramai consolidate d’assunzione, gestione dei contratti, applicazione di norme, delibere e determine sui vitalizi ai politici, compensi e quant’altro.

Pratiche che in realtà sia per Statuto che per legge nazionale, dovrebbero essere fatte in una certa maniera, vengono invece, a quanto pare, eseguite in un’altra.

E partono gli esposti alla Procura e alla Corte dei Conti. Soprattutto sulla sanità, la macchina amministrativa pubblica dimostra le sue debolezze, le sue fragilità, le sue inadempienze.

Quali i motivi? Quali le ragioni? Dove allocare il “locus of control” della situazione?

Importante è probabilmente la loro individuazione. Sarebbe un punto da cui partire per riorganizzare un sistema fin troppo autonomo, per pianificare corrette e legittime azioni di ripristino, ancor prima che amministrativo, politico.

Diceva qualche mese fa il governatore provinciale: “Voi 5 Stelle siete la rovina dell’Italia”.

Che sia ancora convinto che tutto ciò derivi da una incapacità del Governo dei cittadini? Che sia forse dell’idea che a rompere le uova nel paniere del “Abbiamo sempre fatto così” siano “quegli incapaci degli alleati di Salvini a Roma?

Non credo sia possibile che la Sanità Sudtirolese sia messa come è messa per colpa di chi regola l’andamento della Nazione, come previsto dalla legge.

Sarebbe come ammettere che la politica locale si è sempre sentita e continua a sentirsi autorizzata ad amministrare “AL DI FUORI DELLA LEGGE”, perché di fatto, QUEST’ULTIMA IMPEDIREBBE LA GESTIONE PERSONALIZZATA DEL POTERE.

Sull’efficenza e l’efficacia del funzionamento di una macchina amministrativa pubblica, ne è consolidato il pensiero moderno, le teorie sono tutte incentrate su valori quali competenze avanzate e processi di esperienza validata e consolidata.

Altro che “Rovina dell’Italia”.

 

Il contributo per La Voce di Bolzano è di Corrado Poletti, Movimento 5 Stelle Alto Adige – Merano.

NEWSLETTER

Alto Adige7 giorni fa

In fuga dalla giustizia si è rifugiato in montagna, ma è stato tradito dalla propria personalità

Bolzano3 settimane fa

Tifoso bolzanino istiga dei giovani alla violenza contro dei supporters albanesi. Scatta il daspo triennale

Bolzano3 settimane fa

Scoperto magazzino di droga a Bolzano: 42enne denunciato

Bolzano3 settimane fa

Ancora problemi per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini. Il questore chiude il bar Cristallo

Alto Adige4 settimane fa

Frana a Longiarù, Val Badia (Video) proseguono senza sosta i lavori per limitare i danni. Evacuate 56 abitazioni

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige flagellato dal maltempo, alberi abbattuti, grandine e forte vento

Italia ed estero3 settimane fa

Strage a La Mecca: almeno 800 morti tra i pellegrini durante l’Hajj: cosa è successo

Bolzano4 settimane fa

Casa e lavoro del domani: visione sinergica per progettare il futuro di Bolzano

Sport4 settimane fa

Il Bolzano Baseball Club coglie la seconda vittoria sul campo amico

Bolzano3 settimane fa

Danneggia le autovetture in sosta in zone diverse della città e minaccia gli agenti

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Tragedia sui binari: donna investita e uccisa da un treno a Salorno

Bolzano3 settimane fa

Magazzini pieni e poca liquidità: negozi altoatesini in difficoltà

Alto Adige3 settimane fa

ConnX: La Rivoluzione della Mobilità Urbana Presentata da Leitner

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: 43 nuovi agenti rinforzano la Polizia di Stato

Bolzano3 settimane fa

Irrompe negli uffici della provincia, minaccia gli impiegati ed aggredisce gli agenti

Archivi

Categorie

più letti