Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Bolzano

All’ex Mignone ricordato l’eccidio nazista che fece 23 vittime

Pubblicato

-

Pubblicità


Pubblicità

Una cerimonia pubblica alla Città di Bolzano per ricordare l’eccidio nazista del 12 settembre del 1944. In questa data,un gruppo di militari tedeschi, accompagnato da guardie ucraine del Lager di via Resia, uccise 23 giovani uomini nella caserma Mignone, seppellendoli subito dopo in una fossa comune del cimitero maggiore di Oltrisarco.

Dapprima il corteo in via del Parco, quindi la deposizione di corone sulle targhe commemorative collocate nella piazzetta dedicata ai 23 martiri della Mignone, alla presenza del Sindaco del capoluogo, degli assessori provinciali e comunali, della presidente del Consiglio comunale, del Commissario del Governo, del Questore, dei rappresentanti dell’ANPI provinciale e delle varie associazioni combattentistiche e d’arma.

Presenti stamane alla cerimonia anche alcuni familiari delle vittime, mentre giovani studenti di lingua italiana e tedesca delle scuole medie Fermi ed Egger Lienz hanno letto i nomi dei caduti, quindi recitato alcune poesie e infine distribuito papaveri rossi realizzati a mano come simbolo di pace, di speranza e di fratellanza.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Il Sindaco di Bolzano ha sottolineato come i 23 caduti della Mignone siano a tutti gli effetti da considerare un simbolo di libertà. «Consapevoli dei rischi che correvano, hanno avuto il coraggio di combattere per affermare il valore assoluto della democrazia. Ecco perché è giusto ricordare questi eroi – ha detto il primo cittadino- al pari di Longon, Manci, Mayr Nusser e di tutti coloro che sono morti in nome della democrazia e della libertà.

Questo il messaggio per i giovani. Mi auguro davvero – ha concluso il Sindaco– che il futuro, anche nel nostro Paese, si possa sviluppare all’insegna del confronto civile, del rispetto e della libertà di pensiero, in modo da non avere regressioni intellettuali e cadere così nel semplicismo delle dittature». Dopo il Sindaco ha preso la parola la Presidente del Consiglio comunale che, in lingua tedesca, ha ricordato il significato del Cerimonia.

L’eccidio della Mignone, ignorato per 60 anni dalla storiografia nazionale e locale, è stato oggetto di uno studio dell’Archivio Storico della Città di Bolzano.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

I nomi delle vittime furono quando non fu più possibile associare un’identità a ciascuna salma. Per questo motivo i 23 non sono potuti tornare alle loro città d’origine, ma riposano ancora oggi nel cimitero militare di San Giacomo. Nel dopoguerra, 7 di essi furono insigniti di medaglie al valor militare.

 

Particolarmente partecipata la cerimonia in ricordo dei 23 della Mignone

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Vita & Famiglia4 settimane fa

Peppa Pig. Pro Vita Famiglia: RAI non trasmetta episodio con “due mamme”

Bolzano4 settimane fa

Giorgia Meloni sabato pomeriggio a Bolzano

Italia ed estero4 settimane fa

Morta la regina Elisabetta, aveva 96 anni. Fine del regno più lungo della storia

Alto Adige4 settimane fa

Sanità: formati dodici nuovi medici di medicina generale

Laives4 settimane fa

Tragico scontro auto – moto che prendono fuoco, due morti

Bolzano1 settimana fa

Bolzano, pessime condizioni igienico sanitarie e presenza di stupefacenti: disposta la chiusura del “Bar Ristoro Baccio” in via Milano

Bolzano4 settimane fa

Furto del monopattino elettrico, subito individuati dalla Polizia di Stato ladro e ricettatore

Bolzano4 settimane fa

Minacce di morte in una lettera anche ad Alessandro Urzì e Alessia Ambrosi

Bolzano4 settimane fa

Buoni pasto COVID-19 indebitamente percepiti: i Carabinieri sanzionano più di 300 persone

Alto Adige4 settimane fa

Comunità energetiche, forma innovativa di cooperazione

Economia e Finanza4 settimane fa

Nuovo aumento dei tassi di interesse da parte della BCE: le conseguenze per i consumatori

Alto Adige4 settimane fa

Il ricordo di chi viene dimenticato: la strage di Malga Sasso

Bolzano4 settimane fa

NOI Techpark: nuovo spazio per imprese innovative

Alto Adige4 settimane fa

Intervento dei Vigili del Fuoco ieri mattina per un bus incastrato in curva sulla strada Pana

Alto Adige4 settimane fa

Temporali con forti piogge hanno provocato lo straripamento del rio Freddo e del rio Sciliar

Archivi

Categorie

di tendenza