Connect with us

Bolzano

Martiri della Mignone: la cerimonia in ricordo delle 23 vittime dell’eccidio nazista

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Anche quest’anno la Città di Bolzano ha ricordato solennemente con una cerimonia pubblica l’eccidio nazista del 12 settembre del 1944 quando, un gruppo di militari tedeschi, accompagnato da guardie ucraine del Lager di via Resia, uccise 23 giovani uomini nella caserma Mignone, seppellendoli subito dopo in una fossa comune del cimitero maggiore di Oltrisarco. I 23 erano militari di varie regioni italiane che dopo l’8 settembre 1943 avevano deciso di combattere per il Regno del Sud.

Stamane dapprima il corteo in via del Parco, quindi la deposizione delle corone sulle targhe commemorative collocate nella piazzetta dedicata ai 23 martiri della Mignone alla presenza delle autorità politiche civili e militari, dell’ANPI, di  varie associazioni combattentistiche e d’arma e dell’Esercito.

Presenti  alla cerimonia anche alcuni parenti delle vittime e alcune classi di studenti delle scuole di Oltrisarco che hanno letto alcune riflessioni e deposto fiori come simbolo di pace,  speranza e d fratellanza.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Il Sindaco di Bolzano  nel suo intervento, ha evidenziato come i 23 martiri della Mignone siano da considerarsi veri simboli di libertà. “Consapevoli dei rischi che correvano, hanno avuto il coraggio di combattere per affermare il valore assoluto della democrazia. Ecco perché è giusto ricordare questi eroi. Spesso si sente dire di quel periodo “tedeschi cattivi, italiani buoni”: no.

Questi ragazzi sono stati arrestati dalle squadre fasciste della Repubblica Sociale di Salò che hanno aiutato le SS compiendo orrendi massacri anche in varie altri parti d’Italia.  Italiani-tedeschi erano la stessa cosa: nazifascismo contro la democrazia, contro i nuovi democratici. Questi 23 giovani soldati partecipavano alla liberazione del loro Paese.

Non c’è libertà senza pace, non c’è pace senza democrazia: valori universali dell’umanità. Noiha concluso il Sindacosiamo cresciuti nella libertà. Questi 23 giovani sono morti per noi. Certo non volevano morire, ma avevano la consapevolezza che bisognava lottare anche a costo della vita, per riaffermare i valori assoluti di libertà e democrazia. 

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Al di là dei loro nomi che resteranno scolpiti in maniera indelebile sulle targhe in questa piazza, è giusto e doveroso e non retorico ricordarli con riconoscenza, dolore, e grande vicinanza alle loro famiglie.

Sono state vite spezzate di giovani che non hanno potuto costruirsi una loro esistenza, ma che con il loro sacrificio, hanno consentito però a questo sindaco di arrivare con i capelli bianchi fin qui nella democrazia ed ai giovani qui presenti oggi e a tutti gli altri, di crescere potendo apprezzare il valore assoluto della libertà”.

L’eccidio della Mignone, ignorato per 60 anni dalla storiografia nazionale e locale, è stato oggetto di una approfondita ricerca dell’Archivio Storico della Città di Bolzano. I 23 giovani militari erano stati catturati fra la fine del 1943 e i primi mesi del 1944 in più località dell’Italia centrale e settentrionale nel corso delle loro missioni clandestine.

Dalle carceri in cui erano stati rinchiusi, erano passati poi nelle carceri veronesi, da cui poi giunsero nel Lager di Bolzano. I loro corpi furono riesumati nel giugno 1945 da una commissione alleata, che provvide a dare loro sepoltura cristiana. I nomi furono però identificati alla fine di giugno, quando non fu più possibile associare un’identità a ciascuna salma.

Per questo motivo i 23 non sono potuti tornare alle loro città d’origine, ma riposano ancora oggi nel cimitero militare di San Giacomo. Nel dopoguerra, 7 di essi furono insigniti di medaglie al valor militare proprio a motivo della loro attività antifascista e antinazista e per il modo in cui morirono.

NEWSLETTER

Arte e Cultura16 ore fa

Novemila opere d’arte e svariati palazzi storici: ecco il patrimonio Inps

Laives16 ore fa

Estate più sicura grazie ai Carabinieri. A Laives l’incontro con il sindaco reggente Seppi

Bolzano17 ore fa

Violenta rissa dopo le lezioni. Denunciati 5 allievi di una scuola media di Bolzano e uno è finito all’ospedale

Bolzano17 ore fa

Ruba all’Eurospin e minaccia un dipendente: revocato il permesso di soggiorno

Sport17 ore fa

FC Südtirol Women: 10 e lode contro il Chieti

Sport1 giorno fa

I biancorossi della primavera 2 vincono in rimonta a Brescia

Eventi1 giorno fa

Dal Giro d’Italia al Südtirol Sellaronda HERO: i grandi eventi della Val Gardena in bicicletta

Alto Adige1 giorno fa

Il vertice della Federazione Ambientalisti dal vescovo Ivo Muser

Alto Adige2 giorni fa

CNA Day celebra i mestieri e l’innovazione in piazza Matteotti

Alto Adige3 giorni fa

Donna olandese muore sull’a22, tra Egna e Bolzano Sud: nell’incidente altri tre feriti

Bolzano3 giorni fa

Straniero irregolare sorpreso a Bolzano, intervento dei Carabinieri in supporto agli uomini di “Strade Sicure”

Bolzano3 giorni fa

Chiusura temporanea per il bar “Mon Amour” a Bolzano, problemi di sicurezza e ordine pubblico

Bolzano3 giorni fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Sport3 giorni fa

Per l’FC Südtirol è un congedo senza punti con il Palermo

Laives3 giorni fa

Fogli di via, decreti espulsione, ordini di allontanamento, avvisi orali: controlli straordinari a Laives

Oltradige e Bassa Atesina7 giorni fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport1 settimana fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi7 giorni fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Bolzano4 settimane fa

Documenti di soggiorno falsi, arriva il foglio di via per due marocchini

Bolzano4 settimane fa

Due nuove sentenze (ora sette in totale) contro Volksbank: “vendita ingannevole di azioni”

Val Pusteria4 settimane fa

Brunico, arrestato un 20enne per detenzione e spaccio di stupefacenti. Sequestrati 200 grammi di droga per 344 dosi di cocaina e 1363 dosi di hashish

Oltradige e Bassa Atesina4 settimane fa

È tempo di sicurezza stradale per i “centauri” che transiteranno in Bassa Atesina e sui passi montani

Eventi7 giorni fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Merano4 settimane fa

Psoriasi, a Merano l’ambulatorio specializzato nella diagnosi e nella cura. Fra Trentino e Alto Adige ne soffrono oltre 32 mila persone

Alto Adige3 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Sport4 settimane fa

Il Tour of the Alps è partito da Egna per a 47esima edizione

Benessere e Salute4 settimane fa

Consegnato l’ambulatorio mobile alla Lilt

Italia ed estero4 settimane fa

La donna mussulmana? “Nel pollaio” ma non se ne parla

Trentino7 giorni fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Bressanone4 settimane fa

Eventi criminali alle tabaccherie, rimangono indispensabili prevenzione e collaborazione. I Carabinieri all’assemblea annuale della FIT

Archivi

Categorie

più letti