Connect with us

Ambiente Natura

Aria: online inventario provinciale emissioni inquinanti aggiornato

Pubblicato

-

È stato pubblicato in questi giorni sul portale della Provincia alla sezione ambiente l’inventario provinciale delle emissioni aggiornato, una raccolta ordinata dei dati riferiti all’anno 2019 sugli inquinanti generati dalle maggiori fonti emissive presenti sul territorio altoatesino.

Nell’inventario delle emissioni sono riportati i dati sulla natura e sulla quantità delle emissioni, sul tipo e sul luogo delle fonti emissive e sulle attività che generano tali emissioni. Per questo è uno strumento di primaria importanza per valutare la qualità dell’aria in Alto Adige e individuare i settori in cui indirizzare le misure e le azioni per ridurre le emissioni inquinanti,” sottolinea l’assessore provinciale all’ambiente ed energia Giuliano Vettorato.

L’inventario non costituisce un calcolo esatto delle emissioni, data la complessità e quantità delle sorgenti esistenti, ma è una stima degli inquinanti provenienti dall’insieme delle principali attività antropiche e naturali collocate in un determinato territorio in un certo periodo di tempo.

Pubblicità
Pubblicità

Fonti emissive ripartite in 11 macrosettori

Le attività antropiche e naturali che possono dare origine ad emissioni in atmosfera sono ripartite in 11 macrosettori, secondo la classificazione europea (CORINAIR / SNAP 97). “In Alto Adige, i due settori con la maggiore quantità di emissioni risultano essere il traffico stradale e i processi di combustione non industriale (in particolare il riscaldamento domestico)”, spiega Georg Pichler, direttore dell’Ufficio Aria e rumore dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima, ciò vale in particolare per gli ossidi di azoto (NOx), le polveri fini (PM10 e PM2.5) e il benzo(a)pirene.

Macroinquinanti atmosferici e fonti emissive

Pubblicità
Pubblicità

I macroinquinanti riportati nell’inventario sono: il biossido di zolfo (SO2), il monossido di carbonio (CO), gli ossidi di azoto (NOx), le polveri fini (PM10 e PM2.5), l’ammoniaca (NH3) e i composti organici volatili (COV).

Per gli ossidi di azoto, la fonte principale di emissione è il traffico stradale. Tuttavia, grazie ad importanti migliorie dei motori e del trattamento dei gas di scarico introdotte con le varie classi euro, si è già osservato un trend al ribasso per quanto riguarda le emissioni e che proseguirà anche nei prossimi anni.

La maggiore fonte di polveri fini consiste nella combustione domestica, soprattutto nei comuni rurali, dove le emissioni originate dalla combustione della legna in piccoli impianti (camini, stufe domestiche ecc.) non sono sufficientemente regolamentate. Il traffico motorizzato incide invece in maniera ridotta sulle emissioni di polveri, dove va altresì detto che ormai la componente di polveri legata all’usura (di freni, pneumatici e manto stradale) risulta predominante sulle polveri emesse allo scarico.

Per l’ammoniaca, la fonte principale è l’agricoltura. Negli ultimi anni, grazie all’introduzione di norme per la commercializzazione di prodotti vernicianti a basso contenuto di solventi e all’introduzione obbligatoria degli impianti di recupero dei gas di benzina presso i distributori, si sono ridotte notevolmente le emissioni di composti organici volatili (COV).

Pubblicità
Pubblicità

Microinquinanti atmosferici e gas climalteranti

Tra i microinquinanti riportati nell’inventario provinciale figurano in particolare gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), tra cui il benzo(a)pirene. Quest’ultimo è un inquinante cancerogeno per l’uomo e la fonte quasi esclusiva delle emissioni di tale specie è costituita da una combustione incompleta della legna nei piccoli impianti domestici (stufe a legna e caminetti) che non dispongono di alcun sistema di regolazione automatica del caricamento e della combustione.

gas climalteranti (gas ad effetto serra) riportati nell’inventario provinciale sono l’anidride carbonica (CO2), il metano e il protossido di azoto. Il loro contributo al cambiamento climatico viene espresso con la cosiddetta CO2 equivalente. Il settore che genera la maggior parte di CO2 equivalente è il traffico (44%) seguito dalla combustione domestica e dall’agricoltura (ambedue con il 17%).

La versione sintetica dell’inventario è consultabile sul portale della Provincia alla sezione ambiente sotto la voce pubblicazioni.

NEWSLETTER

Politica4 settimane fa

Formazione professionale, via libera al piano per il 2022

Politica4 settimane fa

Cure Monoclonali, solo tre terapie in Alto Adige. Urzí: “Sottovalutate le opportunità”

Bolzano4 settimane fa

Pensionato le da un passaggio e lei lo rapina: 29enne bolzanina denunciata a Bolzano

Alto Adige5 giorni fa

Indennità per i pendolari, in corso la revisione del sistema

Sport4 settimane fa

Anche l’HC Pustertal con l’Azienda sanitaria: la squadra sottoposta alla terza dose

Ambiente Natura4 settimane fa

Escursioni invernali nel rispetto della fauna selvatica

Sport4 settimane fa

FC Südtirol: dopo il focolaio Covid tre giocatori negativi e un nuovo positivo

Alto Adige4 settimane fa

Dati Covid 21 dicembre: 96 casi positivi da PCR e 259 test antigenici positivi. 3 decessi

Sport3 settimane fa

Foxes all’ultimo match casalingo del 2021: al Palaonda arriva l’Innsbruck

Economia e Finanza4 settimane fa

Tatuaggi e trucco permanente, rivoluzione da gennaio. Bonaldi: “No agli abusivi anche in Alto Adige”

Alto Adige3 settimane fa

Bolzano, i problemi cardiaci gli impediscono di lavorare. Crowdfunding per Giancarlo

Politica2 settimane fa

Il comandante degli Alpini da Kompatscher: Protezione civile e Covid

Bolzano3 settimane fa

Minaccia i passanti con forbici e martello: straniero bloccato in centro a Bolzano

Società3 settimane fa

Messa di Natale, Muser: “Un Natale per ritrovare il senso di comunità”

Società4 settimane fa

Centro ASDI, Cirimbelli lascia la direzione dopo 36 anni

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere

La Tempesta Vaia che ha colpito il nord Italia e l’arco alpino alla fine del 2018 ha lasciato senza ombra di dubbio enormi cicatrici su tutto…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza