Connect with us

Italia ed estero

Coronavirus: ciclista fermato a Trento dalla polizia, accusa gli agenti di sequestro e abuso. Denunciato. Il video

Pubblicato

-

Sono un soggetto di diritto internazionale. Con gli sconosciuti non parlo e le divise non le conosco. Identificatevi“.

La folle pretesa arriva da un ciclista partito da Rovereto e fermato ieri a Trento da una pattuglia della polizia, in osservanza del decreto governativo sulla prevenzione da contagio Covid-19.

Alla richiesta di spiegazioni documentate da parte degli agenti lo strano soggetto, privo di documenti di riconoscimento, comincia a delirare fornendo un foglio di autocertificazione compilato in maniera del tutto anomala.

Pubblicità
Pubblicità

Sono il mio legale rappresentante, mi difendo da solo. Non sono cittadino amministrato dallo Stato italiano. Questo decreto è una bufala e non lo accetto“, avrebbe ribadito ai poliziotti.

Sono seguite minacce per abuso di potere e sequestro di persona. I poliziotti, vista la situazione, hanno saputo mantenere la calma fino alla fine.

L’uomo è stato portato in Questura e (diversamente da quanto poi sottolineato in finale di video dal ciclista) è stato denunciato a piede libero per violazione del Dpcm 11 marzo 2020.

Ricordiamo che per decreto dello Stato, recepito dalla provincia autonoma di Trento è assolutamente vietato inforcare biciclette da corsa anche da soli. Il video è stato pubblicato dallo stesso ciclista sul suo gruppo YouTube dando a tutti la libertà di scaricarlo.

Ricordiamo che per decreto dello Stato, recepito dalla provincia autonoma di Bolzano è assolutamente vietato inforcare biciclette da corsa anche da soli. Il video è stato pubblicato dallo stesso ciclista sul suo gruppo YouTube dando a tutti la libertà di scaricarlo.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza