Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Anche Fugatti forza la mano al governo: ipotesi riaperture in Trentino dal 18 maggio

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Maurizio Fugatti tenta di forzare la mano al governo chiedendo l’apertura delle attività commerciali il 18 aprile e non il primo di giugno come deciso dal decreto Conte. Dal ministro Boccia però arriva la minaccia di impugnare qualsiasi provvedimento al Tar e al consiglio costituzionale.

Primo fra tutti il disegno di legge in preparazione per favorire l’apertura di tutte le attività commerciali il 18 maggio, che sarà votato a tempo di record alla fine della prossima settimana.

Insieme a numerosi altri governatori scrive una lettera al presidente della Repubblica Mattarella e al ministro per gli Affari Regionali Boccia chiedendo una modifica dell’ultimo Dpcm: “La fase 2 è una fase nuova, che si giustifica per una progressiva diminuzione dell’emergenza – scrivono i governatori di Sardegna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Calabria, Basilicata, Abruzzo, Molise, Abruzzo, e i presidenti della due Provincia autonome di Trento e Bolzano – E’ essenziale che si ritorni progressivamente ad un più pieno rispetto dell’assetto costituzionale e del riparto di competenze tra lo Stato e le Regioni, sempre in applicazione dei principi di sussidiarietà e leale collaborazione” esordisce così la lettera firmata da 14 regioni. 

Nella lettera la richiesta della possibilità di applicare nei loro territori regole meno stringenti di quelle previste a livello nazionale, con una compressione delle libertà costituzionali strettamente proporzionata all’esigenza di tutela della salute collettiva.

Si teme una crisi economica irreversibile: Le Regioni condividono le fondate preoccupazioni delle categorie più volte espresse e quindi, pur essendo pienamente consapevoli che il virus non conosce confini geografici, sottolineano l’importanza di produrre il massimo sforzo per contemperare la doverosa tutela della salute con la salvaguardia del tessuto economico, non solo per limitare allo strettissimo indispensabile la compressione delle più importanti libertà fondamentali dei cittadini ma anche per evitare che la gravissima crisi economica in atto diventi irreversibile, con le catastrofiche conseguenze sociali correlate”.

“I dati di oggi – ha spiegato ieri in conferenza stampa  Fugatti – confermano la stabilizzazione verso il basso del contagio, ormai in corso da diversi giorni, con un’incidenza fra tamponi effettuati e persone positive del 3,4%. Sono numeri che ci fanno sperare bene per la fase 2, sulla quale ci siamo oggi confrontati, insieme ai presidenti delle Regioni, con i ministri Boccia e Speranza.

Abbiamo chiesto di verificare la possibilità di differenziare le riaperture su base territoriale, a cominciare dal 18 di maggio ed il Governo si è detto possibilista, chiedendo garanzie sul fronte della risposta che le strutture ospedaliere locali dovranno dare in caso il contagio rialzasse la testa. Su questo ci sentiamo tranquilli, considerato quanto abbiamo dimostrato, nel periodo più difficile, sul fronte della gestione delle terapie intensive, ma anche della nostra capacità di effettuare tamponi che non è seconda a nessuno, come dicono i dati”.

“Ma questo, dipenderà soprattutto – ha aggiunto Fugatti – dalla situazione del contagio. Quindi invito i trentini, che sono stati già molto responsabili, a continuare ad esserlo. Così facendo potremo disporre di maggiore autonomia decisionale sulle riaperture. Come sapete abbiamo impostato un disegno di legge, con il contributo delle categorie economiche, sindacali e delle minoranze consiliari, per il sostengo all’economia trentina, che approveremo entro la fine della prossima settimana. In quella norma è inserita la possibilità di riaprire, prima di giugno, alcune attività come bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Bolzano2 settimane fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino4 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige3 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Bolzano4 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Economia e Finanza4 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Politica4 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Politica3 settimane fa

Philipp Achammer lascia la guida della Svp dopo dieci anni

Politica3 settimane fa

Arno Kompatscher esclude il doppio ruolo di presidente e segretario della Svp

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Merano3 settimane fa

La tragedia al San Rossore: il fantino Dominik Pastuszka perde la vita dopo una caduta

meteo3 settimane fa

In arrivo un lungo weekend di pioggia, ecco dove arriverà la neve

Archivi

Categorie

più letti