Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Economia e Finanza

Crisi internazionale: tutela dei risparmiatori che hanno investito in titoli russi

L’Associazione di consumatori Robin e il Centro Consumatori Italia scendono in campo per la difesa economica di coloro che hanno investito in titoli azionari e obbligazionari emessi dalla Russia, da società russe o in rubli.

Pubblicato

-


L’Associazione di consumatori Robin e il Centro Consumatori Italia scendono in campo per la tutela dei risparmiatori che hanno investito in titoli azionari e obbligazionari emessi dalla Russia, da società russe o in rubli.

Lo fa sapere il Comitato Azionisti Suedtirol. Le Associazioni hanno incaricato una task force di legali specializzati, composta dagli avvocati Massimo Cerniglia e Alessandro Caponi, di studiare tutte le più opportune iniziative giudiziali e stragiudiziali per tutelare i risparmiatori che hanno investito in obbligazioni statali e societarie russe.

Com’è noto, oggi risultano circa 30 miliardi di dollari dei totali 90 miliardi del debito sovrano fuori dai confini della Russia.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Sono inoltre in circolazione fuori dalla Russia miliardi di obbligazioni emesse in rubli dalla Banca Europea degli Investimenti e da altri primari istituti bancari internazionali.

I titoli in questione, a causa della guerra scatenata dalla Russia contro l’Ucraina, hanno già perso intorno al 40% del loro valore. Sul mercato europeo, inoltre, vi sono in circolazione circa 11 miliardi di Euro di debito Gazprom.

L’ammontare di questi titoli finiti sul mercato italiano dovrebbe essere superiore o, almeno, pari al miliardo di euro, senza dimenticare le conseguenze indirette, parimenti disastrose, che stanno subendo tutti i fondi di investimento che hanno acquistato titoli russi e hanno collocato le proprie quote nei portafogli dei risparmiatori italiani.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

A ciò si aggiunge il fatto che i titoli russi sono oggi sostanzialmente invendibili, non solo per le sanzioni comminate dall’Occidente alla Russia e il tracollo delle quotazioni del rublo, ma anche per la generalizzata sfiducia e diffidenza che anima oggi gli operatori finanziari nei confronti di Mosca.

Basta considerare il taglio del rating subito dalla Russia negli scorsi giorni ad opera di tutte le società di valutazione.

La task force legale incaricata dalle Associazioni dovrà verificare se gli intermediari bancari e finanziari italiani hanno venduto tali titoli ai risparmiatori del nostro Paese rispettando le norme del Testo Unico Finanziario e dei Regolamenti attuativi emanati dalla Consob.

È necessario accertare, innanzitutto, se i risparmiatori siano stati informati del livello di rischio dei titoli russi, che era già alto prima della guerra in corso, considerata l’annessione militare della Crimea, avvenuta nel 2014, e la guerra civile che ne è scaturita nelle due regioni separatiste di Donetsk e Luhansk, arrivata sino ai giorni nostri.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ed ancora dovrà valutarsi se tali rischi fossero tollerabili in ragione del profilo d’investimento dichiarato dai risparmiatori, nonché se vi sia stata eccessiva concentrazione del portafoglio con l’acquisto di tali titoli.

La valutazione per l’adeguatezza dell’investimento nei titoli russi dovrà essere, quindi, la stessa che è stata utilizzata nel passato, con riferimento alla normativa in vigore, per l’acquisto di titoli come i bond Argentina, Lehman, Cirio, Parmalat, etc. etc. …

Ricordiamo che per tali titoli la generalità dei Tribunali nazionali ha emesso centinaia di sentenze, in maggior parte favorevoli ai risparmiatori, condannando le banche al risarcimento dei danni, consistente nel prezzo di acquisto dei titoli, detratto il loro valore residuo o la loro percentuale di svalutazione“, sottolineano le associazioni in una nota.

L’Associazione di consumatori Robin e il Centro Consumatori Italia, quindi, invitano i risparmiatori coinvolti a voler inviare una manifestazione di interesse all’indirizzo e-mail “investimentirussi@gmail.com”, indicando nell’oggetto “INVESTIMENTI RUSSI” e nel testo dell’e-mail nome, cognome, codice fiscale, luogo e data di nascita, indirizzo di residenza, data di acquisto dei titoli russi, importo totale investito, numero dei titoli acquistati e prezzo medio di acquisto, la propria mail e un numero di telefono, fisso o cellulare.

NEWSLETTER

Alto Adige3 settimane fa

Caldo torrido previsto in Alto Adige: da venerdì allerta rossa

Alto Adige4 settimane fa

Ancora un altro grande incendio boschivo in Alto Adige: oltre 150 vigili del fuoco impegnati nelle operazioni

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige, il fuoco non da tregua: scatta l’allarme per due nuovi incendi

Politica3 settimane fa

Mattarella accetta le dimissioni, finisce l’era del Governo Draghi: esecutivo in carica solo per gli affari correnti

Alto Adige2 settimane fa

Fiamme sull’Alpe di Siusi, attivato anche un elicottero per le operazioni di spegnimento

Alto Adige3 settimane fa

Fiamme e siccità: nuovi roghi sulle strade del Guncina e a Naz Sciaves

Val Pusteria2 settimane fa

Auto sbanda sulla strada della val Pusteria e finisce ribaltata: una persona all’ospedale

Alto Adige2 settimane fa

Maltempo in Alto Adige, smottamenti, allagamenti e frane: oltre 100 gli interventi dei Vigili del Fuoco

Alto Adige4 settimane fa

Perde il controllo del trattore e finisce nel torrente: morto un contadino in Valle Aurina

Italia ed estero3 settimane fa

Codici: nuova vittoria in Tribunale contro Costa, ammessa la class action per la crociera “Le perle del Caribe” sulla Pacifica

Sport3 settimane fa

F.C. Südtirol saluta Alessandro Malomo che torna in Serie C con il Foggia

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: attenzione ai finanziamenti e alle offerte delle carte revolving, numerosi i casi di decreti ingiuntivi nei confronti dei consumatori

Alto Adige2 settimane fa

La giungla dei bonus: sono 35 e vanno richiesti entro la fine del 2022

Società3 settimane fa

Top 5: ecco le caratteristiche dei migliori casinò online italiani

Alto Adige4 settimane fa

Codici: dalla truffa alla contraffazione, attenzione agli acquisti di pellet

Archivi

Categorie

di tendenza