Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Falda Sinigo, Urzì a Bruzzese e Kompatscher: “Rischio deprezzamento immobiliare e danno economico”

Pubblicato

-

Ho provveduto ad inviare una ‘diffida bonaria’ alla Commissaria straordinaria di Merano dottoressa Bruzzese ed al Presidente della Provincia Kompatscher per sollecitare l’avvio urgente e improrogabile delle opere di risistemazione idraulica di Sinigo per scongiurare ulteriori innalzamenti della falda con i conseguenti disagi, inutilizzo delle cantine e danni economici legati anche al deprezzamento degli immobili.

Ormai il quadro è chiaro da tempo ed appare incomprensibile ogni ulteriore ritardo. La corrispondenza inviata lo scorso 4 marzo non ha ancora ricevuto risposta né dall’uno né dall’altro destinatario. Proprio la condizione straordinaria della commissaria, che allo stesso tempo riassume le funzioni di consiglio, giunta e sindaco, potrebbe velocizzare le procedure. Sul fronte della Provincia l’ultimo atto è stato invece la bocciatura da parte di Lega ed Svp dell’ordine del giorno presentato da Fratelli d’Italia in Consiglio provinciale con cui si richiedeva di prendere atto dell’urgenza e il ristoro per i danni. In assenza di risposte apprezzabili non sono escluse da parte di Fratelli d’Italia iniziative ancora più incisive, se del caso in sede legale a tutela dei legittimi interessi dei residenti.

Queste le parole del consigliere provinciale Alessandro Urzì. Ecco un passaggio della richiesta alla commissaria:

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Negli ultimi anni il progressivo e consistente innalzamento della falda acquifera sta provocando sempre maggior allarme nell’abitato della frazione di Sinigo (…). A partire dalla fine degli anni 70 del secolo scorso l’area è divenuta oggetto di una forte modifica urbanistica con l’edificazione di nuovi edifici che hanno stravolto l’originario aspetto del quartiere. È in questa fase che uno scellerato disegno urbanistico ha progressivamente provveduto alla chiusura di molti dei canali preesistenti, all’interramento di altri e alla chiusura della pompa idrovora sita alla fine della via Fermi che provvedeva a prelevare le acque dei canali di bonifica ed a convogliarle attraverso il Rio Nova al fiume Adige.

Per alcuni anni la situazione non ha dato evidenti segni di criticità, ma con il tempo è andata via via deteriorandosi per poi esplodere nell’attuale grave rischio idraulico che coinvolge non solo l’area originaria di Borgo Vittoria e della via Fermi, ma ora anche la zona di Sinigo sud. Probabilmente sul  peggioramento degli ultimi tempi hanno influito anche infelici scelte politiche operate negli ultimi anni e che hanno visto la zona di Sinigo suo malgrado coinvolta.

Una tra tutte la dismissione degli impianti industriali della ex Solland (produzione di silicio) che utilizzava importanti quantitativi di acqua per il raffreddamento degli impianti, acqua prelevata dal sottosuolo tramite sei pozzi  e infine scaricata (tranne quella ulteriormente  utilizzata per il teleriscaldamento) nell’Adige tramite il rio Sinigo. Anche l’abbattimento di un elevato numero di pioppi (alberi che vengono appunto utilizzati nelle zone soggette ad interventi di bonifica perché assorbono grandi quantitativi di acqua) all’interno dell’area interessata può aver inciso in maniera determinante nell’innalzamento del livello della falda.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Il rischio concreto è che ora la situazione, in assenza di interventi immediati e risolutivi, possa sfuggire di mano (…) . Attualmente oltre alla zona del Borgo, quella che preoccupa maggiormente è tutta l’area di via Fermi. La chiusura dei canali e la dismissione della pompa idrovora hanno reso difficile se non impossibile l’eliminazione delle acque che una volta erano sospinte forzatamente fino al fiume Adige, ma che ora finiscono per pervadere la zona che a causa della sua conformazione geologica si presenta come un vero e proprio bacino di raccolta. A tal riguardo si segnala che lo scorso anno un tentativo di svuotamento del laghetto artificiale di pesca sito proprio alla fine della via Fermi non ha avuto buon fine: in una notte l’invaso è tornato a riempirsi a causa proprio della risalita dell’acqua di falda, come asserito dai tecnici sopraggiunti.

È ora opportuno e necessario che venga dato seguito senza ulteriore indugio alle misure previste e anche se non ancora programmate quantomeno individuate come urgenti dai tecnici incaricati“.

 

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Politica1 minuto fa

Basta mascherine obbligatorie nelle scuole: la Giunta Provinciale mandi un chiaro segnale al Governo

Bolzano22 minuti fa

Il Sindaco Caramaschi ha ricevuto ieri in municipio i rappresentanti del Laboratorio Casanova

Spettacolo34 minuti fa

«Luci sul ponte»: arriva a Vadena la seconda edizione fra proiezioni, food e buona musica

Merano45 minuti fa

Merano: il Consiglio Comunale, Civiche e SVP, non condannano l’aggressione militare ai danni dell’Ucraina

Politica1 ora fa

Urzì: “Azienda cerca personale, ma lo fa con un annuncio non solo in tedesco ma addirittura in dialetto

Alto Adige2 ore fa

La Diocesi esamina casi di abuso avvenuti in passato

Alto Adige2 ore fa

Piano della mobilità: il sondaggio promuove bus, treno e bicicletta

Alto Adige17 ore fa

Kompatscher ha incontrato l’associazione “Sudtirolesi nel Mondo”

Merano17 ore fa

I Comuni progettano il proprio futuro: “Sette passi verso il Programma di sviluppo comunale“

Alto Adige17 ore fa

Croce Bianca: Kompatscher ha ricevuto i vertici dell’organizzazione

Alto Adige17 ore fa

Euregio, i primi dati sullo stress fisico e mentale presentati oggi a Innsbruck

Alto Adige17 ore fa

L’Assessore Arnold Schuler ha presentato alla cittadinanza il Piano provinciale di sviluppo turistico 2030+

Alto Adige18 ore fa

Bolzano: controlli in città da parte dei Carabinieri e della Polizia Municipale su persone, veicoli e locali pubblici

Alto Adige18 ore fa

Controlli della Questura di Bolzano: due arresti e un’espulsione di cittadini nordafricani.

Alto Adige19 ore fa

Stanziati 22,2 milioni di euro per la manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili di proprietà della Provincia

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, alla fermata dell’autobus trovato il corpo senza vita di un 60enne

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 8 casi positivi da PCR e 124 test antigenici positivi

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 45 casi positivi da PCR e 496 test antigenici positivi

Bolzano3 settimane fa

Il Lido di Bolzano riapre al pubblico sabato 21 maggio: tariffe invariate

Sport3 settimane fa

Biglietti FC Südtirol – Modena. Le modalità di acquisto dei ticket per gara-3 della Supercoppa di Serie C 2022

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, sgomberato uno stabile in disuso: tunisino aggredisce 4 agenti, arrestato

Merano3 settimane fa

Referendum abrogativi popolari del 12 giugno 2022

Musica4 settimane fa

Bolzano Festival Bozen 2022 «Musica senza confini»

Bolzano1 settimana fa

Eroina e kit per lo spaccio: coppia arrestata a Don Bosco dalla Polizia

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: controlli della Polizia di Stato nel capoluogo, un denunciato per detenzione di cocaina e due espulsioni

Alto Adige2 settimane fa

Coronavirus: tre i nuovi decessi, inoltre14 casi positivi da PCR e 536 test antigenici positivi

Benessere e Salute3 settimane fa

Come avviene un richiamo di prodotti alimentari? Mangiare, bere ed altre delizie: lo sapevate che…?

Italia ed estero4 settimane fa

Stop al canone RAI in bolletta. Cosa cambia dal 2023?

Vita & Famiglia3 settimane fa

DDL Zan. Coghe, Pro Vita Famiglia: emergenza omofobia è fake news

Società4 settimane fa

Anziani: Deeg ha incontrato il direttivo dell’Associazione pensionati

Archivi

Categorie

di tendenza