Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Scienza e Cultura

I prati secchi dell’Alto Adige in primo piano

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Esperte ed esperti provenienti da tutta Europa hanno recentemente esaminato diversi prati secchi dell’Alto Adige confermando che sono abitati da animali e piante molto rari nell’Europa centrale e occidentale.

La particolare importanza dei prati secchi alpini dell’Alto Adige è ben nota alle scienziate e agli scienziati locali ed è stato nuovamente confermato da colleghe e colleghi europei. Biologhe e botanici provenienti da Italia, Austria, Svizzera, Ucraina, Turchia e Germania, hanno visitato l’Alto Adige per un workshop di dieci giorni per studiare i prati secchi delle valli Venosta, Isarco e Adige. Il workshop è stato organizzato da Eurac Research, dal Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige e dalla Libera Università di Bolzano.

Si è svolto sui prati interessati dalle prime ore del mattino fino a tarda sera, soprattutto per studiare le piante che vi si trovano. Sono stati visitati siti importanti e conosciuti come il Trumbichl presso Velturno, il Tartscher Bühel in Val Venosta, Castelfeder o il Sonnenberg presso Juval, ma anche prati secchi meno conosciuti, ma non per questo meno preziosi. La valutazione dei risultati è attualmente in svolgimento e culminerà in una pubblicazione scientifica.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Risulta già chiaro che i prati secchi dell’Alto Adige sono speciali: “Sorprendentemente, qui troviamo animali e piante molto rari in Europa centrale e occidentale e comuni solo nelle pianure ungheresi e nelle steppe dell’Asia centrale“, spiega Andreas Hilpold, botanico dell’Eurac Research.

Gli esempi vanno dall’Euphorbia seguieriana alla Cortippo delle radure e al coloratissimo ragno Eresus kollari. “È stata un’opportunità unica per noi quella di far venire in Alto Adige un team di scienziate e scienziati di fama e di utilizzare la loro esperienza per analizzare i nostri prati secchi“, aggiunge Thomas Wilhalm del Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige.

Il workshop appena svoltosi è già il 17° organizzato dal gruppo internazionaleEuropean Dry Grassland Group” e si svolge ogni anno in una diversa località emergente di prati secchi in Europa.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Alto Adige6 giorni fa

In fuga dalla giustizia si è rifugiato in montagna, ma è stato tradito dalla propria personalità

Bolzano3 settimane fa

Tifoso bolzanino istiga dei giovani alla violenza contro dei supporters albanesi. Scatta il daspo triennale

Bolzano2 settimane fa

Scoperto magazzino di droga a Bolzano: 42enne denunciato

Bolzano3 settimane fa

Ancora problemi per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini. Il questore chiude il bar Cristallo

Alto Adige3 settimane fa

Frana a Longiarù, Val Badia (Video) proseguono senza sosta i lavori per limitare i danni. Evacuate 56 abitazioni

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige flagellato dal maltempo, alberi abbattuti, grandine e forte vento

Italia ed estero3 settimane fa

Strage a La Mecca: almeno 800 morti tra i pellegrini durante l’Hajj: cosa è successo

Bolzano4 settimane fa

Casa e lavoro del domani: visione sinergica per progettare il futuro di Bolzano

Sport3 settimane fa

Il Bolzano Baseball Club coglie la seconda vittoria sul campo amico

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Tragedia sui binari: donna investita e uccisa da un treno a Salorno

Alto Adige3 settimane fa

ConnX: La Rivoluzione della Mobilità Urbana Presentata da Leitner

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: 43 nuovi agenti rinforzano la Polizia di Stato

Bolzano3 settimane fa

Danneggia le autovetture in sosta in zone diverse della città e minaccia gli agenti

meteo6 ore fa

Allerta Meteo: temporali e venti forti previsti in Alto Adige

Bolzano3 settimane fa

Irrompe negli uffici della provincia, minaccia gli impiegati ed aggredisce gli agenti

Archivi

Categorie

più letti