Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Il ministro Boccia a Bolzano, lavoro sul ripristino delle competenze

Pubblicato

-

L’agenda dei prossimi mesi in tema di autonomia e tutela delle minoranze: questo il risultato dell’incontro a Palazzo Widmann fra il presidente della Provincia Arno Kompatscher e il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia.

Per l’esponente del Governo quella del 18 gennaio è stata la prima visita ufficiale in Alto Adige dopo l’insediamento dell’esecutivo nazionale nel settembre scorso.

Numerosi i punti trattati: dai rapporti finanziari con Roma alla sanità, dall’ambiente alla competenza sul personale, tema quest’ultimo già al centro del primo incontro con il ministro a Roma nell’ottobre scorso.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

L’incontro rappresenta il primo passo di un percorso condiviso, positivo e costruttivo per sviluppare la nostra autonomia e tenerla al passo con i tempi” ha commentato Kompatscher.

Competenze, si lavora per arrivare ad un “ripristino generale”

In cima alla lista la questione delle competenze dopo la riforma costituzionale del 2001.
Purtroppo si è vista una riduzione delle nostre competenze, qualche volta per l’interpretazione di alcuni governi, altre volte per l’interpretazione della Corte Costituzionale. Sta di fatto che oggi le competenze che possiamo esercitare non hanno più lo spessore che avevano nel 1992, quando l’Austria rilasciò la quietanza liberatoria all’Onu” spiega il Presidente Kompatscher.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

L’obiettivo è che Provincia e Governo lavorino insieme per arrivare ad un “ripristino generale“.

Chiediamo soltanto che ci venga restituito quello che è un nostro diritto e cioè esercitare appieno le nostre competenze” ha aggiunto Kompatscher. Il ripristino delle competenze dell’Alto Adige gode dell’appoggio austriaco, il cui nuovo esecutivo l’ha inserito nel proprio contratto di coalizione, richiamandosi espressamente alla quietanza liberatoria del 1992.

Insieme al Governo italiano vogliamo giungere a una formulazione condivisa che, tenuto conto dell’appoggio dell’Austria quale garante dell’autonomia dell’Alto Adige, ripristini le nostre competenze primarie come il personale, il commercio, l’urbanistica e la previdenza” ha chiarito Kompatscher.

Parificazione delle due lingue, in cantiere una norma di attuazione

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Tema di fondamentale importanza è anche quello della parificazione di italiano e tedesco per l’iscrizione agli albi di categoria, con l’obiettivo di consentire l’esercizio delle professioni anche a coloro che conoscono solo il tedesco, pur limitando in questo caso l’esercizio della professione alla sola provincia di Bolzano.

Su questo il Governo ha aperto un contenzioso di legittimità costituzionale. La Provincia insisterà nella difesa della propria legge in giudizio. Allo stesso tempo Kompatscher punta anche a una soluzione politica.

L’idea è quella di formulare con il Governo una norma di attuazione condivisa che riconosca il principio della parificazione delle due lingue, anche ai fini dell’iscrizione agli ordini professionali. Questo per garantire l’erogazione dei servizi fondamentali alla popolazione” ha ricordato Kompatscher.

Il punto sul carcere e l’incontro con parlamentari e Commissione dei Sei

L’incontro è stato infine anche l’occasione per fare il punto sullo stato di avanzamento del nuovo carcere.

Le attuali condizioni della casa circondariale di Bolzano sono ormai da troppo tempo insostenibili. Occorre al più presto porre le basi affinché si possa dare corso all’intesa istituzionale del 2010, che prevede la realizzazione di un nuovo carcere con la formula di un partenariato pubblico-privato (PPP)” ha concluso Kompatscher.

Questi e altri temi sono stati al centro del pranzo di lavoro che è seguito all’incontro con il ministro, al quale hanno preso parte, oltre a Kompatscher e Boccia, anche i parlamentari eletti in provincia di Bolzano e i componenti della Commissione dei Sei.

NEWSLETTER

Alto Adige3 settimane fa

Caldo torrido previsto in Alto Adige: da venerdì allerta rossa

Alto Adige4 settimane fa

Ancora un altro grande incendio boschivo in Alto Adige: oltre 150 vigili del fuoco impegnati nelle operazioni

Bolzano4 settimane fa

Malasanità: l’azienda sanitaria condannata a risarcire un milione di euro

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige, il fuoco non da tregua: scatta l’allarme per due nuovi incendi

Politica3 settimane fa

Mattarella accetta le dimissioni, finisce l’era del Governo Draghi: esecutivo in carica solo per gli affari correnti

Alto Adige2 settimane fa

Fiamme sull’Alpe di Siusi, attivato anche un elicottero per le operazioni di spegnimento

Alto Adige3 settimane fa

Fiamme e siccità: nuovi roghi sulle strade del Guncina e a Naz Sciaves

Alto Adige2 settimane fa

Maltempo in Alto Adige, smottamenti, allagamenti e frane: oltre 100 gli interventi dei Vigili del Fuoco

Val Pusteria2 settimane fa

Auto sbanda sulla strada della val Pusteria e finisce ribaltata: una persona all’ospedale

Italia ed estero3 settimane fa

Codici: nuova vittoria in Tribunale contro Costa, ammessa la class action per la crociera “Le perle del Caribe” sulla Pacifica

Sport3 settimane fa

F.C. Südtirol saluta Alessandro Malomo che torna in Serie C con il Foggia

Alto Adige4 settimane fa

Perde il controllo del trattore e finisce nel torrente: morto un contadino in Valle Aurina

Italia ed estero4 settimane fa

Codici: attenzione ai finanziamenti e alle offerte delle carte revolving, numerosi i casi di decreti ingiuntivi nei confronti dei consumatori

Alto Adige2 settimane fa

La giungla dei bonus: sono 35 e vanno richiesti entro la fine del 2022

Società3 settimane fa

Top 5: ecco le caratteristiche dei migliori casinò online italiani

Archivi

Categorie

di tendenza