Connect with us

Alto Adige

Nascere al tempo del Covid: quali precauzioni in Alto Adige dall’inizio dell’emergenza

Pubblicato

-

Il momento della nascita di un figlio rimane uno dei più belli, emozionanti e delicati della vita, anche nel bel mezzo di una pandemia. In tempi come questi è particolarmente importante proteggere la salute delle madri e dei bambini, ma anche permettere ai padri e ai membri della famiglia di avere contatti con mamma e neonato. Ieri (21 aprile) è stato spiegato quali precauzioni sono state prese all’inizio dell’emergenza e quali sono ancora in corso.

In questo ultimo anno di pandemia si è parlato molto delle attività dei reparti di Malattie Infettive o di Terapia Intensiva, ma in questa occasione vorremmo soffermarci sull’impatto che la pandemia ha avuto sulle attività dei reparti di Ostetricia e di Neonatologia e sull’enorme lavoro che è stato fatto per garantire alle gestanti, alle giovani famiglie e ai neonati il massimo della sicurezza in questa contingenza difficile”, ha affermato Martin Steinkasserer, Primario del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Bolzano, durante l’incontro.

La gravidanza e il parto sono momenti delicati e importanti in cui la gestante prima, e la neomamma dopo, ha bisogno del sostegno del partner e di una persona di fiducia. L’infezione da Sars-Cov-2 in gravidanza ha molto spesso un decorso benigno, ma in alcuni casi, soprattutto se in presenza di patologie concomitanti come obesità, ipertensione o diabete, potrebbero insorgere delle complicanze. Quindi è fondamentale riuscire a proteggere la salute delle pazienti più fragili evitando con la massima cura un possibile contagio. Per farlo è stato necessario introdurre dei protocolli multidisciplinari, gestire gli spazi ed il personale creando delle aree Covid per la degenza ed il parto, nonché separare i percorsi Covid da quelli Covid-free con la predisposizione di ambulatori dedicato esclusivamente a pazienti positive.

Pubblicità
Pubblicità

Enorme attenzione continua naturalmente ad essere prestata ai piccoli e alle piccole pazienti del nido ed ancora di più a quelli ricoverati nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale di Bolzano, come ha confermato Alex Staffler, Primario di questo reparto: “Tutto il nostro team ha partecipato a dei training specifici per poter gestire al meglio gli interventi di rianimazione neonatale nonostante i dispositivi di protezione individuale che, notoriamente, riducono la visuale, i movimenti e la comunicazione. Inoltre, in pochissimo tempo, durante la prima ondata siamo riusciti a delineare un protocollo multidisciplinare tra i reparti di Ostetricia, Neonatologia, Anestesia, Pronto Soccorso ed il Laboratorio. Tale protocollo è stato successivamente aggiornato man mano che erano disponibili nuove evidenze scientifiche”.

Non è stato facile”, ha spiegato Micaela Veneziano, medico specialista in ginecologia e ostetricia, “nella prima fase della pandemia non si conoscevano le conseguenze del Covid sulle gestanti e sui neonati, non erano disponibili linee guida o protocolli, niente test rapidi. Durante il primo lockdown l’unica soluzione era stata blindare il reparto. Ora per fortuna la situazione è migliorata: le gestanti asintomatiche vengono testate mediante tampone PCR e, in caso di negatività, la presenza del partner/persona di fiducia è garantita durante la fase attiva del travaglio, al parto e nelle due ore successive. Questo vale anche per parti con taglio cesareo.” Micaela Veneziano ha infine proseguito con un’ulteriore buona notizia: “Per quanto riguarda le pazienti positive, quando la situazione clinica lo permette, al momento si cercano di favorire il contatto pelle a pelle con il neonato alla nascita, il rooming-in e l’allattamento al seno”.

Dal 26 aprile sarà anche nuovamente permesso l’ingresso del partner o persona di fiducia in reparto previa esecuzione di tampone Covid antigenico rapido negativo nelle 48 ore precedenti. Il partner o la persona di fiducia dovrà indossare una mascherina FFP-2 nuova e firmare il questionario aziendale sul Covid, oltre a sottoporsi alla misurazione della temperatura. Per evitare assembramenti, sarà necessaria una pianificazione degli ingressi con prenotazione dell’orario di visita. Per il partner o persona di fiducia sarà anche possibile accedere all’ambulatorio durante l’esecuzione delle quattro ecografie principali del percorso nascita.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige7 giorni fa

Indennità per i pendolari, in corso la revisione del sistema

Bolzano4 settimane fa

Pensionato le da un passaggio e lei lo rapina: 29enne bolzanina denunciata a Bolzano

Sport4 settimane fa

Foxes all’ultimo match casalingo del 2021: al Palaonda arriva l’Innsbruck

Economia e Finanza4 settimane fa

Tatuaggi e trucco permanente, rivoluzione da gennaio. Bonaldi: “No agli abusivi anche in Alto Adige”

Alto Adige4 settimane fa

Bolzano, i problemi cardiaci gli impediscono di lavorare. Crowdfunding per Giancarlo

Politica2 settimane fa

Il comandante degli Alpini da Kompatscher: Protezione civile e Covid

Società4 settimane fa

Centro ASDI, Cirimbelli lascia la direzione dopo 36 anni

Società4 settimane fa

Messa di Natale, Muser: “Un Natale per ritrovare il senso di comunità”

Alto Adige3 settimane fa

Incidente con due macchine coinvolte in Valle Isarco: intervengono i vigili del fuoco

Bolzano3 settimane fa

Minaccia i passanti con forbici e martello: straniero bloccato in centro a Bolzano

Sport4 settimane fa

Il Val Pusteria espugna il Palaonda in rimonta: Foxes battuti 3 a 2

Bolzano4 settimane fa

Daniela Mengoni è la nuova vicaria del Questore di Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Val Badia: auto cade in un fossato. Vigili del fuoco in intervento

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: oggi 3 gennaio 39 casi positivi da PCR e 404 test antigenici, un decesso

Alto Adige2 settimane fa

Labers: cede il freno a mano e la macchina precipita. Salvo il cagnolino rimasto intrappolato all’interno

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere

La Tempesta Vaia che ha colpito il nord Italia e l’arco alpino alla fine del 2018 ha lasciato senza ombra di dubbio enormi cicatrici su tutto…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza