Connect with us

Politica

Operatori sanitari non vaccinati vengono sospesi, Team K: “Assistenza sanitaria rischia il collasso” 

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

Il Team K lancia l’allarme: con le vaccinazioni obbligatorie per gli operatori sanitari e le relative, pendenti sospensioni dal lavoro per chi non si è adeguato, le case di cura e di riposo si vedono costrette a diminuire la disponibilità di posti letto. Anche negli ospedali, interi reparti sono sull’orlo del collasso.

“Questo sviluppo era prevedibile”, notano Maria Elisabeth Rieder e Franz Ploner. Alcuni dipendenti dell’Azienda sanitaria e delle case di riposo e di cura hanno ancora riserve a farsi vaccinare. Per una serie di ragioni, desiderano aspettare e capire meglio, come è emerso dalla lettera recentemente inviata all’opposizione in Consiglio provinciale sottoscritta da più di 500 professionisti che lavorano nella sanità. “Le case di cura e riposo stanno iniziando a prendere i primi provvedimenti. In alcuni casi non ci sono più nuove ammissioni, persino le riammissioni in struttura – per esempio dopo un ricovero ospedaliero – vengono rifiutate”, sostiene Maria Elisabeth Rieder. L’obbligo di vaccinazione imposto dallo Stato ha quindi una ricaduta diretta anche sui residenti delle strutture. “L’assistenza infermieristica e quindi la qualità del servizio erogato sono in pericolo se i collaboratori che non vogliono essere vaccinati vengono sospesi. Gli ospedali, che stanno tornando a funzionare normalmente, rischiano di dover diminuire l’offerta di posti letto e di essere costretti ad accorpare reparti, con tutti i conseguenti effetti negativi sulla cura dei pazienti”, avverte il dott. Franz Ploner.

Per il Team K è incomprensibile che la Giunta provinciale e i rappresentanti dell’Alto Adige che siedono in Parlamento non abbiano affrontato questi prevedibili problemi negli incontri con i ministeri responsabili a Roma. “Chiediamo ancora una volta ai parlamentari altoatesini di agire per evitare il collasso del nostro sistema sanitario e di assistenza”, concludono Rieder e Ploner a nome del Team K.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina2 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport2 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi2 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Alto Adige4 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Trentino2 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Eventi2 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Alto Adige4 settimane fa

Proseguono a raffica arresti, denunce e tre decreti di espulsione anche in un 25 aprile “tranquillo”

Alto Adige2 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Bolzano4 settimane fa

Tentano la rapina e scatta una rissa. Espulsi tre cittadini marocchini

Alto Adige4 settimane fa

Espulsi madre e figlio per violenze sessuali, riti magici, obbligo del velo e lesioni sulla giovane moglie e nuora

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Bolzano3 settimane fa

Aggressione in discoteca: giovane percosso e contuso. Scattano gli accertamenti di pubblica sicurezza

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Laives2 settimane fa

Impianto sportivo Galizia a Laives, con la Provincia aperto il discorso per la riqualificazione totale

Archivi

Categorie

più letti