Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Percorsi abilitanti, protestano i docenti precari di Bolzano: “Insegnanti italiani discriminati”

Pubblicato

-

Lo scorso 17 febbraio è stato emanato il decreto (il n.2745/2021) con cui si prevede l‘attivazione di percorsi abilitanti non selettivi presso la LUB per i docenti di madrelingua ladina.

Tale decreto si richiama, in premessa, all’articolo inserito dal Decreto legislativo 6 febbraio 2018, n. 18, secondo cui la Provincia d’intesa con la Libera Università di Bolzano, disciplina la formazione iniziale degli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado dei tre gruppi linguistici della Provincia di Bolzano, ivi compresa la formazione per le materie artistiche.

Se non che, dopo averla voluta e ottenuta da governi evidentemente ‘amici dell’autonomia’, tale norma non viene ora attuata, se non parzialmente, ossia ad esclusivo beneficio di insegnanti di lingua tedesca e ladina – affermano con disappunto i rappresentanti del Coordinamento docenti precari della scuola di Bolzano – . Ci si chiede quale ne possa essere il motivo e come possa legittimarsi una simile condotta.

E, soprattutto, perché si vada ripetendo, nello sforzo di fornire una qualche improbabile giustificazione, che la scuola di lingua italiana, a differenza di quelle tedesca e ladina, è ‘fortemente agganciata al sistema nazionale’. Perché si vada ripetendo questo, dopo che, con l’emanazione della norma di attuazione dell’art.19 dello Statuto, la Provincia ha ottenuto di poter disciplinare per suo conto formazione e reclutamento dei docenti e dopo che, negli anni passati e ancora recentemente, agli insegnanti precari storici iscritti a Bolzano siano stati negati diritti e opportunità offerte a tutti i loro colleghi del resto d’Italia, in virtù della ragione diametralmente opposta, ossia della (presunta) eterogeneità della scuola a carattere statale nella provincia di Bolzano rispetto a quella a carattere statale del resto del Paese“.

E ancora sottolinea il portavoce Enrico Palazzi: “Quale che sia il motivo per cui:

1) chi è di madrelingua italiana NON PUO’ iscriversi ai corsi istituiti presso la Libera Università di Bolzano (ma sarà poi davvero così “libera” – ci chiediamo – se solo chi possiede determinati “filtri linguistici” può accedervi?) 

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

2) si sia deciso di servirsi delle disposizioni contenute in una medesima legge ed espressamente rivolte a tutti, di modo che però solo alcuni (tedeschi e ladini) risultassero destinatari dei vantaggi che essa offre e

3) la Provincia finanzi i percorsi abilitanti LUB non selettivi per i docenti tedeschi e ladini e non destini alcun fondo per la formazione dei docenti italiani, neppure per prepararli a quei concorsi altamente selettivi che soltanto loro devono sostenere;

la situazione che oggettivamente è venuta delineandosi è intanto quella di una chiara difformità di trattamento tra medesime categorie di soggetti, per cui la diversa lingua parlata è divenuta criterio determinante ed etnicamente discriminante.

Se ora torniamo alla questione da cui siamo partiti, vediamo che a tale difformità, che già di per sé costituisce un grave danno, si aggiunge l’immancabile beffa: tra i percorsi abilitanti non selettivi per i ladini, vi è anche: “lettere italiane nelle scuole secondarie di I e II grado”.

Tali corsi si terranno in italiano e saranno, come gli altri, finanziati dalla Provincia, ma gli italiani non potranno accedervi. Solo poche settimane fa, come si ricorderà, si sono svolte le procedure selettive concorsuali previste per gli insegnanti della scuola a carattere statale di lingua italiana.

E’ così accaduto che, mentre gli insegnanti italiani di lettere italiane sono stati selezionati con concorso altamente selettivo, gli insegnanti LADINI di lettere italiane non solo non saranno selezionati, ma POTRANNO PERSINO OTTENERE IL RUOLO NELLA SCUOLA ITALIANA! 

E, questo, in virtù del fatto che l’abilitazione conseguita ha validità su tutto il territorio nazionale e quindi può essere spesa per insegnare in qualsiasi scuola, in Provincia e al di fuori di essa, nella quale sia impartito il relativo insegnamento.

Riteniamo che sia evidente come tutto ciò contrasti anche con i più elementari principi di giustizia. Noi siamo e rimarremo sempre contrari ad un uso arbitrario e parziale delle prerogative autonomistiche”.

NEWSLETTER

Benessere e Salute4 settimane fa

Sanità, dal 1 gennaio 2023 nuove regole per l’accesso agli ospedali

Alto Adige3 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Bolzano4 settimane fa

Muore a 42 anni Chiara Cantaloni, ricercatrice senior all’Eurac di Bolzano

Politica3 giorni fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Alto Adige4 settimane fa

Morta Paola Zani, commissario capo della Questura di Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Bressanone4 settimane fa

Bressanone: corteo storico per l’Epifania

Alto Adige4 settimane fa

Capodanno, i Vigili del Fuoco avvisano: “Festeggiamo senza rischiare, usiamo correttamente i fuochi d’artificio”

Alto Adige3 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige3 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Merano2 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Bolzano3 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Laives3 settimane fa

Laives, auto ibrida prende fuoco mentre è in carica: i vigili del fuoco evitano il peggio

Alto Adige4 settimane fa

Termeno, crolla un pezzo dell’autolavaggio sulla macchina: intervengono i vigili del fuoco

Politica1 settimana fa

Parcheggio Cimitero sud a Oltrisarco, approvata la proposta di privatizzazione dell’area sosta camper

Archivi

Categorie

di tendenza