Connect with us

Bolzano

Scuola, venerdì 5 febbraio in piazza Magnago la protesta dei docenti precari di Bolzano

Pubblicato

-

Il Coordinamento dei docenti precari della scuola di Bolzano ha indetto, per il prossimo venerdì 5 febbraio, una manifestazione dalle 15.30 alle 17 in piazza Magnago per esprimere totale contrarietà nei confronti delle scelte del Governo provinciale in materia scolastica e, in particolare, in materia di formazione e reclutamento del personale insegnante della scuola di lingua italiana.

Intendiamo manifestare il nostro pieno disaccordo e la nostra indignazione riguardo a diverse problematiche – si legge in una nota – tra le quali la scelta di non uniformare, già da quest’anno scolastico, l’organico della scuola italiana a quello della scuola tedesca, in modo tale da consentire finalmente un suo pieno adeguamento al fabbisogno effettivo e la stabilizzazione dei docenti precari storici e dei precari cronici, ossia di quelli con più di tre anni di servizio“.

E ancora: “Gli insegnanti della scuola pubblica in provincia di Bolzano vengono trattati difformemente sia rispetto ai colleghi del resto d’Italia, in quanto le misure adottate a livello nazionale non vengono recepite in Provincia (come nel caso dell’assunzione dei precari storici; dell’istituzione dell’organico di potenziamento; della carta del docente; della possibilità di spostarsi tra graduatorie ad esaurimento di diverse province del Paese), in base a presunte nostre irriducibili peculiarità; sia rispetto ai colleghi o agli aspiranti colleghi di lingua tedesca e ladina che, soli, usufruiscono delle disposizioni contenute in norme CHE PERÒ RIGUARDANO ESPRESSAMENTE TUTTI e tre i gruppi linguistici, come nel caso del succitato Decreto del Presidente della Repubblica.

Pubblicità
Pubblicità

Come è possibile che tale norma non venga fatta valere anche per la scuola italiana, in base alla motivazione, più volte addotta, per cui questa è, anziché ‘peculiare’ e diversa da quella del resto del Paese, ‘aperta’ e ‘fortemente legata a quelle che sono le dinamiche con il resto del territorio nazionale?’

Forse il Presidente della Repubblica non lo aveva tenuto in considerazione, all’atto della firma del Decreto? Non possiamo e non vogliamo pensare che dell’autonomia si possa fare uso a solo vantaggio di una parte e che, nella contraddizione tra competenze dello Stato e della Provincia autonoma, a farne le spese siano gli insegnanti, gli alunni e la scuola di lingua italiana nel suo insieme“.

Tra gli altri punti fondamentali della protesta ci sono:

– la scelta di non prevedere adeguate misure per garantire nelle scuole di tutti e tre i gruppi linguistici lo stesso rapporto tra numero degli insegnanti e numero degli alunni, come i dati ASTAT 2019 avrebbero dovuto suggerire, ma di mettere in atto una politica che, in un solo anno, ha reso tale rapporto ancora più svantaggioso per la scuola di lingua italiana di quanto già non fosse (dati ASTAT 2020).

– la scelta di non attivare, ai sensi di quanto invece espressamente previsto dall’articolo 12 bis del D.P.R. 89/83 (norma di attuazione dello Statuto di autonomia) percorsi abilitanti presso la LUB anche per chi è di madrelingua italiana e non solo tedesca e ladina. Si è creata una situazione, a cui il legislatore provinciale non ha voluto porre rimedio e a cui evidentemente lo stesso ateneo non si è opposto, per la quale a corsi della LIBERA e MULTILINGUE Università di Bolzano non ci si può iscrivere se non si possiedono gli idonei “filtri linguistici” richiesti, e cioè se non si è di madrelingua tedesca o ladina!

– la scelta di richiedere inspiegabilmente, quale requisito di accesso ai percorsi abilitanti presso la stessa LUB, il possesso dei 24 CFU (= crediti formativi universitari) solo agli aspiranti docenti di italiano L2 nella scuola di lingua tedesca, che sono peraltro GLI UNICI di madrelingua italiana ammessi a poter frequentare tali percorsi.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale
    Attesa nella prossime settimana, la riforma fiscale in arrivo comprenderà diverse operazioni, come lo stop selettivo a nuove cartelle, la rottamazione quater e le notifiche dilazionate. Notifiche cartelle esattoriali All’interno del decreto sarà probabilmente inserita... The post Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale appeared first on […]
  • Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina
    Il recente decreto attuativo conosciuto con il nome di bonus antiplastica è stato istituito allo scopo di ridurre la produzione di rifiuti e contenere gli effetti del cambiamento climatico. Bonus antiplastica, cos’è Il bonus nato... The post Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina appeared […]
  • Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona
    Da qualche giorno sono ripartiti gli ecobonus promossi dal Ministero dello Sviluppo Economico, per l’acquisto di auto a ridotte emissioni. L’ecobonus, sotto forma di contributi viene reinserito non per sostenere il mercato delle auto, ma... The post Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona appeared first on Benessere […]
  • Default Evergrande, cos’è e cosa si rischia a livello internazionale
    La preoccupazione per il possibile default del colosso cinese Evergrande è sempre più tangibile, visto che l’azienda non è riuscita a pagare in tempo le cedole dei suoi investitori. Perchè Evergrande è importante La crisi... The post Default Evergrande, cos’è e cosa si rischia a livello internazionale appeared first on Benessere Economico.
  • Bando Brevetti +: l’agevolazione fino a 140 mila euro per il sostegno e la valorizzazione dei brevetti
    A partire dal 28 settembre sarà possibile accedere al fondo pari a 23 milioni di euro per il nuovo bando a sostegno della valorizzazione economica dei brevetti. Brevetti + La dotazione messa a disposizione dal... The post Bando Brevetti +: l’agevolazione fino a 140 mila euro per il sostegno e la valorizzazione dei brevetti appeared […]
  • Gobeyond 2021, un contest per le startup innovative con premi fino a 40 mila euro e non solo: tutti i dettagli
    Incoraggiare lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali italiane è diventato importato tanto da spingere il Gruppo Sisal e CVC Capital Partners a creare l’iniziativa GoBeyond 2021 dedicata alle startup. GoBeyond2021 e gli obiettivi L’obiettivo del... The post Gobeyond 2021, un contest per le startup innovative con premi fino a 40 mila euro e non solo: […]
  • Dalla fast fashion alla slow fashion : il futuro della filiera della moda
    La filiera dell’abbigliamento e la qualità manifatturiera in Italia, trascina con sé una spirale virtuosa di ricadute ed immagini positive per l’intera economia del nostro Paese. La trasformazione delle filiera Negli ultimi anni il settore... The post Dalla fast fashion alla slow fashion : il futuro della filiera della moda appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza