Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Bolzano

Scuola, venerdì 5 febbraio in piazza Magnago la protesta dei docenti precari di Bolzano

Pubblicato

-

Il Coordinamento dei docenti precari della scuola di Bolzano ha indetto, per il prossimo venerdì 5 febbraio, una manifestazione dalle 15.30 alle 17 in piazza Magnago per esprimere totale contrarietà nei confronti delle scelte del Governo provinciale in materia scolastica e, in particolare, in materia di formazione e reclutamento del personale insegnante della scuola di lingua italiana.

Intendiamo manifestare il nostro pieno disaccordo e la nostra indignazione riguardo a diverse problematiche – si legge in una nota – tra le quali la scelta di non uniformare, già da quest’anno scolastico, l’organico della scuola italiana a quello della scuola tedesca, in modo tale da consentire finalmente un suo pieno adeguamento al fabbisogno effettivo e la stabilizzazione dei docenti precari storici e dei precari cronici, ossia di quelli con più di tre anni di servizio“.

E ancora: “Gli insegnanti della scuola pubblica in provincia di Bolzano vengono trattati difformemente sia rispetto ai colleghi del resto d’Italia, in quanto le misure adottate a livello nazionale non vengono recepite in Provincia (come nel caso dell’assunzione dei precari storici; dell’istituzione dell’organico di potenziamento; della carta del docente; della possibilità di spostarsi tra graduatorie ad esaurimento di diverse province del Paese), in base a presunte nostre irriducibili peculiarità; sia rispetto ai colleghi o agli aspiranti colleghi di lingua tedesca e ladina che, soli, usufruiscono delle disposizioni contenute in norme CHE PERÒ RIGUARDANO ESPRESSAMENTE TUTTI e tre i gruppi linguistici, come nel caso del succitato Decreto del Presidente della Repubblica.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Come è possibile che tale norma non venga fatta valere anche per la scuola italiana, in base alla motivazione, più volte addotta, per cui questa è, anziché ‘peculiare’ e diversa da quella del resto del Paese, ‘aperta’ e ‘fortemente legata a quelle che sono le dinamiche con il resto del territorio nazionale?’

Forse il Presidente della Repubblica non lo aveva tenuto in considerazione, all’atto della firma del Decreto? Non possiamo e non vogliamo pensare che dell’autonomia si possa fare uso a solo vantaggio di una parte e che, nella contraddizione tra competenze dello Stato e della Provincia autonoma, a farne le spese siano gli insegnanti, gli alunni e la scuola di lingua italiana nel suo insieme“.

Tra gli altri punti fondamentali della protesta ci sono:

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

– la scelta di non prevedere adeguate misure per garantire nelle scuole di tutti e tre i gruppi linguistici lo stesso rapporto tra numero degli insegnanti e numero degli alunni, come i dati ASTAT 2019 avrebbero dovuto suggerire, ma di mettere in atto una politica che, in un solo anno, ha reso tale rapporto ancora più svantaggioso per la scuola di lingua italiana di quanto già non fosse (dati ASTAT 2020).

– la scelta di non attivare, ai sensi di quanto invece espressamente previsto dall’articolo 12 bis del D.P.R. 89/83 (norma di attuazione dello Statuto di autonomia) percorsi abilitanti presso la LUB anche per chi è di madrelingua italiana e non solo tedesca e ladina. Si è creata una situazione, a cui il legislatore provinciale non ha voluto porre rimedio e a cui evidentemente lo stesso ateneo non si è opposto, per la quale a corsi della LIBERA e MULTILINGUE Università di Bolzano non ci si può iscrivere se non si possiedono gli idonei “filtri linguistici” richiesti, e cioè se non si è di madrelingua tedesca o ladina!

– la scelta di richiedere inspiegabilmente, quale requisito di accesso ai percorsi abilitanti presso la stessa LUB, il possesso dei 24 CFU (= crediti formativi universitari) solo agli aspiranti docenti di italiano L2 nella scuola di lingua tedesca, che sono peraltro GLI UNICI di madrelingua italiana ammessi a poter frequentare tali percorsi.

NEWSLETTER

Benessere e Salute4 settimane fa

Sanità, dal 1 gennaio 2023 nuove regole per l’accesso agli ospedali

Alto Adige3 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Bolzano3 settimane fa

Muore a 42 anni Chiara Cantaloni, ricercatrice senior all’Eurac di Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Morta Paola Zani, commissario capo della Questura di Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Bressanone3 settimane fa

Bressanone: corteo storico per l’Epifania

Alto Adige4 settimane fa

Capodanno, i Vigili del Fuoco avvisano: “Festeggiamo senza rischiare, usiamo correttamente i fuochi d’artificio”

Politica16 ore fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Alto Adige2 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige4 settimane fa

A gennaio arriva “Joe il film”: è il primo roadmovie al 100% altoatesino

Alto Adige3 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Bolzano4 settimane fa

Addetto alle pulizie trova una borsa con 500 euro in contanti e la riconsegna alla proprietaria

Merano2 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Bolzano2 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Alto Adige4 settimane fa

Termeno, crolla un pezzo dell’autolavaggio sulla macchina: intervengono i vigili del fuoco

Archivi

Categorie

di tendenza