Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Polemica Jj4, Maturi: “L’orso va salvato, certo, ma come?”

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

L’equilibrio tra uomo e fauna selvatica è sempre delicato e quando si parla di grandi carnivori la questione si complica ulteriormente. In Trentino è stato reintrodotto l’orso con il programma europeo “Life ursus”, un’iniziativa che oltre ad arricchire la biodiversità ha portato ingenti fondi all’amministrazione dell’epoca.

Fondi che sarebbero serviti per pianificare e sostenere uno sviluppo sostenibile della reintroduzione del plantigrado, tenendo conto dell’evoluzione del territorio durante gli anni di assenza di questa specie. Così non è stato e oggi, cittadini e orsi stessi, pagano il conto di una mala gestione.

L’equilibrio tra fauna selvatica e umani è molto delicato, ed è bene capire quanti orsi riesce ad accogliere il Trentino affinché vi sia una convivenza sostenibile tra specie.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Gli etologi hanno individuato una quota di 60 orsi come soglia massima assorbibile dal territorio al fine di non scombussolare questo equilibrio, ma attualmente in Trentino sono presenti oltre 90 esemplari e sono destinati a crescere entro il prossimo anno.

Gli episodi di frizione tra l’uomo e gli orsi sono dunque destinati a crescere per cui, mai come ora, è necessario trovare soluzioni costruttive in prospettiva, per evitare di trovarsi in un costante “stato di emergenza orso”, a tutela dei cittadini, ma anche degli orsi stessi.

A mio avviso occorre intervenire su 2 piani principali – sottolinea Filippo Maturi, deputato della Lega e responsabile nazionale del Dipartimento per la tutela del benessere animale – . Prevedere innanzitutto un piano di ridistribuzione degli orsi in esubero, in modo da mantenere sempre un numero idoneo alla dimensione del territorio provinciale.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

La ridistribuzione può avvenire in altre regioni d’Italia, ma anche all’estero tramite accordi internazionali. Ovviamente tali accordi vanno fatti con quei paesi dove è vietata la caccia all’orso. Il ministero dell’ambiente e il governo dovrebbero intervenire in tal senso.

C’è poi l’introduzione in Italia dello spray anti orsi: un presidio di sicurezza largamente utilizzato negli USA con risultati molto efficaci (oltre il 98% di casi) per la protezione delle persone quando incontrano un orso.

Si tratta di una sorta di spray al peperoncino, con una concentrazione maggiore e una gittata superiore, il quale non provoca danni permanenti agli animali, ma salva la vita delle persone. A oggi ne è vietata la vendita in Italia, occorre che il ministero dell’interno permetta l’utilizzo del presidio in quelle zone dove è possibile l’incontro con l’orso“.

Conclude Maturi: “Come si può facilmente vedere la palla è nel campo del Governo e le persone che possono attivarsi concretamente per salvare l’orso hanno un nome e cognome: Giuseppe Conte, Sergio Costa, Luciana Lamorgese.

A oggi nessuno di loro ha mosso un dito per salvare l’orso, hanno abbandonato il Trentino ed il suo governatore Fugatti, il quale ha ereditato una situazione allo sbando dovuta alla mala gestione dell’amministrazione precedente.

Ho parlato con il Presidente Fugatti, il quale ha dato la disponibilità di non abbattere l’orsa Gaia, ma di catturarla e di portarla – a proprie spese – nel luogo per lei più sicuro, indicato dal ministro Costa. Salviamo gli orsi e l’equilibrio tra uomini e grandi carnivori, facciamolo nel concreto. La palla, come detto, rimane ora al governo“.

NEWSLETTER

Alto Adige1 settimana fa

In fuga dalla giustizia si è rifugiato in montagna, ma è stato tradito dalla propria personalità

Bolzano3 settimane fa

Tifoso bolzanino istiga dei giovani alla violenza contro dei supporters albanesi. Scatta il daspo triennale

Bolzano3 settimane fa

Scoperto magazzino di droga a Bolzano: 42enne denunciato

Bolzano3 settimane fa

Ancora problemi per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini. Il questore chiude il bar Cristallo

Alto Adige4 settimane fa

Frana a Longiarù, Val Badia (Video) proseguono senza sosta i lavori per limitare i danni. Evacuate 56 abitazioni

Alto Adige3 settimane fa

Alto Adige flagellato dal maltempo, alberi abbattuti, grandine e forte vento

Italia ed estero3 settimane fa

Strage a La Mecca: almeno 800 morti tra i pellegrini durante l’Hajj: cosa è successo

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Tragedia sui binari: donna investita e uccisa da un treno a Salorno

Sport4 settimane fa

Il Bolzano Baseball Club coglie la seconda vittoria sul campo amico

Bolzano3 settimane fa

Danneggia le autovetture in sosta in zone diverse della città e minaccia gli agenti

Bolzano3 settimane fa

Magazzini pieni e poca liquidità: negozi altoatesini in difficoltà

Alto Adige3 settimane fa

ConnX: La Rivoluzione della Mobilità Urbana Presentata da Leitner

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: 43 nuovi agenti rinforzano la Polizia di Stato

Bolzano3 settimane fa

Irrompe negli uffici della provincia, minaccia gli impiegati ed aggredisce gli agenti

Offerte lavoro4 settimane fa

Cercasi da subito un operaio agricolo specializzato in viticoltura

Archivi

Categorie

più letti