Connect with us

Bolzano

“Questa è l’Italia che vincerà”: in 100 mila per Matteo Salvini a Pontida

Pubblicato

-

Tanta euforia e persone non si erano mai viste a Pontida. È stata infatti stimata la presenza di circa 100 mila persone oggi al comizio di Matteo Salvini. L’anno scorso erano state 80 mila.

Dal solo veneto sono arrivati oltre 100 pullman.

Quella che riparte da Pontida non è certo una lega sconfitta, anzi, un movimento da temere che rimane il numero uno in Italia e che con l’alleanza con Forza Italia e Fratelli d’Italia grazie al risultato dei sondaggi oggi in parlamento avrebbe il 75% dei seggi. Una maggioranza mai vista da quando l’Italia è diventata una repubblica.

Pubblicità
Pubblicità

All’arrivo di Matteo Salvini è un vero bagno di folla.

I suoi leghisti lo abbracciano, lo tirano a loro, alcune persone addirittura si vantano con un “l’ho toccato”, alcuni piangono dall’emozione.

Cori più gettonati: “C’è solo un capitano”, in cui si distinguono alcuni presenti con felpe con scritto Roma, e scudetto giallorosso.

Dopo la bomba del referendum maggioritario fatta esplodere ieri, da Matteo Salvini è arrivata un’altra esclusiva, quando ha parlato della necessità di un centrodestra aperto e inclusivo, anche della mitica società civile, per le prossime scadenze elettorali, amministrative prossime venture comprese.

Questa è l’Italia che vincerà. Fatevi voi un applauso. E vediamo se qualche telegiornale riuscirà a nascondere questo popolo” – ha cominciato così il suo discorso l’ex ministro dell’interno.

Il leader leghista è stato interrotto molte volte al grido dei soliti slogan contro Di Maio, Renzi e l’aborrito “traditore” Conte.

Gli slogan più gettonati sono stati: “Ele-zio-ni, Ele-zio-ni!”, l’immancabile “Li-ber-tà, li-ber-tà!” e anche “Bib-bia-no, Bib-bia-no!”.

Al comizio di Matteo Salvini era presente anche Gad Lerner che con aria provocatoria ha attraversato il prato di Pontida prendendosi di tutto. La sua presenza poteva essere risparmiata ai tanti leghisti presenti.

Commentando le parole di Vito Comencini di ieri sul Capo dello Stato Salvini ha chiarito: «Possono essere sbagliati i toni, bisogna sempre portare rispetto. Sicuramente sono state fatte scelte che non corrispondono alla volontà popolare. Io però non uso l’insulto e propongo agli italiani un cambiamento».

Sulla questione migranti ha ribadito: «Ce ne sono decine di migliaia che a parole sarebbero dovuti già partire e andare all’estero. Il problema è che l’Italia torna ad essere un campo profughi, lo vedremo nelle prossime settimane. Le Ong hanno festeggiato».

«Se smonteranno il decreto sicurezza, sarà un’altra occasione di referendum perché sia il popolo ad opporsi alle scelte del palazzo. Gli alleati del centrodestra “sono d’accordo”. Io voglio che ogni italiano sappia per chi vota, senza che ci siano partitini che tengono in ostaggio il Paese».

Poi l’affondo a Di Maio: «Oggi non vorrei essere un Di Maio che va con il cappello in mano nelle sedi del Pd in Umbria. Preferisco essere un Salvini» .

Lo slogan del raduno è “La forza di essere liberi!”, gigantografia stampata su un fondale del palco di 18 metri per 10.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza