Connect with us

Economia e Finanza

Rapporto sul mercato del lavoro: le conseguenze del coronavirus in Alto Adige

Pubblicato

-

In che modo il lockdown ha influito sul mercato del lavoro altoatesino? Quali sono i settori, le aree e i gruppi di lavoratori dipendenti particolarmente interessati?

Il rapporto semestrale dell’Osservatorio del mercato del lavoro della Ripartizione Lavoro della Provincia, presentato dall’assessore provinciale Philipp Achammer e dal direttore di Ripartizione Stefan Luther in occasione della conferenza stampa di ieri (5 giugno), fornisce una panoramica dettagliata di quanto accaduto sul mercato del lavoro tra novembre 2019 e aprile 2020 rispetto all’inverno 2018/19 e quantifica le perdite attribuibili al lockwodn in termini di posti di lavoro.

L’ultima edizione del “Rapporto sul mercato del lavoro in provincia di Bolzano” della Ripartizione provinciale Lavoro mostra “quanto sono e saranno grandi le sfide per la politica del mercato del lavoro altoatesino” è la riflessione dell’assessore provinciale Achammer. I dati, aggiunge l’assessore, rispecchiano solo una parte dello sviluppo del mercato del lavoro: per questo occorre fare il massimo possibile per far ripartire l’economia.

Pubblicità
Pubblicità

Impatto maggiore rispetto alla crisi globale del 2010

Siamo passati da un più 2% di crescita occupazionale ad un meno 0,7% a causa delle misure di contenimento sul mercato del lavoro in soli due mesi” riassume il direttore di Ripartizione Luther. “Sembra poco? Per avere un’idea di quanto ciò significhi, si pensi che durante la crisi economica globale del 2010, il calo è stato solo dello 0,1% ed è stato ripartito in modo più uniforme su tutti i sei mesi” aggiunge Luther.

Prima delle misure di contenimento per la pandemia COVID 19 la crescita occupazionale si attestava su un valore moderato del +2%, leggermente inferiore alla media degli ultimi 20 anni. Il Rapporto sul mercato del lavoro 2020/1 traccia accuratamente gli effetti del blocco sul mercato del lavoro.

Ciò ha determinato una battuta d’arresto nella crescita dell’occupazione in quasi tutti i settori, in particolare a causa della scadenza dei contratti a tempo determinato e della mancanza di nuovi posti di lavoro di qualsiasi durata. Tuttavia è necessario differenziare: “Mentre in alcuni importanti settori lo sviluppo è semplicemente rallentato, in altri c’è stato un trend negativo per diversi mesi. Alcuni settori sono addirittura in crescita, mentre altri sono profondamente colpiti dal blocco” chiarisce Luther.

Numero di disoccupati registrati: +61,3% in aprile

Il periodo novembre 2019 – aprile 2020 entrerà nella storia del mercato del lavoro con una media di 20.780 disoccupati registrati. Ciò rappresenta un incremento di +3.301 (+18,9%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. A causa della crisi del coronavirus, il numero dei disoccupati registrati è in rapido aumento.

Ad aprile 2020, più di 28.254 persone erano registrate come disoccupate, con un incremento di +10.738 (+61,3%) rispetto a un anno prima. Si tratta di +6.515 persone in più rispetto al novembre 2019, il mese in cui viene normalmente misurato il picco annuale di disoccupati registrati. In questo contesto, negli ultimi mesi le parti sociali e l’amministrazione provinciale hanno concordato misure di sostegno per i dipendenti e le aziende. “L’Alto Adige ha messo a disposizione fondi considerevoli” rimarca Achammer.

Questo ha dimostrato che soprattutto quelle procedure che anche solo in piccola parte sono sotto la nostra responsabilità possono e devono essere accelerate” spiega Achammer. “Per questo motivo dobbiamo cercare di ottenere una maggiore autonomia, soprattutto per quanto riguarda misure come la cassa integrazione” aggiunge.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Bonus casalinghe 2021: un’opportunità per una scelta più libera e consapevole
    Il Bonus Casalinghe 2021 istituito nel Decreto Agosto 2020 risulta ancora fermo a causa della mancanza di un Decreto attuativo del Ministero delle Pari opportunità e la Famiglia che regoli i 3 milioni messi disposizione... The post Bonus casalinghe 2021: un’opportunità per una scelta più libera e consapevole appeared first on Benessere Economico.
  • Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo: un’opportunità per le imprese italiane
    L’Istituto offre interessanti opportunità anche per le imprese italiane, permettendo di ossigenare molti bilanci aziendali. La BERS, la Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo è un’ente ancora poco conosciuto soprattutto in Italia anche se... The post Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo: un’opportunità per le imprese italiane appeared first on Benessere Economico.
  • Il Regno Unito tutela le aziende assicurate: le polizze pagano danni per interruzione attività
    Dopo numerose controversie legali, nel Regno Unito saranno circa 370 mila le aziende che, avendo stipulato un’assicurazione potrebbero ricevere rimborso per l’interruzione di attività. In tutta Europa, i provvedimenti emanati per il contenimento della pandemia... The post Il Regno Unito tutela le aziende assicurate: le polizze pagano danni per interruzione attività appeared first on Benessere […]
  • “Nuove imprese a tasso zero”: agevolazioni e contributi a donne e giovani
    Il Ministero dello Sviluppo Economico sosterrà giovani e donne che vogliono avviare nuove imprese, attraverso finanziamenti agevolati a tasso zero. Recentemente è stata pubblicata la circolare dello stesso Ministero che definisce i termini e le... The post “Nuove imprese a tasso zero”: agevolazioni e contributi a donne e giovani appeared first on Benessere Economico.
  • Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale
    La recente situazione pandemica sta avendo un impatto travolgente sui mercati e sull’economia generale, mettendo in discussione il ruolo stesso dell’azienda che dovrà necessariamente evolversi per assecondare nuove variabili. L’attuale situazione economica: In questo contesto,... The post Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale appeared first on Benessere Economico.
  • WORKATION – Lavoro vista mare o monti
    Il nuovo trend che interessa anche gli operatori del ricettivo Mare, montagne, lago, acqua, natura. Chi non sogna di lavorare stando in vacanza? Pensate ad una riunione vista Dolomiti, ad una pausa pranzo in un... The post WORKATION – Lavoro vista mare o monti appeared first on Benessere Economico.
  • I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro
    Che i soldi non facciano la felicità è probabilmente vero, ma è altrettanto inconfutabile che siano un potente rilassante. Nel nostro mondo dominato dalla cultura capitalistica, il denaro è diventato una pietra angolare della struttura... The post I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro appeared first on Benessere […]
  • Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo
    Le registrazioni nei corridoi, i box per le somministrazioni nelle sale riunioni: il protocollo firmato al Ministero del Lavoro da Confidustria e organizzazioni sindacali declina le possibilità del vaccino sui luoghi di lavoro. Il documento... The post Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona
    Anche per quest’anno è stato confermato il bonus cultura di 500 euro per tutti i neo 18enni nati nel 2002, ed erogato dallo Stato per l’acquisto di musica, corsi online, libri ed altre attività culturali.... The post Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona appeared first on Benessere Economico.
  • FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica”
    Il Fondo Monetario Internazionale propone la sua ricetta per aiutare i Paesi da uscire dalla crisi economica, suggerendo una tassa di solidarietà per finanziare le spese e i sostegni necessari a combattere la crisi. All’interno... The post FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica” appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza