Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Ridotta in Italia la spesa per la Sanità, Vox Italia: “Definanziamento destinato ad aumentare senza sovranità monetaria”

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

“Negli ultimi dieci anni (dal 2010 al 1999) il Servizio Sanitario Nazionale, anche se sarebbe meglio definirlo regionale, ha visto tagliati i propri finanziamenti pubblici, in pratica, di 37 miliardi di euro.

Infatti, in Italia abbiamo visto un definanziamento di circa 28 miliardi e un aumento delle necessità sanitarie della popolazione di 9 miliardi. La media annua di crescita dello 0,9 è stata insufficiente persino a coprire l’inflazione, che nello stesso periodo è stata mediamente dell’1,07% annuo.

Come se non bastasse, il Documento di Economia e Finanza 2019, nonostante gli annunci di aumento della spesa sanitaria, di fatto ha ulteriormente falcidiato il sovvenzionamento alla Sanità del Bel Paese. Difatti, nonostante un aumento della spesa sanitaria previsto dell’1,4% per i prossimi 3 anni, il crollo del Pil, annunciato dal Def 2019 per lo stesso periodo, ridurrà ancora la spesa sanitaria, che non riuscirà nemmeno a stare dietro all’inflazione.

Il taglio della spesa sanitaria appare ancora più scriteriato in una situazione di emergenza come quella attuale.

L’art. 32 della nostra Costituzione parla chiaro: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”.

Perché quindi questo continuo sbriciolamento della spesa sanitaria (come del resto di tutta la spesa pubblica in genere)? Preso detto: l’Italia non ha più la sovranità di battere la moneta necessaria per il benessere dei propri cittadini; non ha più una propria politica monetaria.

Questo grazie ai trattati europei, e al loro “braccio armato che è l’euro”, che hanno tolto al popolo italiano il potere di decidere la propria sorte; ai trattati europei che ci hanno imposto di non poter fare spesa pubblica; ai trattati europei che hanno fatto carta straccia della Costituzione repubblicana, ai trattati europei che hanno determinato l’impoverimento degli italiani e l’arricchimento degli speculatori finanziari internazionali.

Senza sovranità monetaria non c’è democrazia, cioè non può essere rispettato l’art. 1 della Costituzione, che sancisce come la sovranità debba appartenere al popolo.

Solo la riconquista della sovranità monetaria e quindi della democrazia, con la conseguente possibilità di creare benessere per la popolazione, può permettere allo Stato di spendere i soldi necessari per creare le strutture sanitarie; acquistare le più moderne attrezzature mediche; investire nella ricerca medica e farmacologica in modo da non essere sotto il ricatto delle case farmaceutiche; formare medici, infermieri e tutto il personale sanitario; assumere tale personale e farlo lavorare serenamente; in modo da assicurare a tutti salute e prosperità”.

La riflessione affidata a La Voce di Bolzano è del candidato Sindaco e rappresentante bolzanino di Vox Italia, Eriprando della Torre di Valsassina.

 

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Bolzano2 settimane fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino4 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige3 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Economia e Finanza4 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Bolzano4 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Politica4 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Politica3 settimane fa

Philipp Achammer lascia la guida della Svp dopo dieci anni

Politica3 settimane fa

Arno Kompatscher esclude il doppio ruolo di presidente e segretario della Svp

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

meteo3 settimane fa

In arrivo un lungo weekend di pioggia, ecco dove arriverà la neve

Merano3 settimane fa

La tragedia al San Rossore: il fantino Dominik Pastuszka perde la vita dopo una caduta

Archivi

Categorie

più letti