Connect with us

Politica

Rinnovo dello Stato di emergenza: attenzione a quello che sta accadendo

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

Il 31 luglio 2021 il primo ministro Draghi pare intenzionato e rinnovare lo Stato di Emergenza. Lo stato di emergenza è stato deliberato per la prima volta dal Consiglio dei Ministri il 31 gennaio 2020 dal governo Conte. Di proroga in proroga si giungerà al 31 luglio 2022 ma la durata dello stato di emergenza (previsto dal decreto legislativo 1/2008) non può superare i 12 mesi ed è prorogabile per non più di altri 12 mesi quindi massimo fino al 31 gennaio 2022.

Cosa può accadere durante lo stato di emergenza? Si possono approvare leggi e decreti, si possono disporre misure restrittive, si possono mantenere in funzione gli organi precedentemente creati (Cts, commissario straordinario, ecc.). Dobbiamo però ricordare, ed è fondamentale farlo, che lo Stato di Emergenza non è sancito dalla nostra Costituzione, non è stato inserito appositamente perché è proprio così che sono nati i regimi del ‘900.

Si tratta di una legislazione della Protezione Civile, che si occupa d’intervenire in casi di eventi calamitosi, di situazioni di emergenza in genere al fine di tutelare l’incolumità delle persone. La dichiarazione dello stato di emergenza deve provenire prima dal basso, cioè dai Comuni che chiedono aiuto alle regione le quali poi si rivolgono allo Stato centrale per ottenere l’autorizzazione alla richiesta.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Quali sono i presupposti? Viene richiesto quando c’è una reale motivazione. Esso concede alcuni poteri al dipartimento della protezione civile, ma nessun potere al governo. Dopo un anno e mezzo non si parla più di pandemia, ma di endemia cioè di malattia esistente che va gestita in maniera ordinaria. Questo stato di emergenza non ha nulla di legale ma ha la funzione di veicolare nei cittadini la percezione che ci sia qualcosa di spaventoso, di catastrofico e di eccezionale.

In questo modo molte norme possono venire sospese e la Costituzione venir mestamente messa da parte. Poi, se vogliamo dare uno sguardo al passato, potremmo trovare somiglianza tra il fascismo di Mussolini ed il grande potere autoritario e poco democratico di Draghi. Poco democratico in quanto non abbiamo quasi più il controllo del Parlamento il quale ora approva incondizionatamente tutto; l’opposizione è inesistente e divinamente allineata all’unico pensiero ora permesso. Questo di democrazia non ha più nemmeno la parvenza.

A mio parere questo prolungamento dello stato di emergenza ha l’amaro sapore di un pericolo civile imminente all’interno dello StatoLe prevedibili chiusure autunnali per le attività commerciali, accompagnate da conosciute restrizioni sociali, potrebbero portare il popolo a malcontenti anche violenti.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Ecco perché il ministro Draghi, uomo delle banche e nemico del popolo (perché uno non esclude l’altro), ha posizionato il generale Figliuolo come commissario straordinario per l’attuazione ed il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento ed il contrasto dell’emergenza epidemiologica, un generale dell’esercito per un problema che continuano a chiamare “sanitario” mentre è chiaramente, visibilmente e ragionevolmente un problema di regime! La storia si ripete“.

Il contributo per La Voce di Bolzano è di Cristina Barchetti, coordinatrice regionale Trentino Alto Adige di Vox Italia.

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina2 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport2 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi2 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Trentino2 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Eventi2 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Alto Adige4 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Alto Adige4 settimane fa

Proseguono a raffica arresti, denunce e tre decreti di espulsione anche in un 25 aprile “tranquillo”

Alto Adige4 settimane fa

Espulsi madre e figlio per violenze sessuali, riti magici, obbligo del velo e lesioni sulla giovane moglie e nuora

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Bolzano3 settimane fa

Aggressione in discoteca: giovane percosso e contuso. Scattano gli accertamenti di pubblica sicurezza

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Alto Adige2 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Società4 settimane fa

Quindici giovani talenti della ricerca scientifica: workshop interdisciplinare Laimburg-Berlino

Oltradige e Bassa Atesina4 settimane fa

La prima tappa di “Borgo diVino in tour 2024” fa sosta a Egna con un ricco programma

Archivi

Categorie

più letti