Connect with us

Valle Isarco

Sabiona: le suore benedettine lasciano il convento

Pubblicato

-

Le suore del monastero di Santa Croce di Sabiona in val d’Isarco lasceranno prossimamente il convento. A comunicarlo al vescovo Muser e Albert Schmidt, abate della congregazione benedettina di Beuron a cui è affiliata la struttura. Una decisione che arriva dopo lunghe consultazioni.

Ho lottato a lungo con me stessa e prendere questa decisione per me è stato molto difficile, ma è diventata inevitabile considerato lo sviluppo della presenza delle suore nel monastero“, sottolinea la badessa Maria Ancilla Hohenegger. Nel 1996, quando fu eletta badessa, il convento contava 18 suore. Oggi la comunità di Sabiona è formata da tre suore, due delle quali hanno preso i voti solenni. Non possono sfruttare adeguatamente l’ampio complesso né possono permettersi gli alti costi di manutenzione annuali.

Anche se l’abbandono di un monastero fa sempre male, sostengo questo passo coraggioso“, spiega il responsabile della congregazione Albert Schmidt. “Quando una comunità non può più assicurare il suo futuro economico in modo autonomo, l‘addio è un passo necessario anche se drastico. Prenderlo ora non significa fallire, ma è segno di responsabilità. Tutto ciò che un monastero ha vissuto e realizzato durante la sua esistenza rimane prezioso e fruttuoso“.

Pubblicità
Pubblicità

Che un ordine religioso abbandoni un monastero non è più una rarità. L’abate Schmidt ricorda: “Solo nella nostra Congregazione, per la terza volta in vent’anni registriamo la fine di una comunità“.

Anche in Alto Adige negli anni scorsi le congregazioni religiose hanno abbandonato singoli monasteri. Due suore di Sabiona si trasferiranno prossimamente nell’abbazia cistercense di Mariengarten a San Paolo di Appiano, la terza intende trasferirsi nell’abbazia di Nonnberg a Salisburgo.

La Diocesi di Bolzano-Bressanone è grata alle Suore benedettine per la loro presenza da oltre 335 anni sul monte sacro dell’Alto Adige – sottolinea il vescovo Ivo Muser – . Attraverso la loro preghiera, attraverso la loro testimonianza di fede e attraverso l’ospitalità che hanno donato a molte persone, dal monastero di Sabiona la grazia delle benedizioni si è diffusa nella nostra terra e oltre. Conservare Sabiona come luogo spirituale deve essere un impegno che sta a cuore a tutti noi. Ora la Diocesi di Bolzano-Bressanone valuterà come potranno essere utilizzati in futuro gli edifici del monastero“.

Pubblicità
Pubblicità

Il convento di Sabiona

Sabiona è l’antica sede episcopale della Diocesi. I primi vescovi risiedettero sul monte di Sabiona fino a quando nel Medioevo non spostarono la loro residenza a Bressanone. Successivamente Sabiona fu trasformato in un castello episcopale, ma col tempo cadde in rovina. Tuttavia il grande pellegrinaggio dei ladini a Sabiona, che ha luogo ogni tre anni dal XIII/XIV secolo, fu sempre mantenuto.

Nel XVII secolo il parroco di Chiusa, Matthias Jenner, avviò la ricostruzione degli edifici fatiscenti forniti dalla Diocesi di Bressanone per insediarvi un convento. Le prime suore giunsero nel 1685 dal convento benedettino di Nonnberg vicino a Salisburgo e l’anno seguente il convento fu formalmente istituito dal vescovo di Bressanone, a cui rimase subordinato per secoli. Per questo motivo le suore rimaste a Sabiona hanno deciso già alcuni anni fa di affidare questo luogo alla Diocesi in caso di scioglimento dell’abbazia.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige1 settimana fa

Indennità per i pendolari, in corso la revisione del sistema

Sport4 settimane fa

Foxes all’ultimo match casalingo del 2021: al Palaonda arriva l’Innsbruck

Alto Adige4 settimane fa

Bolzano, i problemi cardiaci gli impediscono di lavorare. Crowdfunding per Giancarlo

Politica3 settimane fa

Il comandante degli Alpini da Kompatscher: Protezione civile e Covid

Società4 settimane fa

Messa di Natale, Muser: “Un Natale per ritrovare il senso di comunità”

Alto Adige3 settimane fa

Incidente con due macchine coinvolte in Valle Isarco: intervengono i vigili del fuoco

Sport3 settimane fa

I Foxes perdono a Villach: il VSV si impone per 4 a 3 all’overtime

Alto Adige3 settimane fa

Labers: cede il freno a mano e la macchina precipita. Salvo il cagnolino rimasto intrappolato all’interno

Bolzano4 settimane fa

Minaccia i passanti con forbici e martello: straniero bloccato in centro a Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Val Badia: auto cade in un fossato. Vigili del fuoco in intervento

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: oggi 3 gennaio 39 casi positivi da PCR e 404 test antigenici, un decesso

Merano3 settimane fa

Il conducente sbanda e distrugge l’automobile all’uscita di Postal

Merano4 settimane fa

Esce di strada sulla provinciale fra Marlengo e Cermes: intervengono i vigili del fuoco

Alto Adige4 settimane fa

Alto Adige, arrivano i kit per gli autotest degli alunni durante le vacanze di Natale

Bolzano2 settimane fa

Coronavirus: 1.361 contagi e un decesso nelle ultime 24 ore in Alto Adige

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere

La Tempesta Vaia che ha colpito il nord Italia e l’arco alpino alla fine del 2018 ha lasciato senza ombra di dubbio enormi cicatrici su tutto…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza