Connect with us

Alto Adige

Selva e Santa Cristina a inizio ‘900: al via mostra fotografica

Pubblicato

-

Com’era la vita in Val Gardena a inizio ‘900?

Lo spiega una mostra fotografica organizzata dal Museum ladin Ciastel de Tor in collaborazione con il Centro culturale Tublà da Nives di Selva ed il Museo Palais Mamming di Merano.

La mostra sarà inaugurata sabato 26 ottobre, alle ore 17, al Centro culturale Tublà da Nives.

Pubblicità
Pubblicità

Esposti paesaggi, foto di costumi tipici e ritratti, per i quali gli organizzatori lanciano un appello: chi è in grado di dare un nome alle persone raffigurate?

 

 

Oltradige e Bassa Atesina

Autunno dei furti, ennesimo colpo in Bassa Atesina. Svaligiato appartamento ad Ora

Pubblicato

-

Altro colpo in Bassa Atesina da parte degli ormai conosciuti “ladri d’autunno”, che questa volta sono entrati in un appartamento di Ora.

Il fatto è avvenuto intorno alle 19.15. Il modus operandi è sempre lo stesso: si arrampicano fino a raggiungere il balcone poi forzano la porta finestra e si introducono nell’abitazione.

A denunciare l’accaduto O.H. tramite il suo profilo facebook. Sul posto i carabinieri per i rilievi di rito.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Adige

Valanga di Martello: valle isolata, due case danneggiate, 20 evacuati

Pubblicato

-

Il sindaco di Martello, Georg Altstätter, fa il punto della situazione per quanto riguarda la valanga che ha colpito questa mattina il centro del paese.

L’intera Val Martello è completamente isolata dal mondo esterno, nelle frazioni Martello di dentro e Selva (Waldberg) non vi sono né elettricità, né telefono.

Attualmente sono circa 80 le persone coinvolte negli interventi di emergenza e di soccorso per tenere la situazione sotto controllo, è stato richiesto l’equipaggiamento adeguato al Corpo permanente dei vigili del fuoco di Bolzano.

Pubblicità
Pubblicità

Valanga Eberhöfer, gli evacuati ospitati in palestra

La valanga Eberhöfer – racconta il sindaco – nonostante i numerosi investimenti effettuati negli ultimi anni, si è staccata alle ore 8.33, partendo da un’altitudine di circa 2.400 metri e arrestandosi a quota 1.200 metri. La slavina ha sfiorato il paese, due case sono state parzialmente danneggiate ma fortunatamente non vi sono stati feriti. Il cono della valanga, per quanto la visibilità lo permetteva, è stato controllato dalle forze di emergenza con cani e attrezzatura Reco, tutte le famiglie sono state interpellate per escludere la presenza di persone scomparse o disperse. Diverse case situate nella zona di maggior pericolo sono state evacuate, e i 20 abitanti ospitati presso la palestra del centro civico. Il rifugio di emergenza allestito dalla Croce Bianca offrirà ospitalità sino al termine della situazione di allarme.

Alle 9.28, inoltre, una seconda valanga è scesa verso valle sul lato destro orografico nella frazione di Transacqua (Ennewasser). Nessuna persona e nessun edificio risultano coinvolti.

In alta montagna fino a 2 metri di neve fresca

In alta montagna si sono accumulati circa 2 metri di neve fresca – spiega il sindaco – e già venerdì scorso sono state chiuse le strade dopo aver attivato la Centrale di protezione civile comunale e la commissione di protezione dalle valanghe“.

Sempre venerdì sera vi è stata un’interruzione della fornitura di energia elettrica che è stata ripristinata sabato mattina dal gestore Edyna, e sempre nella mattinata di sabato un elicottero della Protezione civile provinciale ha sorvolato la zona per una ricognizione della situazione.

Le enormi quantità di neve e i molti alberi che bloccano le strade di accesso ci hanno spinto ha tenere riunioni quasi ogni ora – prosegue Georg Altstätter – con organizzazioni di soccorso, vigili del fuoco volontari, Servizio strade e Carabinieri“.

Continua a leggere

Alto Adige

Maltempo in Alto Adige, stato di pre-allarme fino a domani

Pubblicato

-

Il gruppo di valutazione del Centro funzionale provinciale riunitosi questa mattina, 17 novembre, presso l’Agenzia per la protezione civile ha confermato sino alle ore 12 di domani (lunedì 18 novembre) lo stato di pre-allarme (bravo – arancione), il terzo livello su una scala di quattro.

Lo conferma il direttore Rudolf Pollinger tracciando un bilancio della situazione e annunciando che alle ore 14 verrà insediata la Centrale operativa provinciale con la presenza del presidente Arno Kompatscher, dell’assessore alla protezione civile Arnold Schuler e del Commissario del governo Vito Cusumano.

Da mezzanotte alle 6 la Centrale unica di emergenza ha registrato 71 interventi, di cui 60 di natura sanitaria e 11 legati alle attività dei vigili del fuoco. Tra le 6 e le 12, invece, altre 130 interventi dei vigili del fuoco e 30 interventi di soccorso sanitario.

Pubblicità
Pubblicità

A22 chiusa in entrambe le direzioni

Alle 10 di questa mattina, all’altezza di Mules, una linea della media tensione è caduta al suolo colpendo autostrada, linea ferroviaria e strada statale del Brennero.

Il traffico, tra Bressanone e Vipiteno, è bloccato in entrambe le direzioni, i tecnici sono sul posto per cercare di risolvere la situazione il prima possibile.

Sono altre 37, fra statali e provinciali, le strade off limits su tutto il territorio, senza contare le numerosissime strade secondarie principalmente ad alta quota.

La statale della Val Pusteria è rimasta chiusa nella mattinata di oggi a causa di un albero caduto nei pressi di San Lorenzo in località Kniepass.

L’appello è di non mettersi in viaggio.

Valanghe, frane, meteo

Ha già fatto il giro del web l’impressionante video che testimonia la slavina di questa mattina a Martello.

La cosiddetta valanga Eberhöfer, alle ore 8.50, ha raggiunto il centro del paese, problemi legati a frane e smottamenti segnalati nelle prime ore della giornata anche a San Paolo.

Secondo il Servizio meteo della Provincia, le precipitazioni anche consistenti proseguiranno sino al tardo pomeriggio di oggi, mentre il limite delle nevicate varia a seconda delle zone: in alcuni punti nevica anche nel fondovalle, in altri a quota 2.000 metri.

In alta montagna, inoltre, soffia vento di tempesta proveniente da sud.

Energia e rete mobile

Continua ad essere problematico in alcune zone dell’Alto Adige l’approvvigionamento di energia elettrica e sono 12.500 le utenze senza corrente.

Disagi e disservizi si registrano anche per quanto riguarda le linee di telefonia mobile.

Le caserme dei vigili del fuoco volontari sono a disposizione con le loro infrastrutture per chi non avesse possibilità di accedere a collegamenti telefonici.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza