Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Arte e Cultura

Due mostre fotografiche virtuali per raccontare la vita sull’Himalaya

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Sull’Altopiano Tibetano si trovano alcuni tra i pascoli più elevati del mondo, ad un’altitudine che varia tra i 3.500 ed i 5.400 metri sul livello del mare. Si tratta di un ambiente che, salvo rare eccezioni, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Il clima è continentale, estremamente rigido, soleggiato e secco per buona parte dell’anno.

Sebbene la Cina presenti alti tassi di sviluppo, le popolazioni dell’Altopiano del Qinghai registrano forti tassi di povertà e sono gravemente colpite da fenomeni d’impoverimento ed emarginazione. L’area della contea di Tringdu, nella prefettura autonoma tibetana dii Yushu, è tra le più remote, nomadiche e povere in assoluto, con un reddito annuo pro-capite di circa 300 euro.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Qui ASIAAssociazione per la Solidarietà Internazionale in Asia – una organizzazione non governativa impegnata dal 1988 in Tibet e nell’area Himalayana, ha realizzato un progetto biennale cofinanziato dalla Provincia Autonoma di Bolzano, a sostegno delle comunità di pastori più disagiate.

Il progetto, che si è appena concluso, ha puntato al raggiungimento dell’autosufficienza economica e alimentare delle famiglie nomadi e all‘aumento della resilienza dell’allevamento attraverso una serie di attività, tra le quali: l‘incremento della popolazione ovina; la fornitura di attrezzature veterinarie; l’offerta di corsi di formazione sulla prevenzione e cura delle malattie delle greggi e il miglioramento della gestione dei prati pascoli nello xiang di Domda nella Contea di Tringdu.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Sempre nell’ambito di questo progetto, Il 12 dicembre è stata inaugurata la mostra fotografica online “A Nomad’s life”, con gli scatti di Stefano Bottesi, per raccontare momenti della vita delle famiglie nomadi incontrate in quest’area del Tibet orientale, nota anche come Kham. La mostra rimarrà online fino al 12 gennaio ed è visitabile sul nostro sito 

Un’altra area remota in cui è impegnata ASIA è quella dei distretti di Rasuwa e di Sindhupalchok, in Nepal, molto poveri e fortemente colpiti dal terremoto dell’aprile 2015. In queste aree rurali le donne vivono in una condizione socio-economica e culturale di subordinazione nei confronti degli uomini. Sono in gran parte analfabete e raramente hanno un proprio reddito, pur lavorando molto più duramente degli uomini.

Nell’aprile 2019 grazie ai fondi della Provincia Autonoma di Bolzano, ASIA ha avviato a Rasuwa un progetto per ridurre l’insicurezza alimentare e migliorare le condizioni di vita delle donne e dei contadini, creando opportunità di reddito per 274 nuclei familiari tra cui 135 a conduzione femminile. Sono state organizzate, tra le altre, attività di formazione al diritto di proprietà e al marketing, avviate attività di apicoltura, implementati vivai con sistemi di irrigazione e realizzata una campagna di riforestazione nelle zone marginali del parco del Langtang.

Negli stessi anni un altro intervento è stato finanziato dalla Provincia Autonoma di Bolzano e realizzato da ASIA nel distretto di Sindhupalchok, a sostegno della comunità di Bhotekoshi, priva di un accesso diretto all’acqua e in ginocchio a causa della scarsa disponibilità di pascoli e foraggio per i Chauri (incroci di yak e mucche di collina), per il forte disboscamento in atto in questa zona.

Attraverso la costruzione di sistemi di approvvigionamento di acqua potabile e la promozione dell’allevamento del bestiame, il progetto ha favorito lo sviluppo socio-economico di queste aree montane remote.

Nell’autunno del 2021 il fotografo e giornalista Thibault Gregoire ha visitato entrambi i progetti e dal suo reportage è nata la mostra Nepal Stories, che racconta la forza e resilienza delle donne nepalesi e la quotidianità di queste comunità rurali. La mostra rimarrà online fino al 29 gennaio ed è visitabile sul nostro sito.

ASIAAssociazione per la Solidarietà Internazionale in Asia – è stata fondata nel 1988 dal maestro Chögyal Namkhai Norbu, scomparso nel 2018, con la missione di proteggere l’identità e il patrimonio storico e culturale dei popoli del continente asiatico, con particolare attenzione al Tibet e all’area himalayana. Promuove processi di sviluppo sostenibile che pongono al centro le comunità locali con le proprie risorse umane, culturali e ambientali.

www.asia-ngo.org[email protected]

NEWSLETTER

Alto Adige36 minuti fa

Al Brennero, Marco Galateo lancia un appello per la difesa della sovranità alimentare

Alto Adige5 ore fa

Carabinieri intervengono su un treno regionale Bolzano-Merano per un passeggero senza biglietto

Alto Adige5 ore fa

Carabinieri di Vipiteno sventano un tentativo di suicidio

Alto Adige9 ore fa

Contro il “fake Italy” alimentare: secondo giorno di presidio al Brennero

Alto Adige10 ore fa

Carabinieri sciatori migliorano la sicurezza sulle piste del Passo Oclini

Bolzano10 ore fa

Polizia arresta ladro di biciclette che minaccia persona disabile e danneggia auto: espulso

Consigliati10 ore fa

Un evento da non perdere per celebrare il legame tra il Trentino Alto Adige e la meravigliosa isola di Lussino

Merano22 ore fa

Turista perde la vita dopo una caduta nel sentiero delle rocce di Velloi

Val Pusteria1 giorno fa

Carabinieri di Brunico in azione contro droga e guida in stato di ebbrezza

Trentino1 giorno fa

Arrestato finto carabiniere dopo truffa da 30.000 euro a donna anziana

Alto Adige1 giorno fa

L’orso M75 si è svegliato sulle Alpi Sarentine, sue tracce nel comune di Barbiano

Trentino1 giorno fa

Sciopero nel settore privato in Trentino, quattro ore di mobilitazione l’11 aprile

Alto Adige1 giorno fa

Coldiretti rilancia la battaglia per la trasparenza dell’origine dei prodotti alimentari

Bolzano1 giorno fa

Cittadino ghanese ferma il rapinatore di una donna anziana e lo consegna alla polizia

Alto Adige1 giorno fa

La stagione dei Carabinieri sciatori di Bolzano si chiude con un bilancio di 700 interventi

Archivi

Categorie

più letti