Connect with us

Politica

Sergio Ramelli, mozione del consigliere Vasarin (FdI) per intitolare una via di Bolzano al 19enne assassinato

Pubblicato

-

Il 29 aprile 1975 veniva brutalmente assassinato a Milano Sergio Ramelli, allora diciannovenne, diventato poi un modello e un simbolo per la gioventù d’ogni tempo, anche e soprattutto a prescindere dallo schieramento politico. Per questo motivo Fratelli d’Italia ha voluto aderire all’iniziativa di Gioventù Nazionale Trentino-Alto Adige presentando una mozione in consiglio di circoscrizione Centro-Piani-Rencio a Bolzano per mezzo del consigliere Michele Vasarin, per fargli intitolare una piazza, una via o un altro luogo di Bolzano, ancora senza denominazione.

“Tener viva la memoria di Sergio significa offrire un modello positivo: un ragazzo, uno studente, un figlio d’Italia che ha difeso ciò in cui credeva nonostante le minacce subite. Il vento di libertà e di coraggio che ha gonfiato le sue vele soffiava molto più forte di qualunque timore, molto più forte delle minacce; era un uragano di audacia.

La sua freschezza da diciannovenne non può che essere motivo di ispirazione per tutti Noi e per tutti coloro che non accetteranno mai bavagli di sorta, da parte di nessuno e a qualunque costo. Sergio Ramelli aveva un ideale e per questo è stato assassinato: noi ripudiamo sempre ogni violenza, nel nome di Sergio! Sergio Ramelli sia il simbolo di libertà di tutti”, ha sottolineato Vasarin.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza