Connect with us

Bolzano

Spaccio, baby gang e case a pezzi: inquilini esasperati al ‘lotto degli inglesi’. “Ma l’Ipes non ne viene a capo”

Pubblicato

-

Vandali in libera uscita che danneggiano piccole strutture e imbrattano muri, problemi di infiltrazioni e allagamenti nei condomini ma anche appartamenti che cadono a pezzi: questa la situazione che da mesi lamentano i residenti delle case Ipes e i proprietari di alloggi in cooperativa tra via Cagliari e via Genova a Bolzano, quelle del cosiddetto ‘lotto degli inglesi‘.

A peggiorare la situazione pare si sia aggiunto negli ultimi mesi anche il problema delle baby gang, scorribande di giovanissimi che seminano paura e disordine nella zona già afflitta da un crescente degrado dovuto al giro dello spaccio.

In difficoltà i molti anziani e le famiglie con bambini che abitano il quartiere e che ora chiedono a gran voce non solo più illuminazione ma anche l’installazione di telecamere e recinzioni per arginare la microcriminalità. Per richiamare l’attenzione sulla problematica sono state avviate diverse raccolte firme, ma senza risultato. Le diverse aree sembrano già suddivise per ‘competenza’ dai gruppi e gruppetti dominanti di piccoli delinquenti e le forze dell’ordine non intervengono in quanto si tratterebbe di ‘aree private al di fuori della competenza di polizia e carabinieri’.

Pubblicità
Pubblicità

A nulla sarebbero servite le numerose lettere inviate all’Ipes da parte degli amministratori di condominio dei circa 400 alloggi del complesso costruito tra gli anni ’80 e gli anni ’90. La conferma arriva anche dal fiduciario per l’Ipes Paolo Cressotti, persona stimata dai residenti per la sua immancabile disponibilità.

Sottolinea Cressotti: “Purtroppo questa situazione è nota agli uffici competenti, mi scontro e collaboro quotidianamente con i vari responsabili ma il più delle volte non si riesce a venirne a capo per cavilli legati alla burocrazia“.

Parliamo di un quartiere che nelle ultime settimane ha assistito alle passerelle di tutti gli schieramenti politici candidati alle recenti elezioni comunali ma già latitanti all’indomani del voto. E oggi i cittadini sono esasperati per una situazione nota da anni e che aveva visto anche numerose azioni da parte dei militanti di CasaPound, tra le quali anche le famose ‘passeggiate notturne’, che rappresentavano un punto di riferimento per la percezione della sicurezza in tutto il quartiere.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza