Connect with us

Alto Adige

Strade: 64 milioni di euro per il 2019. Stanziati 192 milioni per 150 progetti fino al 2021

Pubblicato

-

La Giunta provinciale ha approvato oggi (11 giugno) il budget per le infrastrutture dei prossimi 3 anni per interventi su un totale di 2.826 chilometri di strade, 1.662 ponti e 206 tunnel.

Per il 2019 sono 64 i milioni di euro destinati a interventi infrastrutturali, mentre sino al 2021 sono 192 i milioni di euro che verranno investiti per la realizzazione di circa 150 progetti.

Accanto agli interventi per tunnel più sicuri e ponti più stabili, in programma vi sono anche interventi per la protezione dalle frane.

Pubblicità
Pubblicità

Prioritari nell’ambito del programma triennale sono i lavori in corso e quelli attualmente in fase di appalto.

Attualmente sono 44 gli interventi in corso come ad esempio la circonvallazione di Bressanone, lo svincolo per la val Badia a San Lorenzo di Sebato, la circonvallazione sud di Brunico, la rotatoria doppia di Dobbiaco e la sistemazione dell’accesso a Vandoies di sotto.

Attualmente in corso è anche l’ampliamento della strada per la Val d’Ultimo, progetto che quest’anno calamitano quasi 10 milioni di euro.

E sono in tutto 14 i nuovi appalti che verranno banditi nel 2019.

Gli appalti seguono un ordine di priorità, privilegiando la sicurezza per tutti i tipi di opera: circonvallazioni, messe in sicurezza di pendii, ristrutturazione di ponti e sistemazioni di tratti stradali.

Il progetto principale che verrà realizzato sarà la circonvallazione di Chienes. Per questo progetto sono disponibili 14,5 milioni di euro del fondo di sviluppo e coesione per il 2019.

In programma anche il bando per la demolizione e ricostruzione del Ponte Laterizi del Forte di Fortezza, i lavori di messa in sicurezza della strada per Laion e la sistemazione delle pareti rocciose lungo la statale del Passo Pennes.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Adige

Cattura M49, Kompatscher: “Provvedimento legittimo”. Ministro Costa: “Non ammazzatelo”

Pubblicato

-

Per il Landeshauptmann Kompatscher il provvedimento di cattura dell’orso M49 recentemente avvistato nell’area della gola del Bletterbach non è fuori luogo perché legittimato norme nazionali ed europee del settore, “ma solo in caso di serio pericolo per l’uomo potrebbe essere abbattuto“.

Il presidente ha firmato ieri l’ordinanza per il plantigrado secondo quanto previsto dal Piano d’azione interregionale per la conservazione dell’orso bruno sulle Alpi centro-orientali (PACOBACE) e seguendo quanto già previsto dalle due ordinanze emesse dalla Provincia di Trento.

Il provvedimento d’urgenza è arrivato dopo una riunione tecnica tra l’assessore Arnold Schuler e il direttore dell’Ufficio caccia e pesca, Luigi Spagnolli e dopo che lo stesso assessore ha informato Kompatscher sugli ultimi sviluppi.

Pubblicità
Pubblicità

Come già fatto dalla Provincia di Trento – spiega Schuler – l’ordinanza prevede la cattura dell’orso ad opera degli uomini dell’Ufficio caccia e pesca della Provincia. Solo se l’animale diventa pericoloso per l’uomo è previsto, peraltro anche dal Pacobace, l’abbattimento”.

Schuler fa sapere che il personale forestale è alla ricerca di tracce del plantigrado nella zona dove sono avvenuti gli avvistamenti, ma l’animale potrebbe nel frattempo essere tornato in Trentino. La Forestale ha per ora accertato che l’orso M49 ha rovistato in un sacco di rifiuti vicino alla ruolotte di due pastori agli Oclini.

La presenza di M49 sul confine tra le due province è confermata anche dai danni ad un alveare e dalla predazione di un vitello, sempre nella zona del passo Lavazè.

Tramite l’ordinanza Kompatscher ha quindi disposto “al personale dell’Ufficio caccia e pesca della ripartizione Foreste di procedere alla rimozione dell’orso M49, mediante cattura con successiva captivazione permanente in area a ciò autorizzata (…), ovvero, qualora si verifichino situazioni che, in relazione al comportamento di M49, possano determinare ulteriore grave ed imminente pericolo per l’incolumità di terzi o degli stessi operatori dell’Ufficio caccia e pesca, di procedere all’abbattimento dell’orso medesimo”.

In mattinata il ministro all’ambiente Sergio Costa era intervenuto sulla vicenda con un invito alla Provincia di Bolzano “a non emettere ordinanze che mettano in pericolo la vita di Papillon (M49). Lasciamo parlare i tecnici e non le suggestioni. Io rinnovo il mio appello: non ammazzatelo“.

Kompatscher ha risposto che attualmente l’intenzione è solo la cattura dell’animale.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Bressanone

Varna, 5mila euro di multa a 29enne ungherese che guidava ubriaco e senza mai aver preso la patente

Pubblicato

-

Durante il ponte di Ferragosto a Varna la Polizia ha fermato un cittadino ungherese di 29 anni lungo la statale 12 per guida in stato di ebbrezza.

Il giovane si trovava alla guida della sua auto con targa italiana con un tasso alcolemico di quattro volte superiore alla media.

Senza documenti di guida o carta di identità, lo straniero è stato accompagnato al Commissariato di Bressanone per i rilievi fotosegnaletici.

Pubblicità
Pubblicità

Li è risultato come il 29enne non avesse mai conseguito la patente di guida e per questo motivo gli è stata inflitta una multa di oltre 5.000 euro e il fermo amministrativo del veicolo per tre mesi.  

Continua a leggere

Alto Adige

Assessora Deeg in visita all’Euregio Summer Camp 2019

Pubblicato

-

Gli esiti delle attività realizzate nel corso della settima edizione dell’Euregio Summer Camp sono stati illustrati il 16 agosto, presso il centro culturale Grand Hotel a Dobbiaco all’assessora provinciale Waltraud Deeg e al segretario generale dell’Euregio Christoph von Ach dai 60 bambini e giovani provenienti da Alto Adige, Trentino e Tirolo che lo hanno frequentato per una settimana dal 10 al 17 agosto. L’assessora Deeg si era recata in visita al campo.

Tramite il gioco, incontri e confronti i giovani hanno sviluppato una serie di idee progettuali con l’obiettivo di contribuire alla crescita congiunta delle tre realtà regionali che connotano l’Euregio. Con l’occasione i giovani si sono potuti confrontare anche con le lingue e culture delle tre comunità. Il motto dell’iniziativa quest’anno si incentrava sul rapporto fra natura e cultura. I ragazzi sono stati seguiti dal coordinatore Florian Pallua e dal team degli assistenti dell’AFZACK.

Progetti quali l’Euregio Summer Camp svolgono un ruolo rilevante: infatti il messaggio dell’idea di Euregio deve raggiungere il cuore e proprio iniziative come questa vanno esattamente in questa direzione“, ha detto l’assessora provinciale Waltraud Deeg in occasione della sua visita al campo a Dobbiaco, entusiasta per l’impegno dimostrato dai ragazzi.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza