Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ambiente Natura

Studio rivela: fringuello alpino in pericolo a causa di cambiamenti climatici

Pubblicato

-

Foto Mattia Brambilla
Condividi questo articolo




Pubblicità

Un recente studio pubblicato sul Journal of Biogeography suona l’allarme per il fringuello alpino, una specie ora considerata a rischio a causa degli impatti dei cambiamenti climatici e della frammentazione degli habitat. Il lavoro di ricerca ha messo in luce la pericolosa combinazione di alta consanguineità e ridotta mobilità tra le popolazioni di questi uccelli, endemici delle alte quote alpine.

Le richieste ambientali particolari del fringuello alpino, insieme ad altre specie come il sordone e la pernice bianca, li espongono a un rischio elevato di fronte ai cambiamenti climatici e alle alterazioni antropiche nel loro habitat montano. Questo include l’impatto del turismo e lo sviluppo di infrastrutture connesse, che contribuiscono a ridurre e frammentare ulteriormente gli habitat idonei a queste specie.

Un elemento chiave per valutare la sopravvivenza a lungo termine di queste specie è la loro capacità di spostarsi e di mescolare i geni tra popolazioni isolate. La frammentazione degli habitat ha reso difficili questi scambi genetici, essenziali per la salute delle popolazioni. Le ricerche condotte dal Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige, insieme all’Università Statale di Milano, all’Università di Oulu, al Museo delle Scienze di Trento (MUSE) ed Eurac Research, hanno evidenziato una preoccupante mancanza di dispersione tra le popolazioni di fringuello alpino.

Gli studi genetici su vari esemplari hanno mostrato che la dispersione degli uccelli diminuisce significativamente oltre i 20-30 chilometri di distanza, con molti individui che scelgono di rimanere a riprodursi nelle loro aree natali. Ciò limita il necessario flusso genico e aumenta il rischio di inincrocio. Sorprendentemente, il 20% degli uccelli analizzati si è rivelato nato da accoppiamenti tra genitori imparentati, evidenziando una dispersione insufficiente a garantire accoppiamenti con partner non imparentati.

Francesco Ceresa, ornitologo e primo autore dello studio, esprime preoccupazione per questi alti livelli di inincrocio, che potrebbero portare all’espressione di mutazioni recessive dannose, riducendo la vitalità e il successo riproduttivo degli uccelli. La situazione potrebbe sfociare in estinzioni locali, riducendo ulteriormente la popolazione e l’areale di riproduzione.

Petra Kranebitter, coordinatrice dello studio, sottolinea l’importanza di proteggere questi habitat montani, considerando gli uccelli alpini come indicatori dello stato di salute degli ecosistemi di alta montagna.

L’ecologo Mattia Brambilla, co-autore dello studio, ricorda che questi risultati si aggiungono al crescente corpo di evidenze sugli effetti dei cambiamenti climatici sulle specie alpine, che comprendono contrazioni di areale, modifiche agli ambienti di foraggiamento, alterazioni fenologiche e l’intensificarsi degli impatti umani.

Il progetto di ricerca, finanziato dalla Provincia Autonoma di Bolzano, mira a fornire ulteriori dati sulla connettività delle popolazioni aviarie d’alta quota, con ulteriori pubblicazioni su Molecular Ecology e Journal of Avian Biology che approfondiscono il tema della sopravvivenza di queste specie in un ambiente in rapida evoluzione.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

NEWSLETTER

Bolzano2 settimane fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino4 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige2 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Bolzano4 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Economia e Finanza4 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Politica4 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Sport4 settimane fa

Sesto Pusteria in festa per il trionfo di Jannik Sinner nel suo primo Slam

Politica3 settimane fa

Philipp Achammer lascia la guida della Svp dopo dieci anni

Politica3 settimane fa

Arno Kompatscher esclude il doppio ruolo di presidente e segretario della Svp

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Archivi

Categorie

più letti