Connect with us

Sport

Tennis: Sydney, buon esordio di Seppi, Chardy ko in tre set

Pubblicato

-

Esordio positivo per il tennista italiano Andreas Seppi nel ‘”Sydney International“, torneo Atp 250 dotato di un montepremi di 527.880 dollari in corso sui campi in cemento di Sydney, in Australia, uno dei due appuntamenti che precedono il primo Slam del 2019.

Il 34enne di Caldaro, numero 37 del mondo e ottava testa di serie, ha battuto per 7-5 2-6 6-4 il francese Jeremy Chardy (36) fresco reduce dalla semifinale a Brisbane.

Nel prossimo turno l’altoatesino troverà lo slovacco Martin Klizan (40) contro il quale è in vantaggio per 4-2 nei precedenti.

Al torneo di Sydney il primo favorito del tabellone è il 20enne greco Stefanos Tsitsipas (15) che precede nel seeding l’argentino Diego Schwartzman (19) e il francese Gilles Simon (31) e vincitore del 2011, rispettivamente terza e quarta testa di serie: i tre entreranno in gara direttamente al secondo turno.

Si è ritirato il russo Daniil Medvedev (16) e campione in carica, reduce dalla finale a Brisbane.

Pubblicità
Pubblicità

Sport

Ko del Bolzano contro Klagenfurt: i Foxes sconfitti per 4 a 1 in gara 3

Pubblicato

-

Foto: HCB/VannaAntonello

Serata storta per l’HCB Alto Adige Alperia. I Foxes, che erano chiamati a riaprire la serie, cadono alla Stadthalle di Klagenfurt per 4 a 1, messi K.O. da un KAC decisamente più in palla.

Di Luca Frigo l’unica marcatura biancorossa, che non è servita per girare la gara.

Sotto per 3 a 0 nella serie di quarti di finale, Bernard e compagni torneranno sul ghiaccio martedì sera, alle ore 19:15 al Palaonda, per un match da dentro o fuori.

Coach Beddoes deve fare i conti con una lunga lista di assenze: oltre agli infortunati di lungo corso Findlay, MacKenzie, Crescenzi e Irving, marca visita anche lo squalificato Nordlund. Si gira quindi con tre centri, quattro coppie di ali e con Insam e Carozza schierati come terzini.

Il Klagenfurt parte forte e mette subito i brividi a Bolzano: prima Kreuzer colpisce la parte alta della traversa, poi Wahl chiama Smith al grande salvataggio con il gambale. I Foxes crescono con il passare dei minuti, senza però riuscire a creare grossi pericoli dalle parti di Haugen.

Al 14:04 i padroni di casa passano in vantaggio: Neal anticipa Campbell sulla blu, si avvicina alla gabbia e scarica un siluro imprendibile per Smith. Bolzano che avrebbe l’occasione di reagire in powerplay, ma lo special team biancorosso non ingrana e l’unica chance è quella sulla stecca di Campbell, il cui tiro dalla distanza viene fermato da Haugen. 1 a 0 dopo 20 minuti.

I Foxes faticano nel periodo centrale. Smith inizialmente tiene in piedi il risultato, poi in powerplay il Klagenfurt raddoppia, grazie al tocco sotto porta di Kozek.

Passano due minuti e arriva anche il tris, ad opera di Comrie, completamente dimenticato dalla retroguardia biancorossa sull’assist di Koch. Bolzano che prova a scuotersi in powerplay, ma Haugen ha vita facile.

Il penalty killing bolzanino evita per due volte guai peggiori e poi, a sorpresa, al 38:15 ecco il goal che riapre la partita: forechecking di Frank, disco per Luca Frigo che di prima intenzione batte Haugen. 3 a 1 alla seconda sirena.

Il Bolzano ha il compito di lanciare la rimonta nel terzo drittel, ma non è serata. Koch colpisce la traversa, Kraus va vicino al poker, poi Smith si inventa una grande parata su Strong. E’ quindi il Klagenfurt ad amministrare la gara senza grossi problemi, rischiando poco o nulla anche contro il powerplay bolzanino.

Nel finale gli altoatesini si ritrovano in superiorità numerica e provano l’assalto con il sesto uomo di movimento, che dura pochi secondi: è Blunden a rendersi protagonista di un fallo davanti alla porta avversaria e il canadese viene spedito direttamente negli spogliatoi con una penalità partita.

E’ l’episodio che decreta la fine dei giochi, c’è tempo infatti soltanto per la rete a porta vuota di Hundertpfund, che fissa il tabellino sul definitivo 4 a 1.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport

Incredibile Paris: l’altoatesino vince SuperG Soldeu e Coppa del mondo

Pubblicato

-

Foto tuttosport.com

Dopo il successo di ieri (13 marzo) in discesa, Dominik Paris ha vinto anche l’ultimo superG della stagione a Soldeu.

Una vittoria fondamentale che ha permesso all’altoatesino di alzare al cielo la Coppa del Mondo di specialità, impresa che era riuscita solo a Peter Runggaldier nel 1995.

Secondo lo svizzero Mauro Cavaziel, terzo l’austriaco Vincent Kriechmayr. L’altro azzurro Christof Innerhofer si è piazzato invece al quinto posto.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport

Bolzano cede a Klagenfurt: match spettacolare deciso all’overtime

Pubblicato

-

Foto: HCB/VannaAntonello

La prima battaglia è dell’EC KAC.

Gli austriaci si aggiudicano una spettacolare gara 1, battendo l’HCB Alto Adige Alperia per 5 a 4 grazie al goal di Kozek dopo soli 41 secondi dell’overtime.

Prima un botta e risposta durato 60 minuti, con i Foxes tre volte in vantaggio e tre volte rimontati, ma anche capaci di pareggiare i conti dopo il provvisorio 4 a 3 dei padroni di casa. In grande spolvero capitan Anton Bernard, autore di una straordinaria doppietta che purtroppo non è bastata per portare a casa il primo incontro della serie.

Per il loro esordio sulla panca del Bolzano, coach Clayton Beddoes e l’assistant coach Alexander Egger rinunciano agli infortunati Findlay, Crescenzi, MacKenzie e Irving. Rientrano Geiger, Insam e Catenacci, tra i pali c’è Jake Smith.

Il Klagenfurt si rende subito pericoloso con un paio di tiri dalla distanza, ma la prima grossa occasione del match la creano i biancorossi, con Miceli che serve a rimorchio Nordlund, che spara però clamorosamente fuori.

Al 07:05 ecco il vantaggio del Bolzano: Miceli serve Bernard davanti alla porta, si scatena una mischia risolta proprio dal capitano, che supera Madlener.

Pochi minuti dopo il KAC risponde: conclusione di Petersen, rebound concesso da Smith e tocco vincente di Andrew Kozek. I Foxes non mollano e colpiscono l’esterno del palo con Carozza, poi Smith abbassa la saracinesca con il Klagenfurt in powerplay: fondamentali le sue parate su Kozek e Neal. 1 a 1 dopo 20 minuti.

I biancorossi possono giostrare in powerplay in avvio di periodo centrale e colpiscono ancora: Petan consegna il disco a Nordlund, che con un siluro batte Madlener e sigla il 2 a 1. Passano appena 58 secondi, però, e il KAC pareggia nuovamente, con un missile questa volta di Unterweger. I padroni di casa aumentano il ritmo, il Bolzano tiene e quando si ritrova nuovamente con l’uomo in più torna a condurre: ancora Nordlund protagonista, questa volta con un tiro deviato da Blunden.

Il Klagenfurt però non desiste e, sostenuto dal proprio pubblico, lancia l’assedio: Smith si oppone su Liivik, poi in powerplay Kozek colpisce prima una traversa e poi un palo, infine però al 36:26 Bischofberger riesce a infilarsi tra le maglie della retroguardia biancorossa e tutto solo davanti a Smith non sbaglia. 3 a 3 e grande spettacolo alla seconda sirena.

Klagenfurt subito in powerplay nei primi minuti nel terzo drittel e Thomas Koch, con un tiro al volo sull’assist di Petersen, porta per la prima volta in vantaggio i suoi. Il Bolzano non ci sta, sfiora il pareggio con Petan e poi lo ottiene, al 47:14, con una meraviglia di Anton Bernard, che da posizione defilata piazza il disco all’incrocio dei pali.

I ritmi sono altissimi, si lotta su ogni disco e le squadre non si risparmiano. Nel finale brividi per i Foxes: prima Smith mette una pezza su un disco vagante davanti alla porta, poi si appella alla dea bendata quando Petersen semina il panico nella retroguardia biancorossa e Kozek colpisce il palo a porta praticamente sguarnita.

Si va all’overtime e al Klagenfurt bastano appena 41 secondi: Kozek riceve il disco da Petersen, prende la mira e batte Smith sul palo lontano.

Il prossimo appuntamento è al Palaonda, venerdì 15 marzo alle 19:15, per gara 2.

La prevendita continua online e al Palaonda (giovedì dalle 15 alle 18 e venerdì dalle 11 alle 14, con le casse serali che apriranno alle 17).

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Archivi

Categorie

di tendenza