Connect with us

Italia ed estero

Trieste, sparatoria davanti alla questura: due agenti morti, un altro ferito

Pubblicato

-

Foto tgcom24.mediaset.it

Due agenti della Polizia di Stato sono stati uccisi nel corso di una sparatoria a Trieste avvenuta nel tardo pomeriggio, intorno alle 17, in pieno centro, tra la via del Teatro Romano e via di Tor Bandena.

I poliziotti avevano fermato due fratelli, presunti autori di una rapina, e li stavano accompagnando in Questura per accertamenti. Si tratta di Alejandro A. S. M., 29 anni, dominicano, regolarmente residente in Italia e di Carlysle S. M., 32enne.

Le versioni sono contrastanti, ma secondo una ricostruzione fornita dalla stessa Questura triestina “I due autori della sparatoria erano stati accompagnati da personale delle Volanti dopo un’attività di ricerca del responsabile della rapina di uno scooter, avvenuta nelle prime ore del mattino. Per motivi in fase di accertamento uno dei due ha distolto la loro attenzione e ha esploso a bruciapelo più colpi uccidendoli. Entrambi hanno tentato di fuggire ma sono stati fermati”.

Pubblicità
Pubblicità

Seminando il panico tra i passanti e gli esercenti dei negozi, uno dei due rapinatori (Alejandro A. S. M) avrebbe sparato numerosi altri colpi con l’arma, che poi si è accertato essere stata sottratta a uno dei due poliziotti dopo una breve colluttazione. Nella sparatoria, un terzo poliziotto è stato colpito di striscio ad una mano da un proiettile.

I nomi degli agenti uccisi sono Pierluigi Rotta, 31 anni, agente scelto e Matteo De Menego, 32 anni, agente. Il sindaco di Trieste, Roberto Di Piazza, ha dichiarato il lutto cittadino.

Sul posto si stanno portando il capo della polizia Franco Gabrielli e il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. La zona attorno alla Questura è stata isolata con un cordone di sicurezza.

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza