Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Ucraina, Dorfmann: “Un piano per la sicurezza alimentare” 

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Il grano costa quasi il doppio sul mercato mondiale rispetto a inizio anno. Le cose non vanno molto meglio per il mais. Ciò ha un impatto anche sui prezzi dei mangimi e mette a dura prova agricoltori e consumatori, soprattutto perché al momento energia e fertilizzanti sono particolarmente cari.

Martedì, l’europarlamentare altoatesino Herbert Dorfmann ha discusso online col ministro dell’agricoltura ucraino Roman Leshchenko. Dorfmann, che è coordinatore del PPE in commissione agricoltura, e gli altri parlamentari hanno così ricevuto informazioni di prima mano sulla situazione di questo settore in Ucraina.

Mercoledì poi, è stato presentato in Parlamento europeo un piano d’azione urgente per garantire la sicurezza alimentare all’interno e all’esterno dell’Ue. 

L’obiettivo di questo piano d’azione è semplice: dobbiamo sostenere gli agricoltori europei a produrre quanto più cibo possibile”, afferma Dorfmann. A tal fine, a breve entrerà in vigore un pacchetto di aiuti da 500 milioni di euro.

Tuttavia, per Dorfmann questo è solo un primo passo. Molto più denaro potrebbe essere necessario per fermare la spirale che colpisce i prezzi dei generi alimentari. Perché anche se la guerra finisse domani, “l’impatto sul raccolto di quest’anno si farà sentire, poiché la semina in Ucraina sarà gravemente compromessa“, spiega Dorfmann.

Le conseguenze sulla sicurezza alimentare globale non sono ancora del tutto quantificabili. Questo è particolarmente vero per quei paesi che hanno fin qui acquistato gran parte del loro grano dall’Ucraina, come nel caso soprattutto di realtà del Nord Africa (ad esempio Egitto o Algeria).

Va aggiunto che metà del grano distribuito nell’ambito del Programma alimentare mondiale proviene dall’Ucraina.Non dimentichiamo che dodici anni fa la ‘primavera araba’ fu innescata da un aumento del prezzo dei prodotti alimentari di base”, ricorda Dorfmann. 

L’Ucraina esporta principalmente grano e olio. Con quasi la metà dell’olio di girasole del mondo, essa è il più grande produttore mondiale. Per di più, il paese devastato dalla guerra è anche un importante fornitore di soia non geneticamente modificata.

L’Ue importa anche molta carne di pollo e uova dall’Ucraina. La Russia invece rappresenta un quinto della produzione di grano mondiale e anche un quinto di quella di olio di girasole. Le importazioni sono bloccate non solo dall’Ucraina ma anche dalla Russia.

I porti del Mar Nero, da dove veniva spedita la maggior parte di questo grano, sono attualmente fuori uso. Va fatto di tutto affinché gli agricoltori ucraini possano realizzare almeno parte della loro produzione quest’anno, per salvaguardare una fetta degli introiti. 

Durante il suo discorso nella plenaria del Parlamento europeo, Dorfmann ha invocato un piano d’azione per la sicurezza alimentare in Europa e nel mondo. Bisogna controllare, prodotto per prodotto, dove possono verificarsi i colli di bottiglia e quali sono i fornitori alternativi.

Stiamo identificando dove abbiamo riserve in quanto Ue e quali paesi hanno capacità aggiuntive”, spiega l’europarlamentare. Quest’anno, tutte le estensioni agricole in Europa vanno impiegate per la produzione di cibo. Per la prima volta dopo tanto, infatti, la questione della sicurezza alimentare torna a essere prioritaria, nonostante in certi dibattiti degli ultimi anni alcuni avessero perso di vista che “il compito dell’agricoltura è proprio quello di produrre cibo per le persone“.

Due anni di pandemie e l’attuale guerra ci ricordano che la sostenibilità ambientale e la produttività agricola devono andare mano nella mano. – ha ribadito Dorfmann – . La sostenibilità è necessaria, ma deve essere conciliata con l’obiettivo sacrosanto della sovranità alimentare”.

Tra le altre cose, il piano d’azione presentato in Parlamento chiede che sia rafforzata l’autonomia strategica dell’Europa nel settore degli alimenti e dei mangimi, così come in quello agricolo nel suo complesso.

Per me è chiaro: per tutta la durata di questa situazione molto particolare, va rinviata ogni proposta legislativa che potrebbe comportare una riduzione dei livelli di produttività alimentare.

Inoltre, va affrontato ancora più rapidamente il problema degli sprechi alimentari nell’Unione, per quanto riguarda tutte le fasi della catena di approvvigionamento. Ciò potrebbe anche ridurre la pressione sul settore agroalimentare europeo”, conclude Dorfmann. 

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Bolzano6 minuti fa

Avevano rubato auto e monopattino. Ricettazione e guida senza patente, 4 indagati

Bolzano1 ora fa

Picchia la compagna e si scaglia contro i poliziotti: espulso uno straniero 25enne

Bolzano3 ore fa

Incendio in appartamento a Bolzano: salvati due gatti

Trentino13 ore fa

Orsi: approvato il DDL, potranno essere abbattuti fino a otto esemplari l’anno

Alto Adige16 ore fa

Giovane sciatore 16enne perde la vita in una valanga a Plan in val Passiria

Trentino21 ore fa

Scontri alla protesta Stop Casteller: tensioni in Consiglio provinciale

Bolzano21 ore fa

Due arresti per rapina e aggressione: stranieri in possesso di droga saranno espulsi

Bolzano22 ore fa

Bolzano: sette espulsioni di stranieri e altre operazioni di contrasto alla criminalità

Politica24 ore fa

Arno Kompatscher pronto a guidare la Südtiroler Volkspartei in un momento critico

Alto Adige1 giorno fa

Nuova perizia del sonno richiesta per il pizzaiolo accusato di omicidio

Bolzano1 giorno fa

Furti seriali nei garage di via Alessandria, svaligiate le cantine delle palazzine Ipes

Val Pusteria1 giorno fa

Ambientalisti si oppongono al progetto della nuova rotatoria a Valdaora-Anterselva

Trentino1 giorno fa

Dibattito acceso a Trento sul destino degli orsi: la proposta di legge che fa discutere

Consigliati1 giorno fa

Cosa mettere nel beautycase di Primavera? Tutti i consigli per una pelle idratata e glow, pronta per l’arrivo della nuova stagione!

Sport2 giorni fa

Il Bolzano conquista la prima vittoria nei quarti di finale superando il VSV per 5 a 2

Archivi

Categorie

più letti