Connect with us

Laives

Un aiuto per la famiglia Pagliuso: l’appello del sindaco di Laives Christian Bianchi

Pubblicato

-

“Un piccolo aiuto può fare molto”.

Questo l’appello alla cittadinanza da parte del sindaco di Laives Christian Bianchi che questa mattina ha lanciato la campagna di solidarietà per la famiglia di Giuseppe Pugliuso, il trentunenne rimasto vittima di un incidente in moto, avvenuto sabato sera sulla strada tra San Giacomo e Laives.

Il giovane, originario di Lamezia Terme, è morto a due giorni di distanza dal ricovero in ospedale.

Pubblicità
Pubblicità

Padre di due bambini, stava rientrando a casa a Laives, dove abitava da un anno con la famiglia.

Così Christian Bianchi:”Questa mattina ho incontrato Stefania la giovane mamma, di due piccoli bimbi, Melissa, e Francesco che, nel tragico incidente della settimana scorsa, a San Giacomo, hanno perso il papà.

Ho trovato una ragazza impaurita per il fatto di dover affrontare il futuro da sola, ma anche determinata di voler fare tutto il possibile per i suoi figli.

Le istituzioni, attraverso il distretto socio sanitario, si sono subito messi al lavoro per trovare soluzioni per loro, e sono convinto saranno di grande aiuto.

C’è però la necessità di aiutare questa giovane famiglia oggi, per affrontare questo momento molto difficile, sia per la situazione emotiva, ma anche per quella economica. Stefania non lavora, e si è messa subito alla ricerca.

Nel frattempo, chi volesse dare una mano, anche piccola, attraverso una donazione, potrebbe essere di grande aiuto.

Laives è una comunità con grande cuore, sono sicuro che anche in questa occasione lo dimostrerà. Siamo tutti vicini a Stefania e ai suoi piccoli!”

L’Iban per fare un piccolo gesto di solidarietà è IT40W0604558480000005004699, presso la cassa di risparmio di Laives, sul conto intestato a Stefania Vescio.

Pubblicità
Pubblicità

Laives

Laives, trovato con la marijuana: denunciato dai carabinieri 20enne di Bronzolo con precedenti

Pubblicato

-

Nel corso della serata di ieri (18 giugno) i carabinieri di Laives hanno perquisito un ventenne di Bronzolo, noto alle forze dell’ordine, che aveva attirato l’attenzione per l’atteggiamento molto agitato avuto durante un normale controllo alla circolazione stradale.

Dalla perquisizione i militari dell’Arma hanno ritrovato alcune dosi di marijuana, che è stata sequestrata.

Per il giovane è scattata la denuncia alla Procura di Bolzano, nonché una segnalazione al Commissariato del Governo.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Laives

Laives, anche i nonni vigili vanno in vacanza

Pubblicato

-

Con la fine dell’anno scolastico, termina anche il lavoro dei nonni vigili. E, come tradizione, lo scorso giovedì a i 21 angeli custodi degli scolari di Laives, Pineta e San Giacomo si sono ritrovati per un brindisi in municipio.

Nell’occasione il sindaco Christian Bianchi ha voluto ringraziarli per il loro prezioso servizio e per l’impegno che ci mettono per svolgerlo.

Siete stati in strada con il sole, con la pioggia e con la neve per garantire la sicurezza dei bambini. Il vostro è un servizio importantissimo per il Comune e per tutta la cittadinanza, perché grazie a voi aa Laives, Pineta e San Giacomo i bambini possono andare a scuola in sicurezza.

Pubblicità
Pubblicità

Ma fate molto di più che aiutarli ad attraversare la strada, perché non fate mai mancare un saluto e un sorriso ai bambini. E questo è molto bello, perché date loro la possibilità di iniziare la giornata in modo positivo e sereno.

Vi ringrazio quindi per tutto quello che fate, anche se so che il grazie più bello che ricevete, è quando i bambini si sbracciano per salutarmi. Questo significa che siete importanti per loro”.

Il coordinatore del servizio nonni vigili, Christian Visocchi, ha sottolineato il senso di attaccamento e del dovere di tutto il gruppo, composto da 21 persone.

E ha ringraziato due nonni vigili di lungo corso che dall’anno prossimo non potranno più tornare in servizio per motivi di età: Umberto Porto (che è stato nonno vigile per 11 anni) e Sergio Armani, che invece ha prestato servizio per dieci anni.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Laives

Guida ubriaco nella notte a Laives: denunciato 56enne colombiano

Pubblicato

-

I Carabinieri di Ora, nel corso di un servizio di controllo notturno del territorio nel Comune di Laives, hanno fermato  colombiano di 56 anni ubriaco alla guida.

Una volta fatto scendere dal veicolo, i militari dell’Arma hanno appurato come l’uomo non fosse nemmeno in grado di stare in piedi.

Il test alcolemico ha poi confermato per il sudamericano un valore superiore di quasi tre volte quello consentito.

Pubblicità
Pubblicità

Il 56enne è stato quindi denunciato per guida in stato di ebbrezza, con il ritiro della patente di guida e la segnalazione al Commissariato del Governo di Bolzano.

Il veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza