Connect with us

Laives

Un aiuto per la famiglia Pagliuso: l’appello del sindaco di Laives Christian Bianchi

Pubblicato

-

“Un piccolo aiuto può fare molto”.

Questo l’appello alla cittadinanza da parte del sindaco di Laives Christian Bianchi che questa mattina ha lanciato la campagna di solidarietà per la famiglia di Giuseppe Pugliuso, il trentunenne rimasto vittima di un incidente in moto, avvenuto sabato sera sulla strada tra San Giacomo e Laives.

Il giovane, originario di Lamezia Terme, è morto a due giorni di distanza dal ricovero in ospedale.

Pubblicità
Pubblicità

Padre di due bambini, stava rientrando a casa a Laives, dove abitava da un anno con la famiglia.

Così Christian Bianchi:”Questa mattina ho incontrato Stefania la giovane mamma, di due piccoli bimbi, Melissa, e Francesco che, nel tragico incidente della settimana scorsa, a San Giacomo, hanno perso il papà.

Ho trovato una ragazza impaurita per il fatto di dover affrontare il futuro da sola, ma anche determinata di voler fare tutto il possibile per i suoi figli.

Le istituzioni, attraverso il distretto socio sanitario, si sono subito messi al lavoro per trovare soluzioni per loro, e sono convinto saranno di grande aiuto.

C’è però la necessità di aiutare questa giovane famiglia oggi, per affrontare questo momento molto difficile, sia per la situazione emotiva, ma anche per quella economica. Stefania non lavora, e si è messa subito alla ricerca.

Nel frattempo, chi volesse dare una mano, anche piccola, attraverso una donazione, potrebbe essere di grande aiuto.

Laives è una comunità con grande cuore, sono sicuro che anche in questa occasione lo dimostrerà. Siamo tutti vicini a Stefania e ai suoi piccoli!”

L’Iban per fare un piccolo gesto di solidarietà è IT40W0604558480000005004699, presso la cassa di risparmio di Laives, sul conto intestato a Stefania Vescio.

Pubblicità
Pubblicità

Laives

Sabato 27 aprile la quarta edizione del Laives Trail

Pubblicato

-

Questa mattina (20 aprile) in municipio a Laives è stata presentata la quarta edizione del Laives Trail, organizzata dall’Asd Laives Runners.

La gara, che si terrà sabato prossimo, 27 aprile, prevede tre diverse prove: due competitive e una amatoriale, ovviamente con difficoltà diverse.

La gara regina sarà la Laives Trail di 51 km con 2750 metri di dislivello positivo.

Pubblicità
Pubblicità

Come livello intermedio è prevista la Laives Sky Trail di 21 km, con 1500 metri di dislivello positivo. Infine, per chi vuole avvicinarsi a questa disciplina, gli organizzatori hanno pensato la Laives Trail Experience di 11 km con 750 metri di dislivello.

La Laives Trail – ha detto il sindaco Christian Bianchiè una manifestazione molto apprezzata che sta diventando sempre più qualificante per il nostro territorio e che porta in città molte persone da tutta Italia e tutta Europa“.

L’assessore allo sport Luca Dallago ha sottolineato l’aspetto ambientalista della manifestazione.  “Si tratta di un evento verde: sia nell’organizzazione che in tutto lo svolgimento vengono utilizzati materiali riciclabili. Gli organizzatori stanno anche molto attenti a quello che succede nel bosco“.

Noi vogliamo fare sport nella natura, salvaguardandola“, gli ha fatto eco il presidente dell’Asd Laives Runners Fabio Brugnara, il quale ha aggiunto che l’evento proseguirà con la festa sotto il tendone del Pfarrheim, che speriamo diventi un punto di incontro per tutta la gente di Laives.

Per quanto riguarda i tracciati, quasi sicuramente verranno proposti nei percorsi integrali.

Abbiamo solo qualche piccolo problema nella zona di Capanna nuova e in alcuni canaloni, dove ci sono dei tratti ghiacciati. Nei prossimi giorni faremo un sopralluogo per vedere se sono percorribili o se bisogna intervenire per metterli in sicurezza. Il nostro obiettivo però è di proporre il tracciato integrale, anche perché in passato è stato molto apprezzato visto che presenta sia tratti tecnici che altri più corribili e paesaggistici“.

Al momento sono quasi trecento gli iscritti alla gara, ma sicuramente molti altri si iscriveranno all’ultimo. L’obiettivo è di superare i 350 dello scorso anno e sfondare il muro dei 400.

Un servizio di Shuttle sarà disponibile tutto il giorno verso la zona sportiva Galizia per fare la doccia.

Questo il programma della manifestazione:

Venerdí, 26 aprile
ore 17.00-19.15: Ritiro pettorali e pacchi gara presso il tendone Pfarrheim
ore 19.15-19.30: Saluto del comitato organizzatore e briefing
ore 18.00-20.00: Aperipettorale

Sabato, 27 aprile
ore 6.00-7.30: Ritiro pettorali e pacchi gara presso il tendone Pfarrheim
dalle ore 7.00: Colazione con caffé e torte fatte in casa al tendone Pfarrheim
ore 7.30-8.00: Controllo materiale obbligatorio
ore 8.00: PARTENZA Laives Trail e Sky Trail
ore 9.30: PARTENZA Laives Trail Experience
ore 10.00:Arrivo dei primi concorrenti a Laives della gara da 21km
ore 13.00: Arrivo dei primi concorrenti a Laives della gara da 51km
ore 12.00-21.00: Pasta Party presso il tendone del Pfarrheim
ore 15:30-16:30: Anonima Band
ore 16.30: Premiazioni

Dopo le premiazioni:

Lotteria con dei premi fantastici, estrazione di due vincitori tra gli altleti presenti.

Ore 17.00-23.00: Festa presso il tendone del Pfarrheim con possibilità di cenare con DJ Klama e Anonima Band.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Laives

Circonvallazione di Laives, spaventoso incidente ieri sera in galleria. Tunnel chiuso due ore

Pubblicato

-

Incidente stradale ieri sera intorno alle 21.30 nella galleria della circonvallazione di Laives.

Sul posto i sanitari della Croce Rossa che per primi hanno soccorso i malcapitati, miracolosamente usciti dalle macchine sulle loro gambe, e successivamente i Vigili del Fuoco di Bronzolo e Laives.

La galleria è rimasta chiusa fino al termine dei lavori di sgombero della carreggiata, ovvero fino a circa le 23.30.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Laives

Giovane cuoco di Laives trovato morto a Roma

Pubblicato

-

Il corpo senza vita di Emanuele Amorosi è stato trovato ieri mattina (4 aprile) sulle scale del condominio dove viveva a Roma. Emanuele, 30 anni, era originario di Laives.

Ancora sconosciute le cause del decesso, per questo motivo sul suo corpo è stata disposta l‘autopsia.

Dopo aver lavorato in molti ristoranti dell’Alto Adige il giovane si era trasferito nella capitale da qualche mese per trovare un’occupazione.

Pubblicità
Pubblicità

Tanti i messaggi di affetto e cordoglio dalla sua città ma anche da Bolzano dove Amorosi era molto conosciuto.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza