Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

420 mila euro dalla Provincia al film della famiglia Calenda, Galateo: se fosse successo a noi avrebbero gridato allo scandalo

Pubblicato

-

Al fine di promuovere l’Alto Adige come localizzazione di produzioni cinematografiche, per sostenere lo sviluppo del settore cinematografico locale, per incrementare la crescita generalizzata dell’economia locale e per promuovere l’immagine dell’Alto Adige, la Provincia concede dei contributi per le produzioni cinematografiche e audiovisive. Dal 2018 al 2022 la spesa per il sostegno a produzioni cinematografiche è stata di 19.265.900 euro.

Lo ha comunicato l’assessore Philipp Achammer in risposta ad una dettagliata interrogazione del consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Marco Galateo che aveva chiesto spiegazioni sul sostanzioso finanziamento(420 mila euro) concesso al film “Le assaggiatrici” di Silvio Soldini che vede nel ruolo di sceneggiatrici Cristina Comencini e Giulia Calenda, rispettivamente madre e sorella del senatore Carlo Calenda, segretario del partito politico Azione ed ex ministro dello Sviluppo economico.

L’esponente del partito di Giorgia Meloni chiedeva in sostanza se la Giunta  ritenesse opportuno che la Provincia finanziasse in maniera peraltro consistente un film della famiglia Calenda, soprattutto in considerazione che nel consiglio di amministrazione di Idm, l’Ente strumentale della Provincia che ha concesso la sovvenzione, sieda, su nomina del Governo provinciale, la massima rappresentante politica del partito di Calenda in provincia di Bolzano.

Un possibile cortocircuito di interessi, insomma. Per Achammer, è opportuno chiarirlo subito, “il finanziamento è in regola e conforme con quanto prescritto dai criteri di applicazione”.

Il lungometraggioLe assaggiatrici”  – si legge ancora nella risposta firmata dall’assessore Achammer – ha ottenuto un finanziamento alla produzione di euro 420.000, prevedendo un effetto Alto Adige di euro 877.774,40 pari al 208,99%, superando quindi di molto la soglia minima di investimento fissata, secondo i criteri di applicazione, al 150%”.

I criteri per la concessione di contributi prevedono un colloquio di consulenza con i referenti di Idm e una valutazione da parte di un gruppo di nove esperti. Possono accedere al sostegno lungometraggi cinematografici, film per la TV e serie o film in più episodi che durante l’elaborazione del progetto producano degli effetti positivi sull’economia culturale e sull’offerta formativa dell’Alto Adige, contribuiscano al rafforzamento del polo culturale e mediatico Alto Adige e/o alla visibilità della “Destinazione Alto Adige”, siano adatti ad una distribuzione/un impiego sovraregionale e/o internazionale (media e/o festival), contribuiscano alla cultura cinematografica europea, mirino a promuovere le pari opportunità nell’industria cinematografica, impegnandosi a garantire un equilibrato rapporto nella presenza di uomini e donne tra i professionisti coinvolti, in particolare nelle posizioni dirigenziali in ambiti quali produzione, sceneggiatura, regia, recitazione, fotografia, montaggio, scenografia e colonna sonora o si impegnino a rispettare i parametri delGreen Shooting”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

I parametri di selezione non stabiliscono nessuna obbligatorietà di ambientare necessariamente in Alto Adige le trame dei progetti finanziati. Il fondo per il sostegno alle produzioni cinematografiche e televisive provinciale è infatti un fondo selettivo di tipo economico, la cui dotazione deriva dalla Ripartizione Economia, Ufficio Artigianato e Aree produttive della Provincia ed ha lo scopo di rafforzare l’economia locale, con particolare attenzione all’industria cinematografica altoatesina e ai suoi professionisti, e non quello di promuovere il territorio a livello turistico, effetto questo solo secondario.

Tuttavia, i progetti con un esplicito riferimento al territorio altoatesino vengono insigniti con il marchio ombrello Alto Adige al fine di rafforzare l’aspetto di promozione territoriale, creando ove possibile una sinergia fra l’industria cinematografica e quella turistica.

È importante  investire sul territorio anche attraverso il marketing cinematografico; tuttavia, con 19 milioni di euro avremmo potuto finanziare un festival del cinema internazionale con gli attori più blasonati del red carpet mondiale.

Invece in qualche caso il livello delle pellicole era addirittura controproducente per l’immagine dell’Alto Adige e degli altoatesini. Non si può non notare poi che sia stata finanziata una produzione della famiglia di Calenda, quando nel Cda di IDM ci sia proprio la sua rappresentante politica locale su nomina politica del Governo provinciale.

Se fosse successo a Fratelli d’Italia  avrebbero gridato allo scandalo. Visti i tempi, ritengo che sarebbe auspicabile evitare   scelte inopportune dal punto di vista etico, pur se a norma di legge, perché è anche per questi particolari  se i cittadini si allontanano dalla politica” – la chiosa del consigliere Galateo.

NEWSLETTER

Alto Adige4 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Politica1 settimana fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Alto Adige4 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Alto Adige3 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige4 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Merano3 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Bolzano2 giorni fa

Su ordine della Questura, chiusura straordinaria del parcheggio Tribunale

Sport4 settimane fa

Jannik Sinner: la straordinaria carriera del campione bolzanino

Bolzano3 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Laives4 settimane fa

Laives, auto ibrida prende fuoco mentre è in carica: i vigili del fuoco evitano il peggio

Alto Adige1 settimana fa

Valanga sul Monte Elmo: perde la vita Hans Happacher

Politica4 settimane fa

Scuola internazionale, lo annuncia Achhammer

Politica2 settimane fa

Parcheggio Cimitero sud a Oltrisarco, approvata la proposta di privatizzazione dell’area sosta camper

Economia e Finanza4 settimane fa

Gas, bollette in aumento: +23,3% a dicembre, 1800 euro in più a famiglia nel 2022

Alto Adige4 settimane fa

Sicurezza cibernetica “Trentino Alto Adige”. Attività svolta e risultati conseguiti nel corso dell’anno 2022

Archivi

Categorie

di tendenza