Connect with us

Trentino

Ad Alessandra Fusato, Università di Trento, è stato assegnato il premio Maurizio Forti per l’agricoltura biologica

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

È Alessandra Fusato, laureata presso il Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Trento nel corso di Laurea Magistrale in Management della sostenibilità e del turismo, la vincitrice del Premio Maurizio Forti.

Giunto alla seconda edizione, il Premio ha l’obiettivo di valorizzare le tesi di laurea magistrale e/o magistrale a ciclo unico che si occupino di tematiche legate all’agricoltura biologica, allo sviluppo dei Distretti biologici e alle ricadute che possono generare sui territori e le loro comunità (economiche, sociali, agronomiche, urbanistiche, climatiche, ecc.), anche attraverso lo studio delle migliori pratiche adottate a livello nazionale e internazionale.

Maurizio Forti è stato un pioniere del metodo biologico in Provincia di Trento e questo Premio, istituito e sostenuto dall’Associazione Biodistretto di Trento, da CIA-Agricoltori Italiani Trentino, da amici e parenti di Maurizio in collaborazione con l’Università di Trento, intende onorarne la memoria rilanciando i valori della sostenibilità nell’interesse dell’ambiente e delle future generazioni.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

L’elaborato di Alessandra Fusato, di cui è stato relatore il professor Simone Cerroni, mira ad accertare la propensione dei consumatori nella scelta dei vini biologici attraverso la comparazione fra le modalità di acquisto di tre vini provenienti dalla Valpolicella (Amarone della Valpolicella DOCG, Recioto della Valpolicella DOCG e Valpolicella Ripasso DOC) sia nella loro connotazione tradizionale, sia nel caso in cui vi sia esposto un label visivo che indica la provenienza dei tre vini dalla rete di Terre Biologiche Veronesi.

In altri termini, è stato verificato se gli acquirenti di vino dimostrano una propensione all’acquisto per tre vini della Valpolicella (Ripasso DOC, Amarone DOCG e Recioto DOCG) sia nel caso in cui questi siano presentati nella versione tradizionale, sia nel caso in cui vantino esposto il label del distretto biologico Terre Biologiche Veronesi. È importante evidenziare la particolarità di questo label che non è assimilabile a un semplice “marchio bio”, poiché si fa veicolo di una gamma di valori decisamente ben più ampia.

La consegna dell’attestato e dei 1500 euro del Premio è avvenuta nei giorni scorsi nell’ambito di una cerimonia di premiazione alla Società Frutticoltori Trento impegnata da tempo, come ha ricordato il Vicepresidente Claudio Moratelli, proprio nel settore biologico.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Il Presidente dell’Associazione Biodistretto di Trento, Giuliano Micheletti, ha ricordato il valore del biologico per le future generazioni e per la transizione ecologica, mentre Paolo Calovi, Presidente di CIA Agricoltori Italiani Trentino ha richiamato il senso d’appartenenza dei produttori di montagna nei confronti della comunità e della “madre terra”. «Il miglior modo di onorare la memoria di Maurizio Forti – ha affermato Calovi – è quello di ricordare il senso di libertà che deriva dalla passione per la terra che contraddistingue gli agricoltori, qualità che si trasforma in un vero e proprio modello di vita.»

Il professor Riccardo Rigon del Centro Agricoltura, Alimenti e Ambiente (C3A) dell’Università di Trento, ha ricordato come la forza del Premio Forti consista nell’attenzione che viene riservata ai giovani ed i particolare alle tematiche della qualità dell’ambiente, del rispetto dei suoli e del buon cibo all’interno di una visione del futuro orientata alla sostenibilità. Centrale da questo punto di vista, ha ribadito Rigon, il ruolo dei Biodistretti.

Eleonora Forti, figlia di Maurizio, ha ricordato infine come il Premio sia aperto a tutte le discipline scientifiche in una logica di apertura dal locale al globale al fine di comprendere l’interconnessione che lega il destino dell’uomo a quello del pianeta che lo ospita.

NEWSLETTER

Alto Adige3 settimane fa

È nato l’Osservatorio Economico UIL-SGK per l’Alto Adige: una nuova risorsa per il monitoraggio del mercato del lavoro

Alto Adige3 settimane fa

Due “pendolari” dello spaccio arrestati al Brennero e riportati subito in Austria

Arte e Cultura3 settimane fa

Tirolo: un paese diventato località turistica. Se ne parla in un libro

Alto Adige2 settimane fa

Proseguono i lavori per riaprire il passo Rombo e il passo dello Stelvio da oltre 5 metri di neve

Sport3 settimane fa

Il nuovo casino online ‘Instant Casino’ è l’Official Regional Partner della Juventus

Bolzano3 settimane fa

Ruba in un centro giovanile e aggredisce l’educatore. Arrestata giovane trentina

Politica4 settimane fa

L’aula del Consiglio regionale approva una mozione per il riconoscimento Istituzionale della “Bandiera Ladina”

Trentino3 settimane fa

Lavarone: dopo l’incendio si aspetta il nuovo Drago Vaia

Hi Tech e Ricerca4 settimane fa

Documenti elettronici: facciamo il punto sulla conservazione sostitutiva obbligatoria

Bolzano3 settimane fa

I giovani imprenditori hanno bisogno di spazi, CNA e Comune uniscono le idee

Offerte lavoro3 settimane fa

Giustizia: concorso per diciannove posti a tempo indeterminato

Val Pusteria3 settimane fa

A San Candido un insolito curioso “caso” a lieto fine, grazie alla Polizia

Bolzano Provincia3 settimane fa

Intensificazione dei controlli di velocità sulla MeBo: c’è chi viaggia a 192 km/h

Italia ed estero4 settimane fa

Chico Forti è rientrato in Italia dopo 24 anni

meteo3 settimane fa

Maltempo, la protezione civile emette l’allerta ordinaria (gialla)

Archivi

Categorie

più letti