Connect with us

BIDONZOLO

Alfabeto Ecologico: I di Immondizia

Pubblicato

-

Oggi il nostro alfabeto ecologico arriva fino alla lettera “I” proprio di “immondizia“.

Parliamo sempre dell’immondizia come un problema relativamente moderno, ma la verità è che esiste da sempre, da quando l’uomo ha iniziato a nutrirsi e a cacciare.

Solo che negli anni, purtroppo, è cresciuta con noi. Ai tempi della preistoria la spazzatura era poca, costituita solo dalle ossa degli animali che l’uomo cacciava, dalle armi che servivano per cacciare e dagli utensili necessari per mangiare.

Non avevamo ancora tempi e modi per produrre immondizia.
Dalle campagne e le zone più periferiche in cui i cacciatori hanno continuato a vivere per millenni, ci si è spostati sempre di più verso i centri abitati: ma ancora non c’erano i bagni e le toilette!

Di diverso però c’era che le persone concentravano la loro esistenza negli stessi posti, conducendo una vita molto più sedentaria, iniziando a concentrare rifiuti e avanzi.

Le condizioni igieniche presto iniziarono a peggiorare perché l’immondizia cresceva e nessuno se ne preoccupava: i cacciatori che vivevano in giro sopravvivevano di più, ma gli agricoltori e i primi mercanti dovevano sperare di non ammalarsi.

L’igiene non era delle migliori! I venditori ambulanti, i bottegai, gli animali che trainavano i carri, contribuivano a produrre immondizia, che veniva spesso lasciata per strada.

Anche i macellai buttavano gli avanzi in giro, dove capitava.
Pensate che odore!

Nell’Antica Roma, finalmente, s’iniziarono a studiare le prime soluzioni per arginare la situazione e vennero create le prime fognature, le cloache appunto, e i primi bagni pubblici.

Fuori dalle città vennero costruite le prime discariche, luoghi adibiti alla raccolta di tutta la sporcizia e gli avanzi.
Qui si buttava di tutto: dalle macerie agli avanzi.

Il Monte dei Cocci e Montecitorio sono due colline create con l’accumulo di anfore rotte, pensate un po’!

Nel Medioevo s’introduceva la tecnica della concimazione: avanzi di cibo ed escrementi si usavano per gli orti.
Ma ancora non comparivano servizi igienici o bagni nelle abitazioni.
I resti dei cibi, per fortuna, erano pochi perché in cucina si utilizzava pressoché tutto, senza buttare via niente.
E i migliori spazzini erano ancora i maiali che razzolavano liberamente per le strade, mangiando quello che trovavano: la pulizia nelle città ci ha messo qualche secolo prima di iniziare a funzionare!

Solo nel Rinascimento fu deciso che i proprietari di casa dovevano pulire il proprio tratto di strada o la bottega o la parte di mercato in cui lavoravano. Gli animali però erano ancora liberi di sporcare dove volevano. Anche per questo ogni via restava coperta da melma, eliminata quando non se ne poteva più fare a meno: ad esempio al passaggio di una persona importante o vicino alle fontane pubbliche.

Chi si occupava di raccogliere quella “melma” dalle strade, la rivendeva come concime ai contadini o la abbandonava fuori dalle mura della città. Si è andati avanti così per un bel po’…

La Rivoluzione industriale ha portato grani cambiamenti nella gestione dell’immondizia: le invenzioni tecnologiche e il problema dei rifiuti divennero una grande sfida da vincere.

Aumentando le industrie, cresceva il benessere e aumentavano anche le persone e di conseguenza anche i loro bisogni e i loro scarti.

È con l’arrivo della plastica e delle prime fibre sintetiche, ma anche delle stufe a carbone e a legna… fino alle automobili che l’immondizia è aumentata senza mai trovare fine.
Gran parte dei prodotti sono diventati usa e getta, aumentando la produzione di imballaggi difficili da raccogliere.

Abbiamo iniziato così a portarci a casa sempre più materiali che, una volta usati, impiegano millenni per essere smaltiti. Insomma, dividiamo il mondo con l’immondizia da ormai due milioni di anni.

La conosciamo bene.
Così tanto da inventarla e farle inquinare il mondo.

Ancora non abbastanza però da riuscire a fermarla.

Alla prossima, Bidonzolo.

NEWSLETTER

Archivi

  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale
    Attesa nella prossime settimana, la riforma fiscale in arrivo comprenderà diverse operazioni, come lo stop selettivo a nuove cartelle, la rottamazione quater e le notifiche dilazionate. Notifiche cartelle esattoriali All’interno del decreto sarà probabilmente inserita... The post Dal condono delle cartelle, alla rottamazione quater: alcune novità in arrivo nella prossima riforma fiscale appeared first on […]
  • Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina
    Il recente decreto attuativo conosciuto con il nome di bonus antiplastica è stato istituito allo scopo di ridurre la produzione di rifiuti e contenere gli effetti del cambiamento climatico. Bonus antiplastica, cos’è Il bonus nato... The post Bonus antiplastica, fino a 5 mila euro per gli esercenti che vendono prodotti sfusi o alla spina appeared […]
  • Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona
    Da qualche giorno sono ripartiti gli ecobonus promossi dal Ministero dello Sviluppo Economico, per l’acquisto di auto a ridotte emissioni. L’ecobonus, sotto forma di contributi viene reinserito non per sostenere il mercato delle auto, ma... The post Ritornano gli ecobonus, al via gli incentivi per l’acquisto di auto usate: come funziona appeared first on Benessere […]
  • Default Evergrande, cos’è e cosa si rischia a livello internazionale
    La preoccupazione per il possibile default del colosso cinese Evergrande è sempre più tangibile, visto che l’azienda non è riuscita a pagare in tempo le cedole dei suoi investitori. Perchè Evergrande è importante La crisi... The post Default Evergrande, cos’è e cosa si rischia a livello internazionale appeared first on Benessere Economico.
  • Bando Brevetti +: l’agevolazione fino a 140 mila euro per il sostegno e la valorizzazione dei brevetti
    A partire dal 28 settembre sarà possibile accedere al fondo pari a 23 milioni di euro per il nuovo bando a sostegno della valorizzazione economica dei brevetti. Brevetti + La dotazione messa a disposizione dal... The post Bando Brevetti +: l’agevolazione fino a 140 mila euro per il sostegno e la valorizzazione dei brevetti appeared […]
  • Gobeyond 2021, un contest per le startup innovative con premi fino a 40 mila euro e non solo: tutti i dettagli
    Incoraggiare lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali italiane è diventato importato tanto da spingere il Gruppo Sisal e CVC Capital Partners a creare l’iniziativa GoBeyond 2021 dedicata alle startup. GoBeyond2021 e gli obiettivi L’obiettivo del... The post Gobeyond 2021, un contest per le startup innovative con premi fino a 40 mila euro e non solo: […]

Categorie

di tendenza