Connect with us

Alto Adige

Bambini e ragazzi in DAD: consigli pratici per sfide e difficoltà di alunni e docenti

Pubblicato

-

Da diversi mesi la didattica a distanza continua a porre numerose sfide e difficoltà per alunni e docenti, a marzo dello scorso anno ci si è approcciati per la prima volta a questo nuovo modo di fare scuola, ora invece si è più rodati e molti insegnanti, alcuni con maggiore slancio creativo di altri, sono ormai abili a condurre lezioni a distanza.

Nonostante l’abitudine, sia per i docenti che per gli studenti, continua a risultare molto faticoso condurre e seguire le lezioni dietro ad uno schermo.

Il dr Michele Piccolin, psicologo forense e consigliere Ordine psicologi Bolzano intervista la dr.ssa Monica Riccoldo, perfezionata in Psicologia dello sviluppo e dell’intervento nella scuola con esperienza principalmente di sostegno psicologico a bambini, adolescenti e genitori, consulenze e training per ADHD, autismo, disturbi specifici dell’apprendimento e disabilità cognitive.

Pubblicità
Pubblicità

Gentile dr.ssa Riccoldo, a livello pratico, quali possono essere alcuni accorgimenti con cui i genitori possono potenziare l’efficacia della DAD e rendere questa esperienza più serena e proficua per i loro figli?

Dr.ssa Riccoldo “La prima cosa fondamentale da fare è spiegare ai bambini il motivo per cui non possono frequentare la scuola in presenza, aiutarli a trovare un senso a questa situazione e rimarcare che si tratta di una soluzione temporanea. Essere emotivamente vicini ai propri figli e alle difficoltà vissute, ascoltarli con reale comprensione, sospendendo il giudizio. Cercare al tempo stesso di essere anche dei motivatori, rinforzando gli sforzi e l’impegno profuso.

Anche se non si può uscire per andare a scuola è buona prassi cercare di mantenere una routine fissa: alzarsi sempre alla stessa ora, fare colazione, lavarsi e vestirsi.

Pubblicità
Pubblicità

Prima di iniziare la lezione può essere utile fare qualche attività che stimola la concentrazione e il rilassamento, alcuni esempi potrebbero essere: ascoltare musica rilassante, colorare un mandala, fare esercizi di respirazione/mindfulness.

Per favorire la concentrazione è preferibile individuare un luogo fisso e privo di distrazioni (seduti alla scrivania, al tavolo del salotto), usare possibilmente il computer che da minor possibilità di movimento rispetto al tablet. Sarebbe meglio eliminare gli stimoli che possono distrarre i bambini/ragazzi, come ad esempio i giocattoli, la tv, la radio, i cellulari.

Alcuni studenti potrebbero aver bisogno dell’aiuto dei genitori per gli aspetti tecnici, come l’installazione della webcam e silenziare il microfono, può essere utile dedicare un po’ di tempo per insegnare soprattutto ai più piccoli ad essere più autonomi e sciolti con l’utilizzo del mezzo.

Un altro importante aiuto che possono fornire i genitori è quello di mantenere in ordine la postazione di studio e il materiale scolastico, in modo che sia tutto ben organizzato e a disposizione quando è necessario. Nelle pause è bene stimolare i bambini a staccarsi dal computer, uscire a prendere un po’ d’aria e fare del movimento”.

Pubblicità
Pubblicità

Piccolin: E i docenti come possono essere d’aiuto?

Farsi sentire vicini anche se divisi da uno schermo: essere vicini emotivamente ai propri alunni e trovare il modo di farli sentire tutti importanti, prendendosi il tempo per sapere con reale interesse come stanno e cosa provano. Mentre si fa lezione è importante guardare la webcam per far sentire i propri bambini-ragazzi visti, guardarli negli occhi e cercare di mettere al centro dello schermo, a turno, ciascuno di loro.

Gli insegnanti hanno un ruolo cruciale soprattutto nei confronti degli adolescenti, che per loro natura si trovano in una fase in cui si distaccano dai loro genitori per trovare la propria identità. Per questo motivo, la buona riuscita della DAD, per gli studenti delle medie e delle superiori, dipende in gran parte dagli insegnanti e dal loro modo di saper coinvolgere i ragazzi e mantenere un buon livello di attenzione.

Bisogna abbandonare l’idea di lezione frontale tradizionale, noiosa e poco stimolante. Seguire le lezioni dietro ad uno schermo è già di per se più difficile, quindi, mai come in questo momento i docenti devono cercare di mantenere vivo l’interesse attraverso altre modalità di fare lezione: stimolare il confronto e le discussioni, favorire i lavori in piccoli gruppi, le ricerche, proporre dei sondaggi, ricorrere all’uso di video, proporre laboratori casalinghi e stimolare costantemente la partecipazione attiva alla lezione attraverso delle domande. Insomma, i docenti devono tirare fuori tutta la loro creatività ed inventare nuovi modi di fare lezione”.

Piccolin: E per quanto riguarda gli alunni con bisogni educativi speciali (BES) e disturbi specifici dell’apprendimento (DSA)?

Se la didattica a distanza risulta per tutti gli alunni una grande sfida, lo è a maggior ragione per gli alunni con bisogni educativi speciali o con disturbi specifici dell’apprendimento. Per loro valgono tutti i consigli e le strategie già elencate, con qualche accortezza in più. Risulta fondamentale una buona collaborazione scuola-famiglia per dare continuità agli obiettivi prefissati, promuovere l’utilizzo degli strumenti compensativi e delle misure dispensative previste dal PDP (Piano Didattico Personalizzato).

Proporre diversi momenti di scambio e interazione docente – alunno con BES/DSA e piccoli gruppi di alunni, perseguire sempre l’obiettivo dell’integrazione di questi alunni con il resto della classe”.

NEWSLETTER

Arte e Cultura45 minuti fa

Speciale Autonomia Trentino Alto Adige: oggi la prima puntata su Voce24news

Bolzano14 ore fa

Bolzano: bomba carta contro la sede della Lega. Vettorato: “Azioni inaccettabili, la democrazia si basa sul dialogo”

Politica14 ore fa

Positivi ma in servizio all’ospedale? Urzì: “L’assessore Widmann non smentisce né conferma. Necessari i tamponi”

Fisco e condominio15 ore fa

Caro energia, CNA SHV: “Aumenti alle stelle. Serve un intervento urgente”

Sport15 ore fa

Francesco Galuppini è un giocatore dell’FCS

Sport15 ore fa

Foxes: venerdì il derby contro il Val Pusteria, sabato i Black Wings

La parola all avvocato15 ore fa

Separati in casa, solo lui paga il mutuo. Può chiedere alla moglie la restituzione?

Politica17 ore fa

Matinee dell’Autonomia: ” Autonomia punto di partenza continuo”

Politica17 ore fa

Presidenza EUSALP 2022: il 26 gennaio evento di lancio a Bolzano

Alto Adige18 ore fa

Trasformazione digitale: PNRR al via in Alto Adige

Val Pusteria18 ore fa

Ufficio caccia e pesca: trovato lupo morto nei pressi di Rio Pusteria

Italia ed estero18 ore fa

Telemarketing indesiderato e senza consensi: sanzionate Eni ed Enel per 38 milioni  

Alto Adige19 ore fa

Falsi tamponi, Federfarma segnala: “Indichiamo da mesi postazioni anomale”

Alto Adige20 ore fa

Dati Covid 20 gennaio: 321 positivi da PCR e 2.669 da test antigenici. Un decesso

Alto Adige21 ore fa

Lettera di minacce e proiettile anche al Presidente Kompatscher. Lui risponde: “Non ci faremo intimidire”

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere

La Tempesta Vaia che ha colpito il nord Italia e l’arco alpino alla fine del 2018 ha lasciato senza ombra di dubbio enormi cicatrici su tutto…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza