Connect with us

Politica

Conte, arriva il Decreto Rilancio: una maxi manovra da 55 miliardi

Pubblicato

-

E’ di ben 55 miliardi la misura del provvedimento che contiene quasi 260 articoli per il sostegno a lavoratori, imprese, sanità, scuola, sport e cultura.

E’ la velocizzazione del pagamento degli ammortizzatori la promessa chiave di Conte.

Famiglie

Pubblicità
Pubblicità

Arriva il reddito di emergenza per le famiglie in difficoltà, i bonus baby sitter, aiuti a colf e badanti e la proroga dei congedi parentali.

500 euro di bonus da usufruire per le vacanze, riservato ai nuclei famigliari con Isee sotto i 40mila euro. Innalzamento di Ecobonus e Sismabonus al 110 per cento per i proprietari di immobili.

Azzeramento fino al 31 dicembre dell’Iva sulle mascherine e altri dispositivi di protezione individuale per poi passare a un’aliquota agevolata al 5%.

Lavoratori

Ci sono 25,6 miliardi a disposizione dei lavoratori“, ha dichiarato il presidente del Consiglio Conte durante la conferenza stampa.

La cassa integrazione ordinaria potrà essere chiesta per altre 5 settimane, dopo le 9 concesse dal cura Italia, fino al 31 agosto 2020 e altre quattro settimane per i periodi dall’1 settembre 2020 al 31 ottobre 2020. Da ora verrà concessa direttamente dall’Inps saltando il passaggio di gestione da parte delle Regioni.

Per le aziende che non hanno diritto alla cigo rimane la cassa in deroga che però – con l’eccezione delle provincie autonome di Trento e Bolzano – ora è concessa anch’essa dall’Inps a domanda del datore di lavoro.

Il bonus per le partite Iva è confermato a 600 euro per il mese di aprile, mentre salirà a mille da maggio ma con limiti di reddito. Sospesi tutti i pignoramenti su stipendi e pensioni.

Scuola

In arrivo nuove assunzioni, fino a 16mila in più tramite l’indizione dei concorsi (8mila con la procedura ordinaria per titoli ed esami e altri 8mila con la procedura straordinaria approvata nel 2019).

Il decreto prevede inoltre lo stanziamento speciale di 1,4 miliardi per università e ricerca e l’assunzione di 4000 nuovi ricercatori.

Imprese

Stop alla rata Irap di giugno per tutti fino a 250 milioni di fatturato, una norma che dovrebbe produrre uno sconto intorno ai 4 miliardi per 2 milioni di imprese.

Contributi a fondo perduto di un minimo di 1000 euro per piccole aziende, artigiani, commercianti e autonomi sotto i 5 milioni di ricavi che a causa dell’emergenza abbiano subito un calo dell’attività.

Per aziende con ricavi fino a 400mila euro il 20%, tra 400mila euro e 1 milione il 15%, tra 1 e 5 milioni il 10%. Per le imprese più piccole ci saranno anche sconti sulle bollette.

Un sostegno al turismo arriverà dall’abolizione della prima rata dell’Imu per alberghi, hotel, Bed&Breakfast, ostelli, b&b, campeggi, stabilimenti balneari e terme. Sospensione e rinvio al 2021 plastic e sugar tax. Per le strutture ricettive con una diminuzione del fatturato di almeno il 50% è previsto inoltre un credito d’imposta fino al 60% dell’affitto.

Via la Cosap, la tassa di occupazione del suolo pubblico per bar e ristoranti.

Sanità

3 miliardi e 250 milioni la misura dell’intervento governativo nell’ambito della Sanità. Si sta pianificando l’assunzione di 9.600 infermieri e un potenziamento dei posti in terapia intensiva pari al 115%. Ogni 50mila abitanti sono previsti 8 infermieri di continuità.

Il governo ha anche istituito il ‘fondo per le strutture semi-residenziali per persone con disabilità’, con uno stanziamento di risorse pari a 40 milioni.

Regolarizzazione dei migranti e sostegno all’agricoltura

1 miliardo e 150 milioni di euro sono stati destinati all’agricoltura e in particolare ai settori in maggiore sofferenza come il florovivaismo, gli agriturismi, la filiera del vino.

Per ciò che riguarda la regolarizzazione dei migranti, la ministra Bellanova ha detto “da oggi gli invisibili saranno meno invisibili. Da oggi vince lo Stato perché è più forte della criminalità e del caporalato“.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza