Connect with us

Politica

Dicono Catalogna, pensano Alto Adige. Urzì: “I malati di secessionismo provocano ancora”

Pubblicato

-

Il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano esprime nuovamente la sua piena solidarietà alla popolazione catalana nel suo intento di ottenere un’ampia autonomia e un autogoverno il più ampio possibile“.

Il “parlamentino” altoatesino, con la proposta presentata dalla SVP, aveva chiesto a tutti i leader politici di sostenere i catalani nella loro difficile e delicata situazione. Già nel 2018 il Consiglio provinciale aveva approvato a larga maggioranza una risoluzione trasversale sulla situazione in Catalogna.

Per la Volkspartei, questa risoluzione deve ora essere ulteriormente rafforzata, oltre a incoraggiare il proseguimento del processo democratico e a chiedere sostegno ai catalani. Il tipo di sostegno deve essere fornito “con mezzi pacifici e democratici”.

Pubblicità
Pubblicità

La condanna di nove rappresentanti politici del movimento indipendentista catalano a metà ottobre ha portato a grandi proteste e manifestazioni. A questo sono seguiti numerosi interventi ed espressioni di solidarietà – spiega il presidente del gruppo dell’SVP, Gert Lanz – . Le nostre espressioni di solidarietà sono in linea con la nostra storia e sappiamo meglio di molti altri che crisi politiche così gravi possono essere risolte in modo amichevole solo attraverso il negoziato. Chiediamo quindi a tutti i decisori politici di negoziare pacificamente nello spirito europeo“.

L’iniziativa della Stella alpina non convince però tutti. Sulla questione è intervenuto il consigliere provinciale Alessandro Urzì.

Ci hanno riprovato: scrivono Catalogna ma pensano all’Alto Adige e lanciano un chiaro messaggio di sostegno e solidarietà ai secessionisti. Ma questa volta il proponente, il capogruppo stesso della Svp, non fa i conti con una sempre più ampia disaffezione verso le provocazioni e così la Svp si ritrova da sola, messa in minoranza al fianco dei soli secessionisti, quelli dichiarati“.

Pubblicità
Pubblicità

Un autogoal messo a segno dopo la protesta che, da solo, Urzì afferma di avere messo in campo in aula invitando i consiglieri di tutti i gruppi politici a mostrare la volontà di respingere le provocazioni che ciclicamente agitano il Consiglio provinciale.

E questa volta – continua Urzì – invece di Suedtiroler Freiheit all’angolo ci è finita addirittura il partito di maggioranza relativa su cui ha pesato la plateale assenza del presidente della giunta Kompatscher e qualche defezione fra le sue stesse fila.

La Lega, che inizialmente aveva mostrato un atteggiamento più possibilista, alla fine ha votato solo il passaggio più innocuo (quello che chiedeva correttamente il ricorso a metodi pacifici e democratici) ma si è pure messa di traverso, come tutte le altre forze politiche, sulla presa di posizione critica verso le condanne espresse dalla giustizia spagnola verso gli attivisti del movimento indipendentista.

E conclude: “C’è bisogno di chi denuncia questi maldestri tentativi bisogna rimanere sempre vigili e sono contento che la mia sollevazione infine abbia ottenuto l’obiettivo che mi ero prefissato, ossia di marginalizzare le provocazioni. Soddisfazione va espressa anche per la posizione della Lega, che pure come partner di governo, ha assunto una posizione distaccata verso la mozione che la Svp non aveva voluto condividere con nessuno, neppure con i suoi alleati”.

Pubblicità
Pubblicità

Risultato: sconfessati i provocatori, una svogliata pattuglia di consiglieri Svp obbligati a votare per la mozione del proprio capigruppo (con qualcuno che ha deciso di non attenersi alla disciplina di partito e Kompatscher in fuga), maggioranza sfilacciata, opposizioni disgustate fino alla non partecipazione al voto di molte di loro.

Unica stampella della Svp e dei secessionisti Carlo Vettori, ormai sempre più distante dal centrodestra.

Nei prossimi giorni mi recherò personalmente all’ambasciata di Spagna per testimoniare la mia solidarietà verso il paese ed a rappresentare il fatto che il documento formalmente approvato a Bolzano risulta essere di stretta minoranza e quindi non rappresentativo dei sentimenti degli altoatesini. Come il referendum sulla secessione della Catalogna dalla Spagna, sostenuto solo dal 35,2% della popolazione della regione”.

NEWSLETTER

Alto Adige2 settimane fa

Indennità per i pendolari, in corso la revisione del sistema

Politica3 settimane fa

Il comandante degli Alpini da Kompatscher: Protezione civile e Covid

Sport4 settimane fa

I Foxes perdono a Villach: il VSV si impone per 4 a 3 all’overtime

Alto Adige3 settimane fa

Incidente con due macchine coinvolte in Valle Isarco: intervengono i vigili del fuoco

Alto Adige3 settimane fa

Labers: cede il freno a mano e la macchina precipita. Salvo il cagnolino rimasto intrappolato all’interno

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: oggi 3 gennaio 39 casi positivi da PCR e 404 test antigenici, un decesso

Valle Isarco2 settimane fa

Cade in una piscina d’albergo a Naz Sciaves: bimbo di due anni muore annegato

Merano3 settimane fa

Il conducente sbanda e distrugge l’automobile all’uscita di Postal

Bolzano3 settimane fa

Coronavirus: 1.361 contagi e un decesso nelle ultime 24 ore in Alto Adige

Alto Adige2 settimane fa

In Alto Adige i no vax non cedono: ancora 30mila over 50 da vaccinare

Società4 settimane fa

MutterNacht: la solitudine attorno alla nascita. Raccolta di storie ed esperienze un libro per il 2022

Val Venosta3 settimane fa

Val Venosta: si schianta con l’auto. Intervengono i vigili del fuoco di Laudes

Alto Adige2 settimane fa

Dati Covid 10 gennaio: 175 positivi da PCR e 960 da test antigenici. 2 decessi

Alto Adige2 settimane fa

Coronavirus: 190 casi positivi da PCR e 2.849 test antigenici positivi, altri due decessi

Alto Adige4 settimane fa

Camper prende fuoco sull’Alpe di Siusi: due persone intossicate

Unico&Bello

Hotel di lusso nello spazio, dal 2022 la possibilità di soggiornare a 320 km di altezza

Il turismo spaziale è sempre più vicino a diventare realtà, completando la sua offerta con la realizzazione di un hotel di lusso nello spazio. Dopo aver…

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza