Connect with us

Bolzano

“Il mio dramma e di altri 60”: prosegue la battaglia di Puglisi Ghizzi. Oggi il presidio per i diritti dei lungodegenti

Pubblicato

-

Presidio di sensibilizzazione oggi in via Cassa di Risparmio, rivolto alla Direzione Generale ASL di Bolzano durante il corso di una riunione della dirigenza per chiedere l’osservanza delle leggi nazionali a tutela dei malati gravi in lungodegenza.

“IL MIO DRAMMA E DI ALTRI 60” è ormai lo slogan della dura e giusta battaglia che il consigliere comunale Maurizio Puglisi Ghizzi sta conducendo per la sua famiglia recentemente colpita da un brutto dramma.

Sua moglie Alessandra Dardengo versa infatti in uno stato di coma vigile dal 2018, ovvero da quando è stata colpita da un’emorragia cerebrale e risulta ricoverata in una casa di riposo nel quartiere Firmian, dove si è costretti a pagare una tariffa altissima (1.580 euro al mese) perchè in provincia di Bolzano i diritti dei lungodegenti non vengono riconosciuti.

Pubblicità
Pubblicità

Questo avviene ignorando la normativa nazionale ed in presenza di una sentenza del consiglio di stato risalente al 2015, la numero 339, che prevede che le spese per il ricovero dei malati in coma vigile alimentati da una sonda siano a carico dello Stato.

Un’ulteriore assurdità, considerato anche il fatto che nel resto d’Italia questo avviene. In Alto Adige invece no, perché i lungodegenti in condizioni critiche come quelle del coma vigile vengono equiparati agli anziani nelle case di riposo.

Il punto è che si tratta invece pazienti giovani che non possono essere accuditi a casa. Nella stessa situazione del consigliere di CasaPound, altre 60 famiglie.

Solidarietà è stata espressa anche da altre forze politiche. Tra i presenti: i consiglieri Trigolo, il consigliere provinciale di L’Alto Adige nel cuore/Fratelli d’Italia Alessandro Urzì, il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Marco Galateo, e i consiglieri Caruso, Della Ratta assieme a numerosi cittadini coinvolti nella stessa problematica.

Ecco la prova che l’assessore Waltraud Deeg con le sue dichiarazioni apparse oggi sulla stampa locale non ha capito nulla di ciò che sta accadendo con gli ammalati gravi in lungodegenza – ha affermato Puglisi Ghizzi – . La Provincia autonoma che lei dovrebbe rappresentare non ha competenza sulla classificazione delle persone e non può dunque arrogarsi il diritto di classificare degli ammalati gravi ai nonnini della casa di riposo.

Cosi facendo denota, oltre all’impreparazione sull’argomento, una mancanza di sensibilità (certo non obbligatoria per un assessore al sociale, ma gradita) che è sottolineata anche dalle dichiarazioni al Corriere dell’Alto Adige sull’equità delle tariffe richieste: stiamo parlando non di anziani e della loro pensione che, in base alle capacità può essere richiesta per una quota residenziale/alberghiera in casa di riposo, ma di familiari che, il piu delle volte, per una disgrazia sono stati tolti ad una famiglia per la quale contribuivano al mantenimento.

E poi esiste la Costituzione con l’art. 32 che recita ‘La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività». Del resto noi, non abbiamo mai fatto osservazione sugli emolumenti più o meno congrui che percepite’, conclude.

Ad abundantiam, un passaggio importante di tutta la questione che il consigliere ha invitato l’assessore Deeg a leggere:

E’ ormai da ritenersi un principio giurisprudenziale consolidato: per i ricoveri in RSA di pazienti non autosufficienti gravi, che non siano ‘meramente sostitutivi dell’assistenza familiare’, ma che siano ‘curativi’, al punto da costituire l’unica possibilità terapeutica e di mantenimento in vita della persona, i costi sono a totale carico del SSN.

Lo ha ribadito, con recente sentenza n. 1964/2017, pubblicata il 22 giugno scorso, il Tribunale ordinario di Monza che, affrontando un caso di paziente affetto da disturbo psicotico grave, ed altre patologie collaterali (incontinenza, catetere ed altri presidi infermieristici) ha ritenuto che la spesa per il suo ricovero fosse esclusivo onere della Sanità pubblica e non del paziente stesso e della sua famiglia.

Il Tribunale ha richiamato gli assunti della Corte di Cassazione, ed in particolare quelli della recente pronuncia 22776 del 2016** secondo cui, dalla riforma del Sistema Sanitario del 1978 legge n.833, art. 30, e sue specificazioni (DPCM 1985; DPCM 14.2.2011) le prestazioni di natura socio sanitaria ad alta integrazione sanitaria (dalla quale vanno esclusi solo i ricoveri meramente sostitutivi dell’assistenza familiare) vanno interamente considerate terapie e rese nell’ambito della gratuità di sistema. E ciò anche se siano rese insieme a quelle strettamente connesse ed inscindibili di tipo alberghiero (letto, cibo ecc…)“.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]

Categorie

di tendenza