Connect with us

Alto Adige

Le imprese altoatesine intrappolate nella giungla della burocrazia

Pubblicato

-

Alle aziende locali, molte con gravi perdite di fatturato a causa delle lunghe chiusure legate al Covid, la Provincia offre due modalità per ottenere aiuti pubblici. Ci sono da una parte i sussidi per le piccole imprese e dall’altra i contributi a fondo perduto per i costi fissi.

Il Team K si dice “indignato di fronte ai criteri di ammissibilità che sono stati elaborati e dal modo in cui vengono gestiti gli aiuti”. A partire dal 19 aprile, le piccole imprese altoatesine possono presentare le domande per gli aiuti provinciali Covid e le domande per le sovvenzioni per i costi fissi, destinate in primo luogo alle imprese di dimensioni maggiori, potranno probabilmente essere presentate solo all’inizio di giugno.

“A un anno dallo scoppio della pandemia, la Giunta provinciale comunica che deve ancora lavorare sui dettagli e sul portale informatico per la presentazione delle domande. Oltre a questa approssimativa gestione, i tempi di attesa restano troppo lunghi, con la burocrazia che ancora una volta la fa da padrona. Nella nostra provincia è uso lamentarsi dei tempi e modi dell’amministrazione romana, ma l’Alto Adige a volte non fa di meglio”, commenta il consigliere provinciale Paul Köllensperger.

Pubblicità
Pubblicità

Come detto, gli aiuti economici sono di due tipi. Le imprese devono decidere per quale delle due sovvenzioni fare domanda, dopodichè inizia la trafila burocratica. Il fatto che le due misure di sostegno abbiano periodi di presentazione della richiesta diversi e che la delibera della Giunta provinciale sui contributi a fondo perduto sulle spese fisse non sia ancora pronta, rende difficile la scelta alle piccole e medie imprese. 

La clausola di salvaguardia contenuta nella delibera sui sussidi per le piccole imprese stabilisce che quando si raggiungono i 96 milioni di euro di sovvenzione totale previsti, le domande verranno archiviate d’ufficio e non saranno più considerate, mettendo un’enorme pressione sulle aziende per presentare le loro domande in fretta e furia. È particolarmente irritante che la Provincia si prenda tutto il tempo del mondo per effettuare i suoi controlli ma non abbia fissato un termine. A causa del diverso periodo di copertura temporale per le due misure di sostegno, è difficile effettuare una valutazione comparativa e raccogliere i dati con i sistemi contabili comunemente in uso: i commercialisti stanno già alzando bandiera bianca. Inoltre l’aiuto può essere richiesto solo attraverso l’identità digitale SPID, per cui le sole istruzioni per l’utilizzo superano le 18 pagine, tutt’altro che user-friendly.

“Le imprese corrono il rischio di dover richiedere il contributo a loro meno favorevole perché messe sotto pressione, con il rischio concreto di rimanere a bocca asciutta se i fondi disponibili per i sussidi – come è probabile che accada – si esauriranno abbastanza rapidamente. Una situazione inaccettabile. Per non parlare della lista infinita di voci di costo in cui le aziende o i loro commercialisti devono suddividere i costi. Alla fine, il tutto deve essere inviato a una banca che può finanziare il 90% dei costi come contributo. Questo probabilmente non sarà gratuito, dato che ci si aspetta che le banche continuino a guadagnare bene dalla crisi. Le banche avranno anche bisogno del loro tempo per valutare le domande. Quindi chi ha urgente bisogno di sostegni economici per la propria attività dovrà restare ancora in attesa”, sostiene Paul Köllensperger.

C’è infine questa apparente sfiducia della pubblica amministrazione nei confronti delle imprese quando si tratta di sussidi… Per prevenire frodi, si sta creando un mostro burocratico che alla fine lascerà molte aziende a bocca asciutta. Purtroppo è ancora una volta evidente che in Alto Adige ci sono persone ai vertici, a partire dall’assessore provinciale all’economia Achammer, che non hanno mai visto un’azienda dall’interno nella loro vita.

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli e le novità
    Anche quest’anno torna il bonus pubblicità per le aziende puntano su investimenti pubblicitari, con l’invio delle domande che partirà dal 1 fino al 31 ottobre 2021. Bonus pubblicità 2021 Per il 2021 -2022, il credito... The post Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli […]
  • Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri
    Da novembre 2021 i costi di revisione delle auto aumenteranno. Decisione concordata dai Ministeri dell’Economia e della Mobilità Sostenibile. Dal 1 novembre aumenti prezzi revisione auto L’aumento che inizialmente sarebbe dovuto partire il 30 gennaio,... The post Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri appeared first on Benessere Economico.
  • Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro
    Il Ministro dello Sviluppo economico, Giorgetti ha attivato un fondo pari a 140 milioni di euro a sostegno delle attività rimaste chiuse in conseguenza delle misure restrittive anti-Covid. In dettaglio Il fondo avvivato dal Ministero... The post Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico, fino a 1000 euro per interventi ed efficientamento idrico della casa
    Tra i bonus introdotti nella legge di bilancio e ancora da attivare, trova spazio il Bonus Idrico, altrimenti noto come Bonus rubinetti o bonus bagno che punterebbe a favorire il risparmio di risorse idriche. Fino... The post Bonus idrico, fino a 1000 euro per interventi ed efficientamento idrico della casa appeared first on Benessere Economico.
  • Finanziamenti imprese in difficoltà, dal 20 settembre il via alla presentazione delle domande: come funziona
    Da qualche giorno, il Ministero dello Sviluppo economico, ha pubblicato il decreto contenente le modalità ed i termini per accedere al Fondo da 400 milioni destinato alle grandi imprese in momentanea difficoltà. Fondo imprese in... The post Finanziamenti imprese in difficoltà, dal 20 settembre il via alla presentazione delle domande: come funziona appeared first on […]
  • Smart working, i bonus fino a 1000 euro per lavorare da casa
    Con l’arrivo del covid lo smart working dopo con prepotenza nella vita di molti lavoratori ed aziende è diventato tanto importante da realizzare un bonus di 1.00 euro per chi lavora da casa. Proroga bonus... The post Smart working, i bonus fino a 1000 euro per lavorare da casa appeared first on Benessere Economico.
  • Data driven company, cos’è e i benefici di una gestione aziendale basata solo sui dati
    Da un’azienda digitale, a una tradizionale fino ad un’attività manifatturiera: ormai ogni tipologia di business affonda le proprie radici su dati che mettono in relazione diversi processi aziendali. Il valore dei dati all’interno di un... The post Data driven company, cos’è e i benefici di una gestione aziendale basata solo sui dati appeared first on […]
  • Mise, inserimento di clausola assunzioni per aziende beneficiarie di agevolazioni
    Dal Ministero dello Sviluppo Economico si interviene verso la costruzione di un percorso sulle assunzioni per le aziende che ricevono incentivi. Clausola per le aziende beneficiarie A riguardo, il Ministro Giorgetti ha comunicato con atto... The post Mise, inserimento di clausola assunzioni per aziende beneficiarie di agevolazioni appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza