Connect with us

Politica

Legge provinciale su fase 2? Vox Italia: “Chiederemo la rimozione di Kompatscher per attentato alla Costituzione”

Pubblicato

-

Vox Italia ritiene inqualificabile la gestione dell’emergenza causata dal Covid19 da parte del Governo Conte, nel momento in cui intere categorie di lavoratori, piccoli imprenditori, artigiani, esercenti ecc., vedono davanti a loro aprirsi il baratro del tracollo economico e della disperazione.

Si va avanti a goffi tentativi; a colpi di Dpdm, cioè ai limiti dell’osservanza costituzionale. Dell’arzigogolo governativo partorito da Giuseppi & company, si è capito solo che la fase due sarà come la fase uno, solo con in più il permesso di andare a visitare la suocera“.

Questo è quanto dichiarano Cristina Barchetti ed Eriprando della Torre di Valsassina, rappresentanti di Vox Italia.

Pubblicità
Pubblicità

Vox Italia ribadisce, per l’ennesima volta, che la cosa più urgente da fare da parte del Governo è la sospensione dell’Iva e la richiesta alla Bce di stampare la moneta necessaria da immettere a fondo perduto nelle tasche di tutti i cittadini maggiorenni nella somma di diecimila euro a testa.

In caso di diniego, l’Italia dovrà fare da sola. Uscire dall’euro e stampare lire da mettere nelle tasche dei cittadini, e attuare una politica economica keynesiana di massiccio intervento statale in economia e di sviluppo della domanda interna.

Detto questo, appare irricevibile il tentativo della Svp di approfittare dell’emergenza sanitaria per minacciare anticostituzionali cessazioni di collaborazione con l’Esecutivo romano. Gli ierofanti volksparteisti non aspettavano altro per poter ricominciare a scollare, una ad una, le foglie del carciofo rappresentato dal processo di secessione dell’Alto Adige dall’Italia.

Se la presa di posizione della Svp si dovesse tradurre in un atto legislativo provinciale, cioè nel tentativo concreto, di impronta separatista, di superare i dettami costituzionali e statutari, Vox Italia, in nome dell’art. 126 della Costituzione, si appellerebbe al Presidente della Repubblica affinché sciolga il Consiglio della provincia di Bolzano e rimuova il Presidente della Giunta provinciale per atti contrari alla Costituzione“.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza