Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Lettera aperta a Mattarella. Urzì: “Torni il 9 maggio, per ricordare le vittime dei terroristi sudtirolesi”

Pubblicato

-

L’autonomia non è figlia solo del voto Svp sul Pacchetto (il cui anniversario cadeva sabato ndr), lo è anche dei travagli della parte italiana. Straordinario il valore simbolico della visita in luoghi simbolo della nostra dolorosa storia, Schuetzen inadeguati.

Invito: la aspettiamo il prossimo 9 maggio nel luogo che ancora… non c’è.

Egregio Signor Presidente – scrive Alessandro Urzì – ho avuto l’onore di omaggiarla nel giorno del suo insediamento davanti alle Camere riunite, avendo avuto l’onore di essere un Grande Elettore in rappresentanza della regione Trentino Alto Adige e quindi di avere partecipato al voto per l’elezione del Capo dello Stato.

Ed è sempre un piacere per ogni Italiano saperLa desideroso di visitare la nostra terra, in cui è e sarà sempre il benvenuto.

Non sono stato presente, e me ne voglio giustificare, a Castel Tirolo per le celebrazioni dei 50 anni dell’approvazione da parte della Svp del Pacchetto di norme per l’autonomia dell’Alto Adige.

Perché ho ritenuto poco comprensibile identificare in modo così marcato l’autonomia con un solo partito, addirittura celebrando in modo così solenne un atto interno di un solo movimento politico quasi che esclusivamente da esso siano discese le fortune (se di fortune si può parlare) o in ogni caso il destino dell’Alto Adige.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Prendo a prestito alcune considerazioni svolte dallo storico dell’Alto Adige Giorgio delle Donne: “La data delle celebrazioni non corrisponde né all’approvazione del nuovo statuto da parte del Parlamento italiano, né all’approvazione del “Pacchetto” da parte del Parlamento austriaco, ma corrisponde all’anniversario dell’approvazione del “Pacchetto” da parte del congresso straordinario SVP di Merano.

In questo modo – specifica Delle Donne – si continua con la settantennale politica che porta a confondere l’istituzione provinciale con il partito etnico di raccolta, identificando etnia-partito-istituzione.

Una cosa simile si è verificata lo scorso secolo in quelli che definiamo “regimi totalitari“.

Non stupiamoci poi se gli altoatesini (gli abitanti di lingua italiana dell’Alto Adige) continuano a considerarsi un corpo estraneo del panorama politico ed istituzionale locale”, conclude sarcasticamente, come nel suo stile, Delle Donne.

Probabilmente non è così, e gli altoatesini e gli Italiani non si sentono un corpo estraneo in assoluto, ma ha ragione delle Donne a rimarcare l’ambito del “panorama politico ed istituzionale locale” in cui spesso si sono sentiti corpo estraneo, in quanto minoranza e per poco coraggio in se stessi (afflitti dal complesso di Don Abbondio) o per oggettiva limitazione della propria possibilità di incidere, imposta dalla maggioranza.

Riconoscere il momento interno ad un solo partito, momento di celebrazione in toto dell’Autonomia significa non riconoscere e legittimare la complessa storia che gli Italiani hanno svolto nel difficile rapporto con la medesima Autonomia quando questa veniva brandita dalla minoranza nazionale, ma maggioranza locale, non come strumento di emancipazione territoriale ma di autoreferenzialità, ed autosufficienza.

L’Autonomia non appartiene solo alla Svp, e non deriva solo da un voto all’interno alla Svp. L’autonomia è anche di chi a suo tempo la voleva diversa, magari nemmeno la voleva o la richiedeva, eppure oggi però la rispetta e la onora, come atto morale prima che politico dell’Italia verso i propri impegni.

Egregio Signor Presidente, ritengo alti e nobili i momenti delle sue visite personali in due luoghi simbolo così drammatici della nostra storia.

Per questa ragione appare poco conveniente la presenza degli Schuetzen, in uno dei momenti che accompagnerà la Sua visita.

Questa organizzazione, che ospita nei suoi uffici il comitato che sostiene la secessione dell’Alto Adige dall’Italia, ogni anno l’otto dicembre si raduna a San Paolo di Appiano per celebrare il ricorso alla violenza e gli autori di attentati e omicidi. Tutto questo confligge con le nostre sensibilità, con lo spirito di pura pacificazione che solo la Sua stessa presenza rievoca.

Ci piacerebbe, egregio Presidente, averLa però presto di nuovo con noi, in Alto Adige (non necessariamente, come già accadde nel corso della sua precedente visita ufficiale sempre, solo e necessariamente accompagnato dal Presidente della Repubblica austriaca, quasi che l’Alto Adige imponesse per necessità questo rituale di autolimitazione) il nove maggio, nella data che ricorda l’omicidio di Aldo Moro e Peppino Impastato, per visitare il luogo che ancora in Alto Adige non c’è, quello che nessuno nella nostra autonoma provincia ha mai voluto istituire, benché richiesto da noi e dalla figlia del carabiniere Vittorio Tiralongo.

La invitiamo nel luogo dove sono ricordate le vittime del terrorismo separatista. Quelle per i cui assassini Le hanno richiesto la grazia.

Ma questo luogo, come detto, in Alto Adige ancora non c’è. E’ davvero un peccato.

Alessandro Urzì, Consigliere regionale e provinciale di Bolzano

NEWSLETTER

Benessere e Salute4 settimane fa

Sanità, dal 1 gennaio 2023 nuove regole per l’accesso agli ospedali

Alto Adige3 settimane fa

Partirà una class action contro la Volksbank (Banca Popolare dell’Alto Adige)

Bolzano4 settimane fa

Muore a 42 anni Chiara Cantaloni, ricercatrice senior all’Eurac di Bolzano

Politica2 giorni fa

La moneta regionale dell’Alto Adige è sempre più vicina

Alto Adige4 settimane fa

Morta Paola Zani, commissario capo della Questura di Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Pedone investito da scooter in via Palermo, Repetto: «Giunta litiga invece di trovare soluzioni»

Bressanone4 settimane fa

Bressanone: corteo storico per l’Epifania

Alto Adige4 settimane fa

Capodanno, i Vigili del Fuoco avvisano: “Festeggiamo senza rischiare, usiamo correttamente i fuochi d’artificio”

Alto Adige3 settimane fa

Valanga in Val Gardena, gravissimo un carabiniere

Alto Adige3 settimane fa

Resoconto attività 2022 della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dei Centri Operativi Sicurezza Cibernetica

Merano2 settimane fa

Nuova raccolta dell’umido, falsa partenza, Zampieri (FdI): sulla gestione rifiuti Comune imbarazzante

Bolzano2 settimane fa

Sono ancora gravissime le condizioni di Giovanni Andriano, il 49 enne travolto ieri da una valanga il Val Gardena

Alto Adige4 settimane fa

Termeno, crolla un pezzo dell’autolavaggio sulla macchina: intervengono i vigili del fuoco

Laives3 settimane fa

Laives, auto ibrida prende fuoco mentre è in carica: i vigili del fuoco evitano il peggio

Politica1 settimana fa

Parcheggio Cimitero sud a Oltrisarco, approvata la proposta di privatizzazione dell’area sosta camper

Archivi

Categorie

di tendenza