Connect with us

Società

Manifesti shock, Maglione: “Per me nel 2018 la gogna mediatica. Ora il Comune intervenga”

Pubblicato

-

Ci risiamo. Ancora una volta gli esponenti di Süd Tiroler Freiheit propongono una campagna pubblicitaria offensiva verso tutti gli italiani. Esposti, querele, interrogazioni parlamentari e condanne bipartisan non si sono fatti attendere per quei manifesti ritenuti lesivi della dignità professionale di un’intera categoria, quella dei medici.  E il caso è diventato nazionale.

Poster affissi negli spazi antistanti l’ospedale di Bolzano, proprio alle fermate dei bus. Non uno ma quasi una decina. “Il medico non sapeva parlare tedesco“, recita lo slogan che accompagna l’immagine di un cadavere.

Spazi che, come è noto, sono di proprietà del Comune ma in appalto alla ditta First Avenue.

Pubblicità
Pubblicità

Quello che è successo in questi giorni a Bolzano è certamente materiale interessante per la commissione Segre, ma evidentemente non abbastanza per quella comunale istituita nel 2018, quando l’assessora Lorenzini montò un caso mediatico per due natiche che comparivano su un cartellone esposto in zona industriale.

Il sindaco Renzo Caramaschi lo ha subito sottolineato, che quei rettangoli pubblicitari non sono gestiti dalla sua amministrazione ma il problema, a sentire Max Maglione, titolare dell’omonima agenzia di comunicazione bolzanina, sarebbe un altro.

Non è certo sulla scelta del messaggio di STF che voglio sindacare, ma sulle motivazioni per le quali ancora nessun esponente politico del Comune di Bolzano, almeno di quelli che puntarono il dito contro la mia agenzia lo scorso anno, abbia chiesto l’immediata rimozione dei manifesti affissi in spazi comunque di proprietà del Comune stesso e dati solamente in concessione ad un’agenzia pubblicitaria – protesta Maglione – . Dico questo perché per un episodio assai meno rilevante, in passato la mia agenzia è stata accusata di sessismo“.

La polemica montata allora (era l’autunno del 2018) era riferita proprio all’immagine di cui sopra, quell’anonimo “lato B” che campeggiava su un cartellone issato sulla struttura portante di un camion vela parcheggiato in via Siemens (noi l’avevamo commentata qui Sessismi, femminismi e bucce di banana: il caso Lorenzini).

La dura presa di posizione riguardo al manifesto commerciale ha portato l’assessora a segnalare la pubblicità all’organo di vigilanza, chiedendone la immediata rimozione e valutando anche la possibilità di presentare una denuncia.

Maglione è arrabbiato? In fondo, a quel tempo, fu l’assessora a uscirne peggio, con l’attacco femminista a un cartellone che raffigurava due anonime chxxppe, mentre nel frattempo proprio l’amministrazione comunale di cui fa parte stava finanziando e patrocinando un Festival del Porno in città. Ricorda?

Ricordo. La segnalazione di Lorenzini scatenò però una gogna mediatica durata una settimana anche nei confronti della mia persona, in qualità di titolare dell’agenzia. Nessun riferimento al cliente che espressamente aveva richiesto quel tipo di messaggio pubblicitario. Come pensa che mi possa sentire oggi, constatando che alla vista di questi manifesti scandalosi, in quanto non si tratta di arte comunicativa ma solamente di odio e razzismo, nessuno si sta muovendo?

Addirittura era stata creata allora una commissione comunale per la vigilanza sui messaggi pubblicitari nel capoluogo altoatesino, che però, in questo caso specifico non ho sentito esprimersi. Che fine ha fatto oggi quel fantomatico organo regolatore?

Il messaggio veicolato dal suo cartellone non era certo leggero. Lei allora è stato davvero accusato di sfiorare il becero sessismo.

Io ho fatto solamente ciò che il mio cliente mi ha richiesto, non intendendo nella maniera più assoluta risultare offensivo nei confronti delle donne. Discutere sulla bontà o meno di un certo tipo di messaggio ci sta. Fa parte del gioco e siamo in democrazia. Ma il metodo e il metro di giudizio, quelli si che devono essere uguali per tutti.

Riprendiamo dunque la sua domanda: che fine ha fatto la commissione e come mai nessuno interviene?

Giriamo il quesito a chi l’ha istituita. Qualora tale organo sia ancora operante, e a questo punto mi chiedo se lo sia mai stato, domando pubblicamente se in Municipio abbiano intenzione di intervenire, per trasparenza, per principio di equità e con lo stesso sdegno, anche su questa questione.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli e le novità
    Anche quest’anno torna il bonus pubblicità per le aziende puntano su investimenti pubblicitari, con l’invio delle domande che partirà dal 1 fino al 31 ottobre 2021. Bonus pubblicità 2021 Per il 2021 -2022, il credito... The post Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli […]
  • Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri
    Da novembre 2021 i costi di revisione delle auto aumenteranno. Decisione concordata dai Ministeri dell’Economia e della Mobilità Sostenibile. Dal 1 novembre aumenti prezzi revisione auto L’aumento che inizialmente sarebbe dovuto partire il 30 gennaio,... The post Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri appeared first on Benessere Economico.
  • Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro
    Il Ministro dello Sviluppo economico, Giorgetti ha attivato un fondo pari a 140 milioni di euro a sostegno delle attività rimaste chiuse in conseguenza delle misure restrittive anti-Covid. In dettaglio Il fondo avvivato dal Ministero... The post Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus idrico, fino a 1000 euro per interventi ed efficientamento idrico della casa
    Tra i bonus introdotti nella legge di bilancio e ancora da attivare, trova spazio il Bonus Idrico, altrimenti noto come Bonus rubinetti o bonus bagno che punterebbe a favorire il risparmio di risorse idriche. Fino... The post Bonus idrico, fino a 1000 euro per interventi ed efficientamento idrico della casa appeared first on Benessere Economico.
  • Finanziamenti imprese in difficoltà, dal 20 settembre il via alla presentazione delle domande: come funziona
    Da qualche giorno, il Ministero dello Sviluppo economico, ha pubblicato il decreto contenente le modalità ed i termini per accedere al Fondo da 400 milioni destinato alle grandi imprese in momentanea difficoltà. Fondo imprese in... The post Finanziamenti imprese in difficoltà, dal 20 settembre il via alla presentazione delle domande: come funziona appeared first on […]
  • Smart working, i bonus fino a 1000 euro per lavorare da casa
    Con l’arrivo del covid lo smart working dopo con prepotenza nella vita di molti lavoratori ed aziende è diventato tanto importante da realizzare un bonus di 1.00 euro per chi lavora da casa. Proroga bonus... The post Smart working, i bonus fino a 1000 euro per lavorare da casa appeared first on Benessere Economico.
  • Data driven company, cos’è e i benefici di una gestione aziendale basata solo sui dati
    Da un’azienda digitale, a una tradizionale fino ad un’attività manifatturiera: ormai ogni tipologia di business affonda le proprie radici su dati che mettono in relazione diversi processi aziendali. Il valore dei dati all’interno di un... The post Data driven company, cos’è e i benefici di una gestione aziendale basata solo sui dati appeared first on […]

Categorie

di tendenza