Connect with us

Benessere e Salute

Mascherine e qualità dell’aria, lo studio: “Ricambio sufficiente, anidride carbonica come nei locali chiusi”

Pubblicato

-

La concentrazione di anidride carbonica inalata indossando una mascherina è sui livelli di quella rilevata in molti ambienti di vita quotidiani chiusi, e risulta essere molto inferiore rispetto a quella espirata. Questo, in sintesi, l’esito più importante dello studio condotto dagli esperti dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima. Il risultato è particolarmente interessante considerando che l’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Coronavirus ha imposto l’utilizzo di dispositivi di copertura naso-bocca.

Gli esiti dello studio sono stati presentati oggi (23 ottobre) dall’assessore provinciale all’ambiente e all’energia, Giuliano Vettorato, e dai vertici tecnici dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima, responsabili per il monitoraggio della qualità dell’aria. Quando si indossa una mascherina una parte dell’aria espirata viene trattenuta all’interno del dispositivo indossato e quindi re-inalata.

I risultati dello studio

Pubblicità
Pubblicità

Lo studio è stato realizzato dal Laboratorio analisi aria e radioprotezione dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima. Nell’ambito delle analisi è stata quantificata la percentuale di CO2 re-inalata rispetto a quella espirata. A tal fine sono state prese in esame diverse tipologie di dispositivi di copertura naso-bocca: mascherina artigianale, mascherina chirurgica, FFP2 o KN95, visiera e fasce di stoffa.

L’aria che espiriamo – afferma Luca Verdi, direttore del Laboratorio Analisi e radioprotezione – contiene un’elevata concentrazione di anidride carbonica, circa 40.000 ppm, ovvero il 4%. Dallo studio è emerso che indossando un dispositivo di copertura naso-bocca si ha comunque un notevole ricambio d’aria che porta ad una consistente riduzione della concentrazione di CO2. Più precisamente la percentuale di anidride carbonica espirata che viene re-inalata varia da un minimo del 3% con la visiera, a un massimo del 14% con la  mascherina artigianale“.

Importante arieggiare i locali

Pubblicità
Pubblicità

Alla luce di questi dati, l’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima ribadisce che i locali in cui soggiornano più persone vanno ventilati frequentemente, come del resto già raccomandato da tutti gli esperti del settore. Infatti, “in ambienti chiusi, poco ventilati, dove soggiornano abitualmente più persone, come ad esempio nelle aule scolastiche – ha spiegato Verdi – la concentrazione di anidride carbonica aumenta in generale molto velocemente. Dovendo aggiungere all’anidride carbonica re-inalata indossando la mascherina anche quella proveniente dal locale chiuso in cui si soggiorna è chiaro che risulta fondamentale che il locale stesso abbia caratteristiche di ventilazione ottimali. In conclusione possiamo affermare che la concentrazione di CO2 inalata indossando una copertura naso-bocca è sui livelli di quella rilevata in ambienti chiusi e risulta essere molto inferiore rispetto a quella espirata”.

Dispositivi di copertura e disagio avvertito

Oltre a caratterizzare la qualità dell’aria inspirata, lo studio ha voluto valutare una possibile fonte di disagio avvertito con l’uso prolungato di tali dispositivi di copertura. “Grazie ad una termocamera abbiamo misurato la temperatura superficiale del viso, con e senza mascherina”, ha speigato Clara Peretti, consulente per il Laboratorio Analisi aria e radioprotezione nell’ambito del progetto europeo QAES . “Dalla prova – ha aggiunto – è emerso che nella zona del viso coperta dal dispositivo di copertura la temperatura superficiale aumenta in media di due gradi. Innalzamento di temperatura e conseguente sudorazione possono creare una sensazione di fastidio.”

Il metodo di campionamento utilizzato

Pubblicità
Pubblicità

Durante lo studio, realizzato nel periodo giugno – agosto 2020 nei laboratori dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima, sono state effettuate 350 prove con e senza dispositivi di copertura indossati. Inoltre, le prove sono avvenute in posizione da seduti o in piedi in leggero movimento, ma non in movimento estremo, come quando si fa sport.

Per eseguire le prove – ha sottolineato il tecnico referente per le prove, Gianmaria Fulici è stato elaborato e adottato uno specifico protocollo di misura che ha permesso di analizzare solo l’aria inspirata, separandola nettamente da quella espirata. Ad ogni atto respiratorio e durante tutta la fase di inspirazione è stata prelevata una piccola quantità di aria utilizzando una sonda posta fra naso e bocca; l’aria prelevata è stata raccolta in un contenitore di Tedlar e quindi analizzata per determinare la concentrazione di anidride carbonica“.

Lo studio su mascherine e qualità dell’aria è consultabile online sul portale web della Provincia dedicato all’ambiente, così come la campagne di misura. Per ulteriori informazioni, tra cui un dettagliato vademecum su come cambiare correttamente l’aria in classe, si può consultare il progetto Aria viziata a scuola.

sa

NEWSLETTER

Alto Adige3 ore fa

Strage di Lutago, indagine quasi conclusa. Il 28enne pusterese rischia fino a 18 anni

Alto Adige6 ore fa

I Comuni si informano sull’accesso ai fondi del PNRR

Ambiente Natura6 ore fa

Bacini montani: messa in sicurezza di Tarces dalle inondazioni

Alto Adige6 ore fa

Digitalizzazione, nuove prospettive per l’educazione degli adulti

Alto Adige20 ore fa

Castelrotto: perde il controllo della macchina e finisce nel giardino di una casa

Alto Adige23 ore fa

Alto Adige, l’analisi della Asl: “La vaccinazione protegge da un decorso grave della malattia”

Politica24 ore fa

Convegni a Bolzano, Urzì accusa: “Il Centro per la Pace dà spazio all’Islam più oscurantista”

Bolzano1 giorno fa

Trovata con la droga, aggredisce il padre e la polizia. Giovane arrestata a Bolzano con più di un chilo di marijuana

Bolzano1 giorno fa

Hashish, cocaina e più di 6mila euro in contanti: spacciatore nordafricano arrestato a Bolzano

Alto Adige1 giorno fa

Dati Covid 24 gennaio: 59 positivi da PCR e 1.166 da test antigenici. Due decessi

Sport1 giorno fa

FC Südtirol espugna il campo della Pergolettese: al Voltini di Crema finisce 2:0

Bolzano1 giorno fa

Camino prende fuoco in via Merano: intervengono i pompieri

Alto Adige1 giorno fa

Garavaglia in Alto Adige: turismo sostenibile, chance da sfruttare

Valle Isarco1 giorno fa

In fiamme un appartamento a Barbiano: una persona intossicata

Bolzano2 giorni fa

Coronavirus: 2 decessi e 1.753 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Alto Adige

Alto Adige2 settimane fa

Indennità per i pendolari, in corso la revisione del sistema

Sport4 settimane fa

Foxes all’ultimo match casalingo del 2021: al Palaonda arriva l’Innsbruck

Alto Adige4 settimane fa

Bolzano, i problemi cardiaci gli impediscono di lavorare. Crowdfunding per Giancarlo

Società4 settimane fa

Messa di Natale, Muser: “Un Natale per ritrovare il senso di comunità”

Politica3 settimane fa

Il comandante degli Alpini da Kompatscher: Protezione civile e Covid

Sport4 settimane fa

I Foxes perdono a Villach: il VSV si impone per 4 a 3 all’overtime

Alto Adige3 settimane fa

Incidente con due macchine coinvolte in Valle Isarco: intervengono i vigili del fuoco

Alto Adige4 settimane fa

Val Badia: auto cade in un fossato. Vigili del fuoco in intervento

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: oggi 3 gennaio 39 casi positivi da PCR e 404 test antigenici, un decesso

Alto Adige3 settimane fa

Labers: cede il freno a mano e la macchina precipita. Salvo il cagnolino rimasto intrappolato all’interno

Bolzano4 settimane fa

Minaccia i passanti con forbici e martello: straniero bloccato in centro a Bolzano

Alto Adige4 settimane fa

Alto Adige, arrivano i kit per gli autotest degli alunni durante le vacanze di Natale

Bolzano2 settimane fa

Coronavirus: 1.361 contagi e un decesso nelle ultime 24 ore in Alto Adige

Merano3 settimane fa

Il conducente sbanda e distrugge l’automobile all’uscita di Postal

Merano4 settimane fa

Esce di strada sulla provinciale fra Marlengo e Cermes: intervengono i vigili del fuoco

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le…

Il 2022 ribattezzato “l’anno dei weekend lunghi”: quali giorni approfittare per una gita fuori porta

Per gli amanti dei viaggi e delle gite fuori porta, il 2022 è stato ribattezzato come “ l’anno dei weekend lunghi”. Infatti, nei prossimi 12 mesi…

Alpe Cimbra: il drago nato da Vaia è già un #must da vedere

La Tempesta Vaia che ha colpito il nord Italia e l’arco alpino alla fine del 2018 ha lasciato senza ombra di dubbio enormi cicatrici su tutto…

Archivi

Categorie

Benessere Economico

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.benessereconomico.it/feed`; the status code is `200` and content-type is `text/html`

di tendenza