Connect with us

Merano

Merano: valorizzate le antiche mura cittadine

Pubblicato

-

Pochi giorni fa sono terminati i lavori per la valorizzazione del tratto delle antiche mura cittadine venute alla luce nel 2017 durante i lavori di scavo effettuati accanto al castello Principesco.

Il progetto è stato illustrato oggi nel corso di una conferenza stampa svoltasi davanti al maniero alla presenza del sindaco Paul Rösch.

Per valorizzare l‘importanza storico-architettonica del Castello Principesco, nella primavera del 2017 l’amministrazione comunale aveva fatto risistemare il parco del maniero.

Pubblicità
Pubblicità

Durante i lavori era venuto alla luce un tratto delle antiche mura cittadine e la Giunta comunale, avendo deciso di conservare il ritrovamento, aveva incaricato una ditta specializzata di intervenire, sotto la stretta sorveglianza dell’Ufficio provinciale Beni archeologici, per renderlo completamente visibile.

La conservazione di questo tratto delle antiche mura cittadine è solo una parte della nostra visione intesa a valorizzare maggiormente il castello e l’area circostante, che dovrà rimanere possibilmente off limits per le auto. Quando saranno state completate la circonvallazione nordovest e l’autorimessa in caverna, il Castello Principesco sarà il biglietto da visita di Merano per molti ospiti che arriveranno in città“, ha spiegato il sindaco Paul Rösch.

Peraltro – ha fatto osservare il primo cittadino – il tracciato delle mura appare meglio documentato, in virtù di testimonianze iconografiche e scavi archeologici, per quanto attiene ai lati sud e ovest, mentre più incerta è la situazione dei lati nord ed est. L’unico punto in cui alcuni resti delle mura sono lasciati a vista si trova qui, a ridosso del castello Principesco“.

Secondo i piani elaborati dallo studio di architettura Höller & Klotzner le mura cittadine sono state circoscritte da una cornice metallica che ha la funzione di separare il sito dallo spazio antistante e dal parco e allo stesso tempo di esaltare i reperti murari.

In prossimità dell’accesso al municipio la cornice si abbassa dal livello del terreno fino alla profondità dello scavo formando gradoni che possono essere fruiti come sedute.

In direzione del parco la cornice metallica si apre invece in una gradinata che si inserisce gradualmente e in modo armonioso nel tappeto erboso del parco.

Il nostro compito – ha spiegato l’architetto Georg Klotzner – era quello di musealizzare i resti delle vecchie mura di cinta, cioè di metterli in scena in modo che si integrassero naturalmente nel paesaggio urbano, ma che venissero percepiti come qualcosa di speciale“.

I lavori sono stati eseguiti dalla ditta Bettega Ennio Srl di Imèr (Trento). La spesa è stata di 260.000 euro.

Le mura risalgono al XIII° secolo

La città di Merano ebbe la sua origine in epoca medievale come centro di mercato voluto dai conti di Tirolo. Fu presto dotata di mura e di porte d’accesso.

La parziale decadenza economica della città nel corso del Cinquecento, dovuta alla perdita d’importanza sul piano politico e militare, impedirono l’ampliamento e l’adeguamento delle mura alle mutate esigenze di difesa della nuova epoca.

Più volte manomesse nel corso dei secoli successivi, le mura furono in buon parte definitivamente abbattuta nel corso dell’Ottocento, nell’ambito di lavori di adeguamento edilizio o stradale. Se ne conservano i resti interrati in diverse zone della città.

Ulteriori informazioni sulle mura

La presenza di mura perimetrali è la premessa perché un centro abitato possa definirsi città. Quando siano state edificate le mura cittadine meranesi è ancora poco chiaro.

Ma di certo dovevano essere state ultimate quando venne emanato il primo ordinamento del 1317. Le mura avevano un spessore di un metro e mezzo e un’altezza di circa sei metri.

Originariamente Merano era dotata di quattro porte di accesso: porta Venosta, porta Passiria, Porta Bolzano e Porta Ultimo o Marlengo. Di queste, tre sono state conservate fino a oggi, la Porta Ultimo invece è stata demolita dopo la realizzazione della nuova stazione ferroviaria nel 1881, per poter trasformare corso Libertà nella strada principale di accesso alla città.

La posizione delle mura a sud e a ovest è stata ricostruita grazie a scavi e a immagini storiche: grossomodo le mura correvano lungo corso Libertà e via delle Corse.

La loro esatta posizione a nord, e soprattutto a est, è per certi versi ancora misteriosa. Il lato nord probabilmente congiungeva Porta Venosta con il Castello Principesco e proseguiva da lì a nord dei portici fino al Duomo.

Non è dato al momento sapere se fossero chiuse fino alla Porta Passiria, anche perché in questa zona le pendici di monte Benedetto sono così ripide da costituire di per sé una difesa naturale. Come le mura collegassero Porta Passiria a Porta Bolzano rimane un’altra questione irrisolta.

Degno di nota è il fatto che le Porte cittadine vennero ristrutturate o alzate nella seconda metà del 15° secolo, ovvero nel periodo in cui l’arciduca Sigismondo fece ampliare il Castello Principesco.

Le mura, nel corso dei secoli, vennero più volte distrutte dalle esondazioni del Passirio e dovettero essere ricostruite.

Con la comparsa della moderna artiglieria anche a Merano le mura difensive divennero obsolete e, come è avvenuto nella maggior parte delle città europee, furono abbattute o integrate in nuove costruzioni.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]
  • Arriva la mascherina dotata di purificatore d’aria inossidabile
    L’arrivo dell’autunno e il possibile aumento dei contagi dimostra che l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, primo fra tutti l’utilizzo della mascherina, rimarrà in vigore ancora per un tempo ancora non del tutto definito. Per questo motivo, arriva un’alternativa alle mascherine usa e getta dotata di purificatore d’aria inossidabile. La nuovissima “Puricare Wearable Air Purifier” […]

Categorie

di tendenza