Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Mercato del lavoro in ripresa nel semestre estivo 2021

Pubblicato

-

L’Osservatorio del mercato del lavoro provinciale ha presentato il Rapporto sul mercato del lavoro dell’Alto Adige 2021/2. Il periodo da maggio a ottobre 2021 ha fatto registrare un aumento record dell’occupazione pari al 4,3 per centorispetto agli ultimi 23 semestri estivi. Tuttavia, se le cifre vengono confrontate con il periodo pre-pandemico maggio-ottobre 2019, l’aumento ammonta solo allo 0,2 per cento con un calo del 3,3 per cento nel settore dell’ospitalità. La crescita è quindi classificata al livello arancione.

I dati e le cifre dell’ultimo rapporto sul mercato del lavoro sono stati presentati oggi (13 dicembre) al Palazzo provinciale 1 di Bolzano dall’assessore provinciale, Philipp Achammer, e dal direttore della Ripartizione provinciale lavoro, Stefan Luther. Il rapporto fornisce risposta alla domanda se le perdite occupazionali causate dalla pandemia – in termini di occupazione dipendente – sono state recuperate e se è stato raggiunto un ritorno alla normalità. A questo scopo, i dati attuali sono stati per la prima volta confrontati non con quelli del periodo dell’anno precedente, ma con il periodo pre-pandemico del 2019.

Secondo l’assessore Achammerla normalità – ossia il livello di occupazione del periodo pre-pandemico – è stata raggiunta quasi ovunque“. E’ stata la crescita, e non in assoluto il livello del mercato del lavoro, ad aver fatto registrare valori al di sotto di quanto visto fino al 2019, ha detto. Achammer ha sottolineato che la disoccupazione è tornata quasi al livello del 2019, ma i gruppi di popolazione più in difficoltà nell’inserimento lavorativo non hanno beneficiato dell’accresciuta domanda di forza lavoro. In particolare secondo Achammer “un’attenzione speciale deve essere prestata ai disoccupati più anziani e a quelli di lunga durata, così come ai lavoratori a tempo determinato” ha detto. Questi ultimi sono stati coloro che hanno pagato le conseguenze più gravi del periodo pandemico. L’assessore provinciale Achammer ha anche sottolineato come la “carenza di lavoratori qualificati abbia colpito in modo consistente l’Alto Adige“. Quindi, anche in vista dello sviluppo demografico futuro, “l’immigrazione qualificata a lungo termine sarà necessaria se vogliamo mantenere il livello dei servizi e della produzione”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Compensato il calo occupazione dovuto alla pandemia

L’assessore provinciale ha affermato che il mercato del lavoro altoatesino è diviso in due parti: mentre i settori non stagionali sono molto solidi, la ripresa nel turismo è stata accidentata. Gli impiegati e i lavoratori stagionali sono particolarmente colpiti dalla crisi: “Il turismo è cresciuto continuamente in passato e ha offerto sicurezza. Ora c’è una mancanza di lavoratori qualificati sul mercato del lavoro per questo settore”. Achammer ha anche riferito che gli apprendistati tradizionali hanno visto un calo del 3,1 per cento rispetto all’estate 2019. Ma, ha aggiunto, si sta lavorando a nuove misure per tornare a crescere anche qui.

Barometro dell’occupazione sull’arancione

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

I dettagli sono stati illustrati dal direttore del dipartimento Luther il quale ha affermato che nel semestre estivo 2021, il livello di occupazione del semestre estivo pre-pandemico 2019 è stato raggiunto nuovamente in quasi tutti i settori. L’aumento dello 0,2 per cento dei dipendenti rispetto al 2019 è stato inferiore alla media a lungo termine e la ripresa è stata più esitante rispetto al 2012 e al 2013, ha detto. “Per garantire l’equilibrio a lungo termine, è necessaria una crescita dell’1 per cento” ha detto Luther. Se il valore è inferiore all’uno per cento, è troppo poco. Pertanto, la lancetta del barometro punta all’arancione, anche se è stata registrata una crescita record del 4,3 per cento rispetto al semestre estivo 2020.

I dati mostrano che l’impatto della pandemia ha avuto ripercussioni principalmente a carico dei lavoratori a tempo determinato. Rispetto al 2019, il numero di contratti a tempo determinato è diminuito del 4,5 per cento. Nei soli settori turismo e agricoltura, dell’1,5 per cento. Luther attribuisce l’aumento del 2,0 per cento (+3129) dei contratti a tempo indeterminato nella maggior parte dei settori al “Decreto Dignità” varato dal Governo, il cui effetto sta però per finire. “Nei prossimi mesi, l’Osservatorio del mercato del lavoro provinciale indagherà sul presunto effetto Covid a favore dei contratti a tempo indeterminato ha annunciato Luther.

Semestre invernale: attesa un’ulteriore normalizzazione

I primi dati del semestre invernale (novembre e i primi giorni di dicembre 2021) mostrano che la situazione sul mercato del lavoro altoatesino continua a normalizzarsi. I livelli di occupazione sono superiori a quelli del 2019; questo vale anche per il settore ricettivo e la ristorazione. “Il prolungamento delle vacanze autunnali ha portato, ad esempio, oltre 150 posti di lavoro in più in Val Passiria a novembre rispetto al 2019″, ha sottolineato il direttore della Ripartizione Lavoro Luther. Negli ultimi dieci anni, si è registrato un aumento di 470 posti di lavoro per il mese di novembre in Val Passiria (da 290 a 760).

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Questo significa anche, ha detto, che sfide già note sono tornate: carenza di manodopera e mancanza di lavoratori qualificati, in parallelo disoccupazione. In questo contesto, Luther ha sottolineato che una notevole tendenza al turnover sui posti di lavoro, con cambi anche frequenti, è stata evidente per anni. Finora, tuttavia, non c’è stata un’ulteriore intensificazione della mobilità tra i settori. Molto sentita dai datori di lavoro è invece la carenza di potenziale di lavoro da manodopera locale. “Possiamo supporre che la politica attiva del mercato del lavoro sarà fortemente sfidata a fornire sufficientemente le aziende con lavoratori qualificati – anche dalla platea degli ex disoccupatiha sottolineato Luther.

La sfida della garanzia di occupabilità

In conclusione l’assessore provinciale Achammer ha sottolineato le particolari sfide che l’Alto Adige deve affrontare in relazione alla “Garanzia di Occupabilità” (GOL: Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori). Questo pacchetto di misure – che l’Italia rende obbligatorio per le politiche del lavoro di tutte le amministrazioni pubbliche delle Regioni e delle Province autonome – significa una sfida considerevole per l’amministrazione del mercato del lavoro altoatesino. “Non c’è alternativa a una politica attiva del mercato del lavoro“, ha detto l’assessore provinciale, riferendosi al documento strategicoPolitica attiva del mercato del lavoro 2020-24″ approvato dal governo provinciale, che è “ora in fase di attuazione passo dopo passo“. In questo documento, la Giunta provinciale e le parti sociali si impegnano e danno priorità a strumenti attivi, come il rafforzamento dei servizi di collocamento e la creazione di un servizio per i datori di lavoro. Questo è l’unico modo per affrontare i problemi molto specifici del mercato del lavoro altoatesino, ha sottolineato l’assessore provinciale.

InformazioniRapporto sul mercato del lavoro maggio-ottobre 2021
Mercato del lavoro News “2021: ritorno alla normalità?”

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Alto Adige8 ore fa

La Giunta provinciale ha approvato il contratto di servizio e il piano delle attività e d’investimento di NOI Spa per il 2022

Alto Adige8 ore fa

Il presidente della Provincia alla commemorazione di Falcone e Borsellino: «La mafia ci riguarda tutti»

Ambiente Natura8 ore fa

Parco Vedrette di Ries Aurina: giovani al lavoro per ravvivare i prati

Alto Adige8 ore fa

I viaggiatori “riscrivono” gli orari di autobus e treni

Vita & Famiglia10 ore fa

CEI. Pro Vita Famiglia: Buon lavoro al Cardinale Zuppi per la difesa della Vita e della Famiglia

Politica10 ore fa

Dipendenti nelle case di riposo: servono finalmente soluzioni sostanziali, invece di pura politica simbolica

Arte e Cultura11 ore fa

Artist Club, cambio al vertice dell’associazione: Davide Mariotti è il nuovo presidente

Alto Adige11 ore fa

Coronavirus: 13 casi positivi da PCR e 299 test antigenici positivi

Bressanone13 ore fa

Studio teologico accademico: a Bressanone i diplomi di fine anno

Bolzano14 ore fa

Ladri rubano in un asilo di Appiano, aperte le indagini

Arte e Cultura14 ore fa

Escursione nella Valle dell‘arte: il Museum Ladin organizza l’evento “Natura, arte e cultura”

Scienza e Cultura15 ore fa

Passeggiata sul bordo di un antico vulcano: la caldera di Bolzano

Alto Adige15 ore fa

Digitalizzazione e sostenibilità nella produzione: evento di settore al NOI Techpark sul lavoro del futuro

Bolzano15 ore fa

Twenty: domenica movimentata, la Polizia arresta due stranieri

Valle Isarco17 ore fa

Barbiano, violento scontro tra un autobus e due auto: due feriti trasportati in ospedale

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, alla fermata dell’autobus trovato il corpo senza vita di un 60enne

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 8 casi positivi da PCR e 124 test antigenici positivi

Alto Adige3 settimane fa

Coronavirus: 45 casi positivi da PCR e 496 test antigenici positivi

Bolzano3 settimane fa

Il Lido di Bolzano riapre al pubblico sabato 21 maggio: tariffe invariate

Bolzano3 settimane fa

Bolzano, sgomberato uno stabile in disuso: tunisino aggredisce 4 agenti, arrestato

Sport3 settimane fa

Biglietti FC Südtirol – Modena. Le modalità di acquisto dei ticket per gara-3 della Supercoppa di Serie C 2022

Musica4 settimane fa

Bolzano Festival Bozen 2022 «Musica senza confini»

Merano3 settimane fa

Referendum abrogativi popolari del 12 giugno 2022

Alto Adige2 settimane fa

Coronavirus: tre i nuovi decessi, inoltre14 casi positivi da PCR e 536 test antigenici positivi

Benessere e Salute3 settimane fa

Come avviene un richiamo di prodotti alimentari? Mangiare, bere ed altre delizie: lo sapevate che…?

Alto Adige2 settimane fa

Bolzano: controlli della Polizia di Stato nel capoluogo, un denunciato per detenzione di cocaina e due espulsioni

Bolzano1 settimana fa

Eroina e kit per lo spaccio: coppia arrestata a Don Bosco dalla Polizia

Italia ed estero4 settimane fa

Stop al canone RAI in bolletta. Cosa cambia dal 2023?

Vita & Famiglia3 settimane fa

DDL Zan. Coghe, Pro Vita Famiglia: emergenza omofobia è fake news

Società4 settimane fa

Anziani: Deeg ha incontrato il direttivo dell’Associazione pensionati

Archivi

Categorie

di tendenza