Connect with us

Politica

Nicolini (M5S): “Ma chi governa la provincia in campo economico ha mai condotto una azienda?”

Pubblicato

-


Potrebbe sembrare una questione marginale, ma restituisce la misura dell’improvvisazione e del dettaglio che quando si prendono decisioni in campo aziendalistico, in particolare verso gli imprenditori che contribuiscono a gran parte delle entrate fiscali, sembra che il decisore politico non abbia idea di come funziona il processo decisionale e quali siano le priorità nel sistema delle aziende private“.

Queste le parole del consigliere provinciale del MoVimento 5 Stelle, Diego Nicolini, che sottolinea:

Quando il provvedimento che prevedeva fino a 10.000 euro a fondo perduto per le micro aziende fino a 5 dipendenti era in trattazione presso la commissione competente, il sottoscritto e per la verità anche altri componenti delle opposizioni, avevano raccomandato di modificare i criteri proprio nel modo in cui vorrebbero cambiarli adesso.

Con l’ormai consueta arroganza di chi nella commissione economia fa parte della coalizione di maggioranza in consiglio provinciale, ci avevano risposto che si deve fare come era stato da loro previsto adducendo varie motivazioni, tra le quali, che si doveva limitare la platea altrimenti alcuni avrebbero potuto approfittarne.

Adesso, a chiusura dell’esercizio finanziario, ci si accorge di aver fatto un pasticcio e di non aver valutato quello che per chiunque avesse avuto un minimo di esperienza sul campo era già emerso come il punto di criticità dell’intera questione: la restituzione di un contributo comunque concesso a fondo perduto che a posteriori sembra invece legato alla realizzazione di una condizione futura che comunque non era prevedibile al momento della richiesta. Un pasticcio, prima che semantico, di logica e di politica.

A distanza di mesi il messaggio alle aziende da parte di questa classe politica è chiaro e devastante: ‘anche se non avete i presupposti per ricevere i contributi, fate domanda egualmente, in quando le regole possono cambiare in corso d’opera e non disperate se poi dovete restituire quanto avete richiesto senza averne titolo, in quanto si troverà sempre una soluzione’.

In una fase dove si richiede sempre più l’autocertificazione, la digitalizzazione delle richieste e dei flussi informativi e quindi si punta alla sburocratizzazione come cardine per lo sviluppo, non a caso uno dei punti fondanti sul quale sta spingendo l’attuale programma di governo nazionale ed in particolare dal M5S, si richiede che alla base ci siano criteri chiari e ponderati ed una nuova responsabilità, anche aziendale, che tramite la digitalizzazione dei processi, in particolare la fatturazione elettronica ma non solo, permette di avere sempre la situazione sotto controllo“.

E ancora: “Particolarmente ambigua è la posizione di Lanz che, mentre il sottoscritto ed altri della minoranza (in particolare il Team K) sostenevamo le posizioni che adesso lui stesso sta prendendo, in commissione difendeva il provvedimento e sosteneva che era giusto restituire ed addirittura ‘punire’ con un interesse chi avesse chiesto questo contributo pur non avendone i requisiti o non prevedendone le conseguenze.

Nello scorso novembre Lanz, quando oramai il difetto era venuto a galla, mi dileggiava anche chiedendomi se io avessi una sfera di cristallo e ad aprile ero capace di vedere il futuro, quando era evidente che i criteri da loro decisi erano fatti male.

Nel caso particolare non ci sentiamo nemmeno di condividere le posizioni di Renzler, in quanto è fuori luogo parlare di speculazione se chi ha chiesto un contributo poi si ritrova con una situazione di mercato o congetturale migliore rispetto a quella prospettata. È nel DNA di un piccolo imprenditore fare sacrifici per poter sopravvivere massimizzando tutte le opportunità a disposizione in un periodo di crisi generalizzata. Compito dell’amministrazione pubblica è dare incentivi con regole certe e ponderate.

In realtà, come al solito, è successo quello che sembra un eterno loop all’interno della maggioranza: si parte con una posizione, probabilmente preconfezionata dall’apparato amministrativo interno, salvo poi accorgersi che il mondo reale del commercio e dell’imprenditoria è totalmente differente.

Quelli che dovrebbero essere contributi della minoranza vengono sempre declassati ad inutili e superflui. Auspico che in un futuro si prendano con più serietà e meno arroganza le proposte che nascono da chi conosce il mondo dell’aziende, anche dall’interno“,  conclude Nicolini.

NEWSLETTER

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]

Categorie

di tendenza