Connect with us

Alto Adige

Scuola italiana, dal 9 novembre integrata la didattica a distanza

Pubblicato

-


La nuova ordinanza provinciale in vigore da ieri (21 ottobre) prevede, tra le varie misure, anche l’adozione della didattica a distanza nelle scuole superiori per un 30% sulle ore totali, oltre ad ingressi e uscite scaglionate. Questa maggiore integrazione della didattica a distanza partirà nelle scuole italiane, presumibilmente, dal prossimo 9 novembre, al rientro in aula degli studenti dalla settimana di vacanza prevista dal calendario scolastico.

Questa nuova disposizione non crea grandi disagi nelle scuole in lingua italiana – spiega l’assessore Giuliano Vettoratolo scaglionamento di ingressi ed uscite, infatti, era stato già adottato sin dall’inizio delle lezioni il 7 settembre, in accordo con l’Ufficio trasporti. Per quanto riguarda invece la didattica, grazie all’esperienza dello scorso anno scolastico e al lavoro organizzativo svolto durante la pausa estiva, le scuole prevedono già la possibilità di integrare la didattica in presenza con quella a distanza e quindi sarà sufficiente una revisione parziale degli orari, a cui si sta lavorando“.

Per fare in modo che i ragazzi possano frequentare senza intoppi anche le lezioni da remoto, inoltre, i dirigenti invitano le famiglie a segnalare alle segreterie scolastichel’eventuale mancanza di dispositivi elettronici (computer, portatili, ecc.).

Pubblicità
Pubblicità

Ricordiamo – aggiunge il Sovrintendente Vincenzo Gullottache la scelta di aumentare la quota di didattica digitale integrata è dovuta alla volontà di tutelare gli studenti e il personale scolastico e di ostacolare la diffusione del virus“.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza