Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Violazioni tra piccoli party e partite di gruppo, i Carabinieri: “Non sono tutti così, ma controlli più difficili di prima”

Pubblicato

-

I carabinieri di tutta la provincia di Bolzano sono ancora molto impegnati a far rispettare le prescrizioni provinciali e statali per il contenimento della COVID-19, ma i controlli ora sono più difficili di prima.

Secondo quanto riporta ufficialmente l’Arma, quando infatti il “lockdown” era totale, era più facile controllare le persone per la strada, specialmente la domenica e i festivi quando a lavorare erano in pochi e i supermercati chiusi. Ora si verifica l’opposto, da quando è possibile svolgere attività all’aria aperta per le strade c’è un brulichio di persone e non è facile controllare in maniera mirata chi è in fallo. I tanto agognati e invocati senso di responsabilità e autodisciplina dei cittadini non si sono appalesati appieno, come prevedibile.

Si legge in una nota dell’Arma: “È anche vero che come quelli che non indossano le cinture in auto sono una piccolissima parte degli automobilisti, quelli che non rispettano le norme “anti-COVID” sono una piccolissima parte dei cittadini. Ma purtroppo ci sono.

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

E danno nell’occhio. Specie nell’era digitale degli smartphone con cinque fotocamere da 108 megapixel… E così fioccano tam-tam video-fotografici su app di messaggistica, post sui social e – quando va bene – chiamate al 112.

Chiamate che però, va detto, non sempre sono corrette e non sempre sono veritiere, con forse in qualche caso anche un pizzico di dolo. Come quel Torquemada che ha denunciato un assembramento intorno al barbecue del vicino di casa costringendo i carabinieri ad andare a verificare (perché i carabinieri e le altre forze dell’ordine verificano sempre) salvo poi scoprire che erano tutti famigliari.

E un’altra doverosa precisazione va fatta, anche rispondere a quella lettrice che si è rivolta alla rubrica del direttore di un noto quotidiano esprimendo dubbi sull’operato delle pattuglie che intervengono nei luoghi dove le persone sogliono passeggiare o come è di moda dire ora “svolgere attività motoria”: l’agente accertatore non ha l’obbligo giuridico di contestare la violazione.

Pubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità - La Voce di Bolzano

Questo è un importante elemento che gli permette un approccio serio e graduale alle situazioni, e non bacchettone e ingessato. La Suprema Corte di Cassazione in diverse occasioni ha sancito che (salvo casi di dolo o interesse) non commette reati di omissione o rifiuto il pubblico ufficiale che non procede a sanzionare una violazione amministrativa. Nel dubbio sarà meglio colpire impietosamente oppure lasciar correre magari con indicazioni su come rispettare al meglio le norme? Non dicevano forse i latini in dubio pro reo?

Per lo meno quando si può, quanto la violazione non è intenzionale.

Diverso è quando non solo si viola la norma ma si usa anche arroganza e maleducazione verso altre persone. Lo sa bene un giovane poco educato con naso e bocca scoperti che (domenica) ha ricoperto d’insulti un uomo che glielo aveva fatto notare. L’uomo non ci è stato e ha chiamato i carabinieri. Per il ventenne sgarbato sanzione doppia dato che era recidivo.

Ma la mala educazione e la riottosità di certe persone è ormai diffusa. Una guardia giurata ha chiamato (domenica) i carabinieri perché presso un ospedale dei parenti si accalcavano in sala d’attesa pur essendo un paio di mesi abbondanti che viene detto in tutte le lingue che non ci si deve assembrare nelle sale d’attesa dei pronto soccorso. Per fortuna (loro) all’arrivo dei militari si è scoperto che gli assembrati erano tutti conviventi e comunque si sono allontanati.

La sanzione rimane sempre l’extrema ratio. Se il soggetto si allinea alla regola allora sanzionarlo diventa eccessivo. Aveva fatto notizia qualche settimana fa il numero molto elevato di sanzioni tutte insieme, tutte lungo la stessa via e tutte a negozianti. I negozianti si erano lamentati, avevano però dimenticato di dire che il dì delle sanzioni era il terzo che i carabinieri erano passati. Il primo giorno, a norma appena introdotta, avevano informato, il secondo avevano sollecitato e il terzo hanno sanzionato. Dopotutto il carabiniere non è una balia e non va in giro a farsi prendere in giro.

E non fanno nemmeno gli arbitri o gli spettatori. Se gli sport di squadra sono vietati significa che palle e palloni dovrebbero rimanere a casa. Tra domenica e lunedì sono stati sanzionati ben 29 tra calciatori e pallavolisti. I carabinieri, su segnalazione in un caso degli abitanti del luogo e nell’altro di un passante, sono infatti intervenuti per interrompere due partite tra amici, in un caso con tanto di maglie di colori diversi per le due squadre…

Inevitabili le sanzioni, date con dispiacere, specialmente ai giocatori minorenni, perché è anche comprensibile che i giovani vogliano sgranchirsi le gambe dopo due mesi “al palo” o “ai domiciliari” e perché poi ai minori le sanzioni le pagano i genitori, magari già afflitti da attività lavorativa chiusa o ridotta. Ma è di tutta evidenza che contendersi una palla marcandosi stretti e col fiatone può essere una pericolosissima condotta contagiosa.

Ultimi, in ordine cronologico, stanotte, su segnalazione di alcuni cittadini che sentivano musica e schiamazzi, alcune pattuglie hanno interrotto due assembramenti di giovani, peraltro nemmeno molto distanti tra loro. Nel primo caso una festa da ballo in piena regola con musica e bevande.

Nel secondo, ormai in piena notte, urla, risate e chiacchiere nel cortile di una scuola (peraltro rimane da capire se fossero autorizzati o meno). In entrambi i casi alcuni furbetti sono riusciti ad allontanarsi prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. In totale sono stati sanzionati nove ragazzi, di cui alcuni anche minorenni, tra le 00.40 e le 03.30“.

(e.c.)

 

NEWSLETTER

Alto Adige12 ore fa

PNRR: linee guida per la riorganizzazione dell’assistenza sanitaria

Alto Adige12 ore fa

La rete del trasporto pubblico diventa più fitta: i nuovi orari in vigore da domenica 11 dicembre

Ambiente Natura12 ore fa

Il centro di riciclaggio di Termeno verrà spostato in una nuova sede fuori dal centro abitato

Alto Adige12 ore fa

Autobus transfrontaliero da Malles a Val Monastero: la Giunta provinciale ha prorogato per un altro anno l’accordo per il servizio

Alto Adige12 ore fa

Ponte dell’Immacolata, traffico e neve: appello dell’assessore Schuler

Politica12 ore fa

Fugatti: grazie all’unità tra Trento e Bolzano otteniamo risultati importanti per il nostro territorio

Musica12 ore fa

Concerto di Natale: «Merano Pop Symphony Orchestra & Red Canzian»

Sport13 ore fa

FC Südtirol: infrasettimanale in casa del Genoa

Val Pusteria13 ore fa

Ancora una volta viene penalizzata la classe media

Vita & Famiglia13 ore fa

LGBT. Pro Vita Famiglia: UE vuole imporre l’utero in affitto

Scienza e Cultura13 ore fa

L’importanza dei microrganismi per la biodiversità

Alto Adige15 ore fa

A22: via libera del Ministero per 7,5 miliardi di euro di investimenti

Italia ed estero18 ore fa

Terribili minacce di morte contro la Premier Meloni: “Se togli il reddito di cittadinanza ammazzo te e tua figlia”

Italia ed estero19 ore fa

Droni ucraini colpiscono basi aeree russe, Cremlino: “Reagiremo agli attacchi”

Arte e Cultura20 ore fa

Storia e tradizione del mito di San Nicolò

Bolzano2 settimane fa

Tragico incidente a Bolzano: donna muore investita da un camion

Ambiente Natura3 settimane fa

Zone a rischio: due terzi dei Comuni dotati di un piano valido

Bolzano3 settimane fa

Bolzano: sanzionate due discoteche per irregolarità

Bolzano2 settimane fa

Ennesimo incidente grave in piazza Mazzini: Fratelli d’Italia aveva già segnalato la pericolosità dell’incrocio

Alto Adige1 settimana fa

Il Servizio strade è pronto per le imminenti nevicate

Alto Adige4 settimane fa

Escursioniste incontrano un branco di lupi in Val d’Ultimo: li allontana solo l’arrivo dell’elicottero

Bressanone2 settimane fa

Bressanone: 229 tonnellate di indumenti usati all’anno sono troppe per indumenti di qualità

Alto Adige1 settimana fa

La Provincia cerca ispettori amministrativi, domande entro il 20 dicembre

Bolzano2 settimane fa

Maxi operazione antidroga della Squadra Mobile: 25 arresti -IL VIDEO

Bolzano1 settimana fa

Inquinamento, dal 1 gennaio 2023 a Bolzano scattano i divieti anche per i diesel Euro 3

Bolzano4 giorni fa

Bolzano: arrestato sul treno un giovane per furto aggravato

Alto Adige1 settimana fa

Bonus bollette: domande dal 1° dicembre 2022 sino al 31 marzo 2023

Bolzano7 giorni fa

Bolzano, individuato il ladro di abiti firmati grazie alle telecamere: espulso un tunisino irregolare

Bolzano3 giorni fa

Bolzano: arrestati un moldavo e un italiano per spaccio di stupefacenti

Politica2 settimane fa

Violenza tra minori, revocare gli alloggi sociali in conseguenza di reati che destano allarme sociale, mozione di Galateo (FdI) in Provincia

Archivi

Categorie

di tendenza