Connect with us

Alto Adige

Violazioni tra piccoli party e partite di gruppo, i Carabinieri: “Non sono tutti così, ma controlli più difficili di prima”

Pubblicato

-

I carabinieri di tutta la provincia di Bolzano sono ancora molto impegnati a far rispettare le prescrizioni provinciali e statali per il contenimento della COVID-19, ma i controlli ora sono più difficili di prima.

Secondo quanto riporta ufficialmente l’Arma, quando infatti il “lockdown” era totale, era più facile controllare le persone per la strada, specialmente la domenica e i festivi quando a lavorare erano in pochi e i supermercati chiusi. Ora si verifica l’opposto, da quando è possibile svolgere attività all’aria aperta per le strade c’è un brulichio di persone e non è facile controllare in maniera mirata chi è in fallo. I tanto agognati e invocati senso di responsabilità e autodisciplina dei cittadini non si sono appalesati appieno, come prevedibile.

Si legge in una nota dell’Arma: “È anche vero che come quelli che non indossano le cinture in auto sono una piccolissima parte degli automobilisti, quelli che non rispettano le norme “anti-COVID” sono una piccolissima parte dei cittadini. Ma purtroppo ci sono.

Pubblicità
Pubblicità

E danno nell’occhio. Specie nell’era digitale degli smartphone con cinque fotocamere da 108 megapixel… E così fioccano tam-tam video-fotografici su app di messaggistica, post sui social e – quando va bene – chiamate al 112.

Chiamate che però, va detto, non sempre sono corrette e non sempre sono veritiere, con forse in qualche caso anche un pizzico di dolo. Come quel Torquemada che ha denunciato un assembramento intorno al barbecue del vicino di casa costringendo i carabinieri ad andare a verificare (perché i carabinieri e le altre forze dell’ordine verificano sempre) salvo poi scoprire che erano tutti famigliari.

E un’altra doverosa precisazione va fatta, anche rispondere a quella lettrice che si è rivolta alla rubrica del direttore di un noto quotidiano esprimendo dubbi sull’operato delle pattuglie che intervengono nei luoghi dove le persone sogliono passeggiare o come è di moda dire ora “svolgere attività motoria”: l’agente accertatore non ha l’obbligo giuridico di contestare la violazione.

Questo è un importante elemento che gli permette un approccio serio e graduale alle situazioni, e non bacchettone e ingessato. La Suprema Corte di Cassazione in diverse occasioni ha sancito che (salvo casi di dolo o interesse) non commette reati di omissione o rifiuto il pubblico ufficiale che non procede a sanzionare una violazione amministrativa. Nel dubbio sarà meglio colpire impietosamente oppure lasciar correre magari con indicazioni su come rispettare al meglio le norme? Non dicevano forse i latini in dubio pro reo?

Per lo meno quando si può, quanto la violazione non è intenzionale.

Diverso è quando non solo si viola la norma ma si usa anche arroganza e maleducazione verso altre persone. Lo sa bene un giovane poco educato con naso e bocca scoperti che (domenica) ha ricoperto d’insulti un uomo che glielo aveva fatto notare. L’uomo non ci è stato e ha chiamato i carabinieri. Per il ventenne sgarbato sanzione doppia dato che era recidivo.

Ma la mala educazione e la riottosità di certe persone è ormai diffusa. Una guardia giurata ha chiamato (domenica) i carabinieri perché presso un ospedale dei parenti si accalcavano in sala d’attesa pur essendo un paio di mesi abbondanti che viene detto in tutte le lingue che non ci si deve assembrare nelle sale d’attesa dei pronto soccorso. Per fortuna (loro) all’arrivo dei militari si è scoperto che gli assembrati erano tutti conviventi e comunque si sono allontanati.

La sanzione rimane sempre l’extrema ratio. Se il soggetto si allinea alla regola allora sanzionarlo diventa eccessivo. Aveva fatto notizia qualche settimana fa il numero molto elevato di sanzioni tutte insieme, tutte lungo la stessa via e tutte a negozianti. I negozianti si erano lamentati, avevano però dimenticato di dire che il dì delle sanzioni era il terzo che i carabinieri erano passati. Il primo giorno, a norma appena introdotta, avevano informato, il secondo avevano sollecitato e il terzo hanno sanzionato. Dopotutto il carabiniere non è una balia e non va in giro a farsi prendere in giro.

E non fanno nemmeno gli arbitri o gli spettatori. Se gli sport di squadra sono vietati significa che palle e palloni dovrebbero rimanere a casa. Tra domenica e lunedì sono stati sanzionati ben 29 tra calciatori e pallavolisti. I carabinieri, su segnalazione in un caso degli abitanti del luogo e nell’altro di un passante, sono infatti intervenuti per interrompere due partite tra amici, in un caso con tanto di maglie di colori diversi per le due squadre…

Inevitabili le sanzioni, date con dispiacere, specialmente ai giocatori minorenni, perché è anche comprensibile che i giovani vogliano sgranchirsi le gambe dopo due mesi “al palo” o “ai domiciliari” e perché poi ai minori le sanzioni le pagano i genitori, magari già afflitti da attività lavorativa chiusa o ridotta. Ma è di tutta evidenza che contendersi una palla marcandosi stretti e col fiatone può essere una pericolosissima condotta contagiosa.

Ultimi, in ordine cronologico, stanotte, su segnalazione di alcuni cittadini che sentivano musica e schiamazzi, alcune pattuglie hanno interrotto due assembramenti di giovani, peraltro nemmeno molto distanti tra loro. Nel primo caso una festa da ballo in piena regola con musica e bevande.

Nel secondo, ormai in piena notte, urla, risate e chiacchiere nel cortile di una scuola (peraltro rimane da capire se fossero autorizzati o meno). In entrambi i casi alcuni furbetti sono riusciti ad allontanarsi prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. In totale sono stati sanzionati nove ragazzi, di cui alcuni anche minorenni, tra le 00.40 e le 03.30“.

(e.c.)

 

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]

Categorie

di tendenza