Connect with us

Bolzano

3 decreti espulsione, 8 fogli di via obbligatori e 6 avvisi orali. Le ispezioni nelle aree calde di Bolzano

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

Tra fine settimana e questa mattina sono proseguiti i controlli del territorio, che hanno visto impegnati le Unità operative della Questura di Bolzano, la POLFER, la Guardia di Finanza e la Polizia Locale di Bolzano, con il supporto specializzato del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato. Oltre 50 le donne e gli uomini delle forze dell’ordine impiegati a Bolzano nel contrasto di reati contro il patrimonio, lo spaccio di stupefacenti e la criminalità predatoria in generale.

In particolare l’attenzione degli Agenti ha riguardato le zone di Viale Druso, Via Alto Adige, Via dei Cappuccini, Via Perathoner, Piazza Mazzini, Vicolo San Giovanni, della Stazione Ferroviaria e nelle vie limitrofe (grazie all’efficace azione di prevenzione messa in atto dalla POLFER), nonché le vie del Centro storico. Un contesto che ha portato ad individuare, espellere e trattenere nei Centri di Permanenza per i Rimpatri, 3 pluripregiudicati extracomunitari, durante il controlli dei documenti.

Il primo era da poco scarcerato, un cinquantenne cittadino marocchino condannato nel 2014 per ricettazione e spaccio di stupefacenti e ancora nel 2018, sempre per reati di droga. Venerdì sera è stato fermato dalla Polizia in Centro Città in atteggiamenti così sospetti da indurre gli Agenti a condurlo negli Uffici di Largo Palatucci. Nel 2022, durante un controllo di Polizia aveva con sé circa 60 grammi di cocaina e circa 70 grammi di hashish, confezionati in dosi pronte per lo spaccio sulla “piazza” bolzanina, motivo dell’arresto. Accompagnato in Questura, è stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione e il Questore Sartori ha emesso un Decreto di Espulsione, disponendo che venisse immediatamente scortato al Centro di Permanenza per i Rimpatri “Corelli” di Milano, in attesa d’essere quanto prima imbarcato su un volo per il Paese di provenienza.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Sabato mattina un quarantenne cittadino algerino, insofferente al controllo, si è scagliato contro gli Agenti che a grande fatica sono riusciti ad immobilizzarlo per condurlo in Questura. Oltre la condanna nel 2016 e nel 2017 per lesioni e resistenza a Pubblico Ufficiale, nel 2018 ha rubato un cellulare ad una viaggiatrice all’interno della Stazione Ferroviaria di Bolzano e nel 2021 ha commesso un furto in un negozio, è emerso come l’uomo non avesse il Permesso di Soggiorno. Visto tutto, anche per lui il Questore Sartori ha emesso un Decreto di Espulsione ed ha disposto l’immediato trasferimento nel Centro di Permanenza per i Rimpatri “Corelli” di Milano, nell’attesa d’essere quanto prima imbarcato su un volo diretto nel Paese di provenienza.

Lunedì mattina è stato fermato e portato all’Ufficio immigrazione della Questura un trentatreenne cittadino tunisino. A proprio carico numerosi precedenti, quali rapina, furto, porto d’armi od oggetti atti ad offendere, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale ed invasione di terreni. Era da poco scarcerato dopo aver scontato una condanna per spaccio di stupefacenti. Anche per lui, il Questore ha emesso un Decreto di Espulsione e ne ha disposto l’immediato trasferimento nel Centro di Permanenza per i Rimpatri di Gradisca d’Isonzo (Gorizia), da dove verrà scortato nel Paese d’origine.

I servizi di controllo e prevenzione, hanno portato particolare attenzione anche nelle zone dello spaccio e a quelle segnalate per la commissione di attività illecite. Sotto la lente del controllo, anche i centri commerciali “Centrum” e “Twenty” e alcuni edifici abbandonati in Salita Sant’Osvaldo, in Via Grandi ed in Via Flavon, già teatro di analoghe operazioni di Polizia nei giorni scorsi. Nonché le zone attigue al Parcheggio LAURIN, Lungo Talvera e Lungo Isarco, segnalati dalla cittadinanza e sono stati rinvenuti 3 soggetti senza alcun motivo per giustificare la loro presenza a Bolzano. Il Questore ha emesso nei loro confronti altrettanti Fogli di Via Obbligatori con Divieto di far ritorno in città per i prossimi 4 anni. Contesto che ha portato a rilevare tracce evidenti dell’utilizzo di questi luoghi quali bivacchi di fortuna. Questi controlli hanno lo scopo di tenere monitorate queste aree per evitare che si consolidino situazioni di criticità per l’Ordine e la Sicurezza pubblica.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

In questi giorni il ha inoltre disposto un servizio di monitoraggio e prevenzione nelle aree a ridosso di alcune Scuole del Comune di Bolzano, in particolare in prossimità degli Istituti di Istruzione Secondaria di via Luigi Cadorna e del Liceo Scientifico Torricelli di via Rovigo, anche a seguito di segnalazioni d’interesse dei genitori, per evitare che dei malintenzionati avvicinino o coinvolgano i ragazzi in situazioni d’illegalità. Ma è risultato tutto tranquillo.

Anche nel corso dei 9 Posti di Controllo lungo le arterie che conducono in Città, sono stati controllati 12 Esercizi Pubblici, 91 autoveicoli e 331 persone, di cui 116 stranieri e 141 con precedenti. Al termine delle attività operative, il Questore ha provveduto con 8 Fogli di Via Obbligatori (dal Comune di Bolzano) a carico di persone gravate da precedenti e sul territorio comunale senza un motivo valido e 6 Avvisi Orali nei confronti d’altrettanti cittadini italiani e stranieri, socialmente pericolosi per reati di varia natura.

«Continuano in maniera sistematica, come nei fine settimana precedenti, le operazioni straordinarie verifica dei Titoli di Soggiorno in possesso di stranieri pregiudicati e, più in generale, di controllo e monitoraggio dei Parchi e delle aree urbane ove i cittadini hanno segnalato la presenza di soggetti molesti ovvero intenti a commettere attività illecite – ha evidenziato il Questore Sartori al termine dell’operazione –. Queste operazioni di Polizia, così come le attività di prevenzione e di vigilanza effettuate in prossimità degli Istituti Scolastici ed all’interno dei Centri Commerciali e di edifici abbandonati, sono di fondamentale importanza per prevenire e contenere quei fenomeni devianti e quelle manifestazioni delinquenziali che incidono in maniera evidente sulla sicurezza dei cittadini, e per consentire l’allontanamento dal nostro territorio di soggetti irregolari e pluripregiudicati.»

NEWSLETTER

Alto Adige6 ore fa

Riaperto Passo Rombo: la strada panoramica torna accessibile dopo l’inverno, chiuso ancora lo Stelvio

Alto Adige6 ore fa

53 studenti fra Trentino e Alto Adige sono in partenza per un anno di studio in Europa

Sport6 ore fa

Federico Valente resta alla guida dell’FC Südtirol

Sport6 ore fa

Gianluca Vallini al secondo anno a Bolzano

Bolzano6 ore fa

Violenza sessuale in strada per due giovanissime sorelline. Arrestato un nigeriano

Val Pusteria1 giorno fa

Il ricordo degli atti eroici degli alpini del sesto durante la battaglia sul monte Ortigara

Bolzano1 giorno fa

Casa e lavoro del domani: visione sinergica per progettare il futuro di Bolzano

Alto Adige1 giorno fa

La regione ha scelto il mobility manager: verso un futuro di mobilità sostenibile

Alto Adige1 giorno fa

CNA e Delai, intesa per avvicinare i ragazzi al mondo del lavoro

Bolzano1 giorno fa

Lavori congiunti di rinnovo e potenziamento infrastrutture in via Fago: lotto III tratto 3

Arte e Cultura1 giorno fa

Dolomiti verticali: nuova mostra al Museo di Scienze Naturali

Alto Adige1 giorno fa

Polizia di stato e consorzio dei comuni, insieme per la cybersicurezza. Sottoscritto oggi il protocollo d’intesa

Bolzano1 giorno fa

Polizia arresta trafficante di droga: aveva 5,5 kg di marijuana nascosti nel furgone

Consigliati2 giorni fa

L’importanza delle identità digitali nel web

Alto Adige2 giorni fa

Il 10 giugno 2024 si sono conclusi i lavori dello Stakeholder Forum per il clima. Le associazioni ambientaliste tracciano un bilancio intermedio positivo.

Alto Adige3 settimane fa

È nato l’Osservatorio Economico UIL-SGK per l’Alto Adige: una nuova risorsa per il monitoraggio del mercato del lavoro

Arte e Cultura4 settimane fa

Tirolo: un paese diventato località turistica. Se ne parla in un libro

Alto Adige4 settimane fa

Due “pendolari” dello spaccio arrestati al Brennero e riportati subito in Austria

Sport3 settimane fa

Il nuovo casino online ‘Instant Casino’ è l’Official Regional Partner della Juventus

Alto Adige2 settimane fa

Proseguono i lavori per riaprire il passo Rombo e il passo dello Stelvio da oltre 5 metri di neve

Bolzano3 settimane fa

Ruba in un centro giovanile e aggredisce l’educatore. Arrestata giovane trentina

Bolzano Provincia3 settimane fa

Intensificazione dei controlli di velocità sulla MeBo: c’è chi viaggia a 192 km/h

Italia ed estero4 settimane fa

Chico Forti è rientrato in Italia dopo 24 anni

meteo4 settimane fa

Maltempo, la protezione civile emette l’allerta ordinaria (gialla)

Alto Adige3 settimane fa

Conferenze nelle scuole e visite alle Caserme dell’Arma: i Carabinieri incontrano oltre 1200 giovani studenti d’ogni ordine e grado

Politica4 settimane fa

L’aula del Consiglio regionale approva una mozione per il riconoscimento Istituzionale della “Bandiera Ladina”

Trentino4 settimane fa

Lavarone: dopo l’incendio si aspetta il nuovo Drago Vaia

Alto Adige3 settimane fa

Operazione “crepuscolo”: sgominata associazione a delinquere operativa su 4 piazze di spaccio a Bolzano

Hi Tech e Ricerca4 settimane fa

Documenti elettronici: facciamo il punto sulla conservazione sostitutiva obbligatoria

Alto Adige4 settimane fa

Elezioni Europee, Roberto Paccher (Lega): «Occasione storica per il Trentino Alto Adige»

Archivi

Categorie

più letti